Share to Facebook Share to Twitter Share to MySpace Share to Delicious More...
Cerca nel sito :
Loading
Pari Opportunità -- Cpo/Fnsi - Notizie
Roma, 7 marzo 2014
 
Appello della Cpo-Fnsi. Drappo rosso, posto occupato per donne assenti
Giornalismo e violenza sulle colleghe nel mondo
Perdita del lavoro, un altro modo di morire

La vicenda Fadumo emblema della drammatica condizione dei media
 

Intervento di Fadumo Abdulkadir Hassan all'iniziativa della Cpo-Fnsi“La vicenda di Fadumo Abdulkadir Hassan, la giornalista somala violentata in redazione, arrestata, licenziata e ora in cerca di una vera libertà, è l’emblema di una condizione drammatica per tutti gli operatori del settore e per i diritti civili e umani in Somalia e nel mondo. La testimonianza portata oggi al centro dell’incontro promosso, a Roma nella Sala Tobagi, dalla Commissione pari opportunità (Cpo) della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, unitamente a quella di Radio Shabelle (pestaggio e chiusura raccontata dal suo direttore Abdi Mohamud Ismail) sono le evidenze più gravi, e conosciute anche fuori dal continente africano, di un allarme che richiede attenzioni e risposte a tutta la comunità internazionale. La Cpo-Fnsi consegna un ricordo dell’iniziativa alla giornalista Fadumo Abdulkadir HassanL’incontro di oggi della Fnsi ha acceso le luci sulle violenze alle donne e all’informazione – nell’ambito della ricorrenza dell’8 marzo – e ha aperto un canale di attenzione e iniziative specifiche sul caso Somalia. La presenza e gli interventi del vice ministro degli Esteri Lapo Pistelli, dell’ambasciatore italiano a Nairobi con delega alla Somalia, Andrea Mazzella, nonché, fra gli altri, della Consigliera Nazionale di Parità, Alessandra Servidori, di Graziella Rivitti, del ministero dello Sviluppo Economico, di Maria Andaloro, promotrice della campagna “Posto occupato”, di Silvia Guberti, capitano degli alpini del “Female Engagement Team” in Afghanistan nel 2010, di Mimma Iorio, direttore generale Inpgi e di Vincenzo Vita di Articolo21 che espresso sostegno totale alla giornata di oggi e alle iniziative che seguiranno, rappresentano una assunzione di impegni diffusi di alto valore.
Di grande significato è certamente l’azione avviata dal ministero degli Esteri, per il quale il vice ministro Pistelli è stato portavoce di linee guida e di impegno specifico molto concreti, a partire dal sostegno a Fadumo e ai giornalisti che portano su di sé le sofferenze delle violenze ed esprimono con coraggio una denuncia che chiama solidarietà. Da qui l’impegno a rafforzare ulteriormente la cooperazione italiana all’insegna della linea delle 3P: prevenire, punire, proteggere.
La Cpo-Fnsi consegna un ricordo dell’iniziativa al Direttore dell’emittente Shabelle Media NetworkLa Federazione Nazionale della Stampa, intervenuta con la presidente e la coordinatrice della Cpo, Lucia Visca e Donatella Alfonso, il segretario generale e il presidente del sindacato, Franco Siddi (anche a nome della Federazione Internazionale Ifj) e Giovanni Rossi e la vice segretaria Daniela Stigliano, ha manifestato grande preoccupazione per la sorte della collega Fadumo vittima di violenze, oggi ancora esposta a gravissimi rischi personali per la vita, priva di lavoro eppure tesa a coltivare la speranza di futuro. Piena conferma da parte della Fnsi di un’attività solidale in Italia perché i media e la comunità civile e istituzionale aumentino l’attenzione e la capacità di sostegno per una Somalia liberata dai soprusi e dalle prepotenze. La rete di collegamento con i media italiani sarà rafforzata e allo stesso tempo sarà rinvigorito il raccordo con gli ambiti istituzionali e politici nazionali e internazionali per una rete di tutele alle giornaliste e a tutti coloro che si battono per la libertà di informazione, di culto e di idee nel Paese. La solidarietà della Fnsi, con le colleghe e i colleghi, ha inoltre un carattere permanente con la partecipazione a tutti i programmi lanciati in questa direzione dalla Federazione internazionale (Ifj), di cui il sindacato italiano dei giornalisti è parte integrante e attiva”.


 Roma, 6 marzo 2014

Appello della Cpo-Fnsi. Drappo rosso, posto occupato per donne assenti
Giornalismo e violenza sulle colleghe nel mondo
Perdita del lavoro, un altro modo di morire
Presente Fadumo Abdulkadir Hassan vittima di abuso in redazione e arrestata
Venerdì 7 marzo, dalle 10,30 alle 13,30, Fnsi, Corso Vittorio Emanuele II, 349, Roma

“A nome di tutte le vittime del femminicidio e della violenza quotidiana, anche quando non arriva alle conseguenze più tragiche, la Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della stampa rilancia, in vista dell’8 marzo, la mobilitazione “Posto occupato” ideata lo scorso anno da “la Grande Testata”. Venerdì 7 marzo, dalle 10,30 alle 13,30, l’iniziativa sarà sostenuta con un incontro in Fnsi, Corso Vittorio Emanuele II, 349, al quale sarà presente Fadumo Abdulkadir Hassan, giovane giornalista somala stuprata in redazione e successivamente arrestata. Per le donne, oltre a essere vittima di femminicidio, ci sono purtroppo molti modi di morire. Si muore per la vergogna di essere state molestate. Si muore per la perdita di dignità una volta espulse dal mondo del lavoro. Si muore, come nel caso di Fadumo, perché qualcuno vuole spegnere la tua voce.
Per questo altre testimonianze di che cosa significhi per le donne essere vittima di violenza e molestie, così come di essere messe ai margini della società e del mondo del lavoro, saranno portate dal capitano Silvia Guberti, alpina, capo del Female Engagement Team in Afghanistan nel 2010, da Maria Andaloro, la collega che ha promosso la campagna “Posto occupato”, da Graziella Rivitti, ministero Sviluppo economico, che interverrà sulle difficoltà di reintegrazione delle donne cinquantenni espulse dal processo produttivo, da Mimma Iorio, direttore generale dell’Inpgi.
Previsti anche interventi di Lapo Pistelli, viceministro degli Esteri, e Alessandra Servidori, consigliera nazionale di parità. Intervengono il presidente e il segretario generale Fnsi, Giovanni Rossi e Franco Siddi. Introduce Donatella Alfonso coordinatrice della Cpo Fnsi, coordina Lucia Visca presidente Cpo Fnsi. Conclude l’iniziativa Daniela Stigliano, vicesegretario della Fnsi.
La Federazione Nazionale della Stampa Italiana ha lanciato anche un appello affinché in tutti i telegiornali e in tutti i talk show televisivi, su qualunque rete televisiva o web e di qualunque argomento si discuta, ci sia un posto occupato da qualcosa di rosso: a testimoniare che la violenza sulle donne e contro le donne è uno dei problemi fondamentali di questo mondo. E chiede anche che le trasmissioni dei salotti televisivi si occupino, almeno per un giorno, di questioni tenute a margine: a partire dalle spagnole del Tren de la Libertad che non solo difendono l’autodeterminazione nella legge sull’aborto, ma rilanciano l’autonomia e il diritto delle donne, per arrivare alle questioni di genere legate alla nuova legge elettorale e a tutte le sedi della rappresentanza, a quelle legate alla salute, al lavoro e alle garanzie di welfare.
La vicenda di Fadumo Abdulkadir Hassan è significativa in una giornata che vuole celebrare l’8 marzo segnalando come spesso si preferisca che le donne siano assenti. Negli ultimi mesi uno dei più importanti media della Somalia, Shabelle Media Network, composta da due radio ed una televisione, è stata chiusa dalla polizia politica di Mogadiscio con la distruzione delle apparecchiature di trasmissione.
L’occasione è stata l’intervista ad una giovanissima giornalista di Kasmo Radio (la Voce delle donne), Fadumo Abdulkadir Hassan, violentata da due esponenti della polizia politica nell’emittente di Stato Radio Mogadiscio. Poco dopo sia il direttore e un giornalista sia l’editore dell’emittente sono stati arrestati. La colpa? Aver diffuso, tramite Youtube, la notizia. Anche la collega Fadumo è stata arrestata e torturata rischiando la vita così come, d’altronde, numerosi giornalisti in Somalia mentre svolgevano la loro professione. Se ne contano almeno venti dall’agosto del 2012. All’iniziativa saranno presenti anche l’editore, il direttore e un giornalista di Radio Shabelle: Abdimalik Yusuf Mohamud, Abdi Mohamed Ismail e Ahmed Abdullahi Jama. Roma 6 marzo 2014


19 febbraio 2014

L’appello della Commissione Pari Opportunità del Sindacato per l’8 marzo
Drappo rosso per un posto occupato per le donne assenti
Il 7 marzo riunione aperta della Cpo al Sindacato

La Commissione pari opportunità della Fnsi ha rivolto un appello ai conduttori dei talk show e dei salotti televisivi e radiofonici affinché nell’approssimarsi dell’8 marzo aderiscano alla campagna Posto occupato e lascino una sedia vuota riservata idealmente alle donne maltrattate, molestate, uccise, tenute ai margini della società e del mondo del lavoro. Una lettera è stata inviata alla presidente della Rai Anna Maria Tarantola, al presidente di Mediaset Fedele Confalonieri, a quello de La7 Umberto Cairo e all’amministratore delegato di Sky Italia Andrea Zappia, chiedendo l’adesione alla campagna da parte delle aziende da loro guidate. Sono stati anche contattati i conduttori di tutti i salotti delle trasmissioni televisive e radiofoniche.
Per dare forza all’appello è stata anche aperta una pagina Facebook, all’indirizzo “ Fnsi: un posto occupato per le donne assenti”, attraverso la quale far sentire la voce delle donne e della società civile non solo in occasione dell’8 marzo ma anche nei prossimi mesi.
Il 7 marzo dalle ore 10, 30 alle ore 14,00 riunione aperta della Cpo, nella sede della Fnsi - Corso Vittorio Emanuele II, 349-00186 Roma.

L’APPELLO: “UN POSTO OCCUPATO PER LE DONNE ASSENTI”

Un drappo di stoffa rossa, a segnare che quel posto è occupato. E lo è da una persona di riguardo: una donna. Una donna che un posto lo occupava, a casa, al lavoro, sul bus, a scuola, a teatro, comunque nella vita. Quel posto che le è stato tolto da un uomo: magari una volta amato, magari diventato un minaccioso sconosciuto. Qualcuno che ha deciso di togliere loro il posto e la vita. 
E invece, quel posto va occupato. A nome loro e di tutte le altre, le vittime del femminicidio e della violenza quotidiana, anche quando non arriva alle conseguenze più tragiche. La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della stampa rilancia, in vista dell’8 marzo, la mobilitazione “Posto occupato” ideata lo scorso anno da “la Grande Testata”. E lancia un appello perché in tutti i talk show televisivi, su qualunque rete televisiva o web e di qualunque argomento si discuta, ci sia un posto occupato da qualcosa di rosso: a testimoniare che la violenza sulle donne e contro le donne è uno dei problemi fondamentali di questo mondo. E chiede anche che le trasmissioni dei salotti televisivi si occupino, almeno per un giorno, di questioni tenute a margine: a partire dalle spagnole del Tren de la Libertad che non solo difendono l’autodeterminazione nella legge sull’aborto, ma rilanciano l’autonomia e il diritto delle donne, per arrivare alle questioni di genere legate alla nuova legge elettorale e a tutte le sedi della rappresentanza, a quelle legate alla salute, al lavoro e alle garanzie di welfare.
Per questo l’appello è a tutto il mondo dell’informazione: un posto occupato per ricordare chi forzatamente da quel posto è stata buttata fuori. E perché tutti i posti delle donne siano occupati. Senza una striscia rossa di sangue, di dolore, di emarginazione.

Per aderire alla campagna, si possono mandare messaggi alla pagina Facebook o alla mail cpo.fnsi@fnsi.it

PUBBLICHIAMO LE ADESIONI CHE CI SONO PERVENUTE

Aderisco anche io alla campagna “POSTO CCUPATO”
Elisabetta Cadorin
Martellago, Venezia
-------
Il Centro Donna del Comune di Venezia aderisce alla campagna da voi lanciata.
Nel corso dei nostri 22 appuntamenti che si svolgeranno nell'arco del mese di marzo, ne daremo notizia.
Un cordiale saluto.
Gabriela Camozzi
-------
Gentile dott.ssa Visca,
facciamo seguito ai precedenti contatti e la ringraziamo, anzitutto, per il graditissimo invito.
Dobbiamo tuttavia comunicarle l'impossibilità per l'Avvocato Bongiorno di presenziare alla riunione del 7 marzo, a causa di pregressi ed improrogabili impegni già fissati in agenda per tale data.
Esprimiamo, in ogni caso, piena condivisione rispetto all'iniziativa in programma cui aderiamo senz'altro.
Con i più cordiali saluti,
Fondazione Doppia Difesa Onlus.
-------
La Commissione per le pari opportunità tra uomo e donna della Provincia di Venezia sostiene la vostra campagna “drappo rosso per un Posto Occupato” in occasione delle trasmissioni televisive e radiofoniche di talk show nella ricorrenza dell’8 marzo.
Si augura la massima adesione all’invito per una tv pubblica sempre più attenta, sensibile e attiva contro la violenza sulle donne.
per la Commissione
M. Elena Tomat, presidente
-------
SeNonOraQuando Es Ist Zeit Alto Adige Südtirol, invita i media locali a dare massima diffusione e ad aderire all’iniziativa.
Cordialmente
SeNonOraQuando – EsIstZeit – Alto Adige Südtirol
-------
Salve, mi chiamo Marina Moretti, sono una giornalista televisiva. Desidero aderire alla campagna "Posto occupato" lanciata in vista dell'8 marzo (e oltre...).
Grazie
-------
Rispondo all'invito di SENONORAQUANDO a Voi ben noto e aggiungo il mio nome
agli altri
PAOLA SCARPA
-------
L’ONERPO (Osservatorio Nazionale ed Europeo per il rispetto delle Pari Opportunità) aderisce alla campagna “Drappo rosso per un posto occupato”.
La pubblicazione sul nostro sito.
Cordiali saluti.
La Presidente Aura Nobolo
-------
Carissimi, solo per comunicarvi che l'emittente Canale 10 Gela che ho il piacere di dirigere aderisce all'iniziativa "Drappo rosso per un posto occupato". Potete prenderne visione attraverso i programmi "10 domande 10" che andrà in onda lunedì 3 marzo prossimo e "Agorà", previsto per venerdì 7 marzo. Entrambi i programmi televisivi, saranno visibili on line all'indirizzo www.tg10.it (sezione i video della settimana) il giorno dopo la messa in onda.
Saluti
Giuseppe D’Onchia
-------
Marcello Zinola ex segretario giunta associazione ligure dei giornalisti. Prepensionato de Il Secolo XIX Genova.
Idealmente quel posto i colleghi e le colleghe pensionati e pensionate o prepensionati-prepensionate, lo lascino libero evitando vergognose forme di collaborazione rientrando dalla porta da dove sono usciti, anche per chi colleghe o colleghi, fatica a sopravvivere. Anche questo è egoismo e violenza. Anche nel sindacato: portiamo la nostra esperienza ma lasciamo spazio agli attivi per i ruoli di rappresentanza e dirigenza.
Marcello Zinola
-------
Graziella Rivitti, Ministero Sviluppo Economico
 -------
Anche la Rete per la Parità aderisce all’iniziativa e s’impegna a diffonderla
Cordiali saluti. La Segreteria
-------
Aderisco subito all'appello. Mi sembra che l'invenzione (complimenti a chi ha avuto l'idea) sia di ottimo impatto se i media tradizionali vorranno aiutare le donne.
Un caro saluto
Giancarla Codrignani
-------
Il Comitato "Se Non Ora Quando?" Torino aderisce alla campagna "Posto occupato", indetto dalla FNSI.
Cordiali saluti
Enrica Guglielmotti
Presidente Associazione "Se Non Ora Quando?" Torino
-------
Maria Antonia PATA - medico
-------
GiULiA (GIornaliste Unite LIbere Autonome)
-------
Aderisco. Con convinzione.
Vanna Palumbo
-------
Sottoscriviamo con piacere l'appello.
UDI Monteverde
-------
La FILDIS Nazionale (Federazione Italiana Laureate e Diplomate Istituti Superiori) ADERISCE alla campagna "Posto occupato" promossa dalla Commissione pari opportunità della Fnsi . Si impegna a diffonderla.
Gabriella Anselmi
Presidente Nazionale FILDIS
-------
Il gruppo " Se non ora, quando? Donne e informazione" aderisce all'iniziativa.
Buon lavoro
Cinzia Romano
-------
Condivido il vostro appello, e sono pronta a sostenere l'iniziativa.
Coinvolgetemi. Grazie
Monica Cirinnà
-------
Siamo al vostro fianco attive, partecipative, responsabili e decise. Molto decise
ASSOCIAZIONE TUTTEPERITALIA http://www.tutteperitalia.it/
La Presidente e la Vice Presidente
-------
Aderiamo come Consigliera Nazionale di parità Ministero del lavoro e delle politiche sociali e mettiamo sul nostro sito istituzionale
Alessandra Servitori


28 novembre 2013

La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

Si è riunito presso la Federazione Nazionale della Stampa Italiana il coordinamento della Commissione Pari Opportunità con le rappresentati degli enti, Inpgi e Casagit. Al centro della discussione l’esigenza di arrivare, nelle rappresentanze degli organismi di categoria, a un riequilibrio di genere, che comporterà una necessaria modifica degli statuti e dei sistemi elettorali.
Alla questione, a breve, sarà dedicato un documento programmatico, promosso dalla Commissione pari opportunità della Fnsi, per affrontare in maniera coordinata sia gli aspetti politici e culturali legati al riequilibrio di genere, anche sulla base delle leggi 110/2011 e 215/2012  che fissano norme per la rappresentanza di genere nei consigli d’amministrazione delle società quotate e negli organismi elettivi degli enti locali.
Si è deciso inoltre di investire del tema la segreteria e il Consiglio nazionale della Fnsi.


22 novembre 2013

Un giorno senza il lavoro delle donne
Per rifiutare la violenza e la sua cultura

Ma si fermano mai, le donne? Lunedì 25 novembre, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, potrebbe essere il giorno giusto. Non è solo una provocazione lo “Sciopero delle donne” , lanciato da alcune giornaliste e che ha ottenuto numerose adesioni (si possono leggere sul sito www.scioperodelledonne.it): una giornata in cui le donne si fermino dalle attività produttive, riproduttive e di cura: una versione contemporanea dello sciopero di Lisistrata, insomma. La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa aderisce all’iniziativa e lancia la provocazione: potrebbe, questa società, fare davvero a meno delle donne, del loro lavoro ma anche della loro affettività , per dire un “no” secco alla cultura della violenza? Noi pensiamo di no. Ed è giusto, quindi, farlo sapere con la propria assenza. Più dirompente di molte grida.

L’invito è a tutte le donne giornaliste ad aderire all’appello e alla giornata di “sciopero”.


15 luglio 2013

Un Posto Occupato per ogni donna uccisa

La Commissione Pari opportunità della Federazione Nazionale della Stampa Italiana impegnata a sostenere qualsiasi iniziativa a difesa della dignità e della parità di genere  aderisce alla campagna Posto Occupato, dedicata a tutte le donne vittima di femminicidio e di stalking.
POSTO OCCUPATO è partita il 29 giugno dall'anfiteatro della villa Comunale di Rometta (Messina), luogo di nascita di Maria Andaloro, editore della rivista online “La Grande Testata” e ideatrice del progetto. La prima fila dell’anfiteatro è stata occupata da un paio di scarpe rosse, da un mazzo di chiavi, da una borsa, lì cristallizzati a testimonianza di un delitto. Da quel momento, attraverso decine e decine di adesioni, sono cominciati a comparire “posti occupati” in tutti i luoghi pubblici, dovunque possa essere immaginata l’assenza di una donna vittima della violenza.
Ecco come funziona, secondo quando ha immaginato chi ha organizzato la campagna: “si occupa un posto in un cinema, un teatro, un treno, sulla metro o a scuola, per lasciare un segno della nostra presenza: con un giornale, una borsa, un mazzo di chiavi, un cappello. Quel posto è mio, tornerò ad occuparlo. Per molte, troppe donne, non sarà più così”. “POSTO OCCUPATO è un’idea, un dolore, un pensiero – si legge nella pagina Facebook dedicata alla campagna _, una reazione che ha cominciato a prendere forma man mano che i numeri crescevano e cresceva l’indignazione di fronte alla notizia dell’ennesima donna assassinata. Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto nella società, sul tram, a scuola, in metropolitana. E noi quel posto vogliamo riservarlo a loro, affinché la quotidianità non lo sommerga, per simbolizzare un'assenza che avrebbe dovuto essere presenza se non ci fosse stato l'incrocio fatale con un uomo che ha manifestato la sua bestialità, ammantandola di un ‘amore’ che altro non è che disprezzo”.



23 maggio 2013

Commissione Pari Opportunità: Idem, sulla parità di genere obiettivi comuni con i giornalisti

“Auspico una collaborazione lavorativa sulla Pari Opportunità  con gli organismi giornalistici. Il nostro obiettivo è comune”. E’ l’invito lanciato dalla Ministra delle Pari Opportunità, Josefa Idem, intervenendo oggi all’incontro promosso dalla Cpo Fnsi nella sede della Federazione a Roma. La Ministra ha sottolineato l’apprezzamento per l’impegno degli organismi sindacali dei giornalisti nell’impegno ad aumentare la consapevolezza sulle problematiche di genere. In particolare su quanto riguarda la sensibilità contro femminicidio e violenze. “E’ chiaro che non sono azioni risolutive a breve ma bisogna essere coerenti nel breve e lungo e periodo.
Al dibattito-contestuale alla presentazione pubblica del volume “Il principio di pari opportunità di genere nelle istituzioni politiche( autore, Prof.  Andrea Deffenu) e coordinato dalle responsabili Cpo Fnsi, Lucia Visca e Donatella Alfonso – Mimma Iorio, direttrice generale dell’Inpgi e Carola Vai, componente cda Casagit, hanno sintetizzato la situazione femminile anche dal punto di vista numerico dei rispettivi organismi.
Il Professor Deffenu ha ricordato la lunga marcia perché i diritti di pari rappresentanza venissero recepiti dall’ordinamento italiano e ha sottolineato l’importanza dell’articolo 51 della legge costituzionale sul quale si stanno  intravedendo risultati.
L’aspirazione ad una maggiore presenza delle donne nei vertici istituzionali- politici e giornalistici – è stata sollecitata dalla consigliera nazionale di pari opportunità del Ministero del Lavoro, Alessandra Servidori, mentre la Senatrice, Loredana De Petris ha puntato l’attenzione sul fatto che “il problema di genere è culturale”.
All’incontro, al quale ha portato i saluti il Segretario della Fnsi, Franco Siddi,  è terminato con la determinazione della Cpo Fnsi e degli Istituti di categoria a costituire un gruppo di lavoro sulla situazione di genere nel mondo giornalistico.


22 maggio 2013 Roma

Pari Opportunità: domani in Fnsi libro Deffenu e dibattito con Ministra Idem e consigliera di Parità.

“Giornata speciale di impegno per le giornaliste e i giornalisti italiani della Fnsi, domani mattina a Roma, con una iniziativa nazionale della Commissione Pari opportunità della Federazione nazionale della stampa italiana dedicata alla piena affermazione del principio di Pari Opportunità di genere. Interverranno docenti universitari (Deffenu, Ciarlo, Demuro) ,  la consigliera nazionale di pari opportunità, Alessandra Servidori, rappresentanti dell’associazionismo femminile del mondo dell’informazione. Al dibattito - coordinato dalle responsabili Cpo Fnsi, Lucia Visca e Donatella Alfonso - interverrà la ministra delle Pari Opportunità, Josefa Idem. Previsto un messaggio della Presidente della Camera, Laura Boldrini, preannunciati anche gli interventi delle due capi Gruppo Parlamentari donne dell’attuale legislatura: Loredana De Petris (Sel) e Roberta Lombardi (M5s)
L’occasione è data dalla contestuale presentazione pubblica del volume del Prof. Andrea Deffenu, docente universitario di diritto costituzionale, su “Il principio di pari opportunità di genere nelle Istituzioni politiche” (Editrice Giappichelli, pagg. 216).
L’obiettivo è quello di incrementare le azioni per il riconoscimento definitivo, a livello nazionale come nei livelli locali ed europeo, del principio di parità nell’ambito di un nuovo approdo dei diritti politici e del lavoro.
Il volume che verrà presentato, nel corso della riunione straordinaria della Commissione Pari Opportunità della Fnsi – dalle 10.30 alle 13.30, nella sede di corso Vittorio Emanuele, 349 a Roma – analizza i ritardi, le attuazioni parziali e le omissioni legislative di un lento recepimento del principio di pari opportunità di genere, stabilito dalla Costituzione repubblicana, nella legislazione statale.
L’iniziativa è aperta al pubblico”.


8 marzo 2013 Circolo della Stampa di Milano

“New Media: rivoluzione e nuove opportunità”
Vademecum della Cpo-Fnsi per la maternità

Oggi, 8 marzo, al circolo della Stampa in Corso Venezia, 48, la mattina dalle ore 10,30 alle 13,30 si svolgerà l’incontro/dibattito organizzato dalla Commissione pari opportunità dell’Associazione lombarda dei giornalisti sul tema “New Media: rivoluzione e nuove opportunità”.
Nel pomeriggio dalle 15 sarà presentato un vademecum sulla maternità a cura della Commissione pari opportunità della FNSI in collaborazione con Inpgi e Casagit. Alla discussione partecipano Mimma Iorio, vicedirettore Inpgi, e Francesco Matteoli, direttore Casagit.

VADEMECUM CPO-FNSI: “SEBBEN CHE SIAMO MAMME… (DIS)OCCUPAZIONE E MATERNITÀ” (Formato pdf)

VADEMECUM CPO-FNSI: “SEBBEN CHE SIAMO MAMME… (DIS)OCCUPAZIONE E MATERNITÀ” (Formato ppt)


22 novembre 2012

La Commissione Pari Opportunità della Fnsi comunica:

“La Commissione pari opportunità della Fnsi accoglie con favore la valutazione del Segretario Generale Franco Siddi dopo il voto al Senato sulla diffamazione. Il tentativo di dividere il fronte dei giornalisti separando i direttori dalle redazioni è odioso e inaccettabile. Inaccettabile è anche l’impostazione della legge che così concepita negherebbe qualsiasi diritto all’informazione.
La Cpo è d’accordo con il Segretario nel ritenere che lo sciopero, accompagnato da una mobilitazione diffusa, sia ormai inevitabile”.


21 novembre 2012

Cento numeri color sangue.
Ma le donne non sono numeri.

“Una mano femminile scrive, con una punta metallica intinta nel colore rosso, un numero dietro l’altro sullo sfondo bianco:  fino ad arrivare a cento, fino a che il rosso riempie lo schermo con tratti sempre più forti, e lo stridio dello strumento metallico fa accapponare la pelle. E’ il video prodotto in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne 2012 dalla Fondazione per la Cultura palazzo Ducale di Genova a cui, come negli anni passati, ha dato il suo patrocinio la Commissione Pari Opportunità della Fnsi. Una maniera, spiega la filosofa Nicla Vassallo, autrice insieme a Francesca Biasetton, Luca Borzani e alla regista Serena Gargani del video, per contare ben oltre cento, per ricordare che se questa è la violenza emersa ce n’è altrettanta, anzi molta di più che rimane sommersa. E contare ci deve imporre di riflettere, di darci da fare ogni giorno contro questa crisi sociale e culturale che allinea le donne come vittime sacrificali. Perché questi non sono omicidi passionali, sono omicidi, e basta.

E la Cpo Fnsi vuole ancora una volta ribadire la necessità per tutte le operatrici e gli operatori dell’informazione di testimoniare, di impegnarsi ogni giorno perché i media tutti cambino lo sguardo su questa tragedia collettiva: nel raccontarli, nel dare strumenti perché questa cultura della morte e della disparità scompaia.

Il video, che sarà proiettato dal 22 al 25 novembre nel Cortile Minore di Palazzo Ducale a Genova, è visibile al link http://www.youtube.com/watch?v=UpVWZ-Dkmkc. Invitiamo tutte le colleghe e i colleghi a dare la massima diffusione a questo video e a segnalarci analoghe iniziative nelle varie regioni”.

Lucia Visca, presidente Cpo Fnsi
Donatella Alfonso, coordinatrice Cpo Fnsi

***********

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne 2012, Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura invita a contare lentamente da 1 a 100. Sono oltre cento le donne uccise quest'anno da maschi-killer. Stiamo assistendo a un'inaudita escalation di violenza. Si chiama femminicidio.
Violenza per lo più domestica: i killer sono ex-compagni, mariti, partner, padri. Killer che odiano, killer che non amano, killer che violentano la parola "amore". E quante sono le vittime, sempre donne, dei tanti altri tipi di abusi e violenze sessuali? Contiamo fino a 100, e ben oltre 100, molto, molto oltre.
Barbarie, ignoranza, inciviltà sono violenza. Chiediamo a voce alta civiltà, cultura, progresso. Contro il femminicidio, contro il machismo. Contro ogni violenza sulle donne.

Calligrafia: Francesca Biasetton
Regia: Serena Gargani
Testo: Luca Borzani e Nicla Vassallo.


14 aprile 2012

Parità, promozione del merito e abbattimento degli stereotipi
Una Carta per le Pari Opportunità e l’uguaglianza sul lavoro
In Fnsi il ministro Elsa Fornero firma il documento con Franco Siddi

 “Parità, promozione del merito e abbattimento degli stereotipi”. Questi le direttrici indicate dal Ministro del Lavoro, professoressa Elsa Fornero nella sede della Federazione nazionale della Stampa, a Roma, in occasione della firma, con il segretario generale della Fnsi, Franco Siddi, della “Carta per le pari opportunità e l’uguaglianza sul lavoro”.
Alla presenza di Roberto Natale, presidente della Fnsi, della Giunta esecutiva e  della Commissione pari opportunità con la presidente Lucia Visca e la coordinatrice Donatella Alfonso, Elsa Fornero in un clima di grande collaborazione e attenzione ha sottolineato alcuni punti della riforma che “ha tratti di forte inclusione delle donne”, riconoscendo loro uno specifico capitolo.
“La carta di parità – ha sottolineato il segretario Siddi – rappresenta un traguardo al termine di un percorso lungo oltre 100 anni nel quale la Fnsi, anche attraverso l’attività della Cpo che ha lavorato con grande determinazione, è giunta a questo risultato. Comunque, persistono questioni irrisolte di genere e siamo consapevoli di non aver colmato tutte le lacune”.
“Dalla recessione si esce – ha detto la professoressa Fornero – e per la ripresa del Paese è fondamentale il ruolo delle donne dal punto di vista occupazionale, produttivo e professionale, ma occorre un forte impegno nel contrasto alla precarietà”.
“Voi donne giornaliste – ha sottolineato rivolgendosi alle componenti della Cpo – avete la responsabilità di evitare che si offra anche all’estero un’immagine distorta della donna sui media. Il giornalismo ha rappresentato lo specchio di una società italiana rissosa, ma le giornaliste con la loro sensibilità e freschezza possono contribuire a modificare una concezione che vede la donna oggetto di stereotipi orrendi e puntare invece alla promozione del merito”.
“La Carta di parità non deve restare in un cassetto, ma servire a valorizzare le competenze femminili nel giornalismo”. E’ l’appello con cui Elsa Fornero ha chiuso l’incontro. La Commissione pari opportunità della Fnsi utilizzerà lo strumento della Carta per sostenere politiche di genere nella iniziativa sindacale e aprire confronti con le aziende su temi come occupazioni, carriere, salari e welfare.

Carta per le Pari Opportunità e l’uguaglianza sul lavoro

Valorizzare il pluralismo e le pratiche inclusive nel mondo del lavoro contribuisce al successo e alla competitività delle imprese, riflettendone la capacità di rispondere alle trasformazioni della società e dei mercati.

Adottando questa Carta la nostra impresa intende contribuire alla lotta contro tutte le forme di discriminazione sul luogo di lavoro - genere, età, disabilità, etnia, fede religiosa, orientamento sessuale - impegnandosi al contempo a valorizzare le diversità all’interno dell’organizzazione aziendale, con particolare riguardo alle pari opportunità tra uomo e donna.

In virtù di questa Carta ci impegniamo a contribuire al raggiungimento degli obiettivi sopra condivisi attraverso alcune azioni concrete:

definire e attuare politiche aziendali che, a partire dal vertice, coinvolgano tutti i livelli dell’organizzazione nel rispetto del principio della pari dignità e trattamento sul lavoro;

individuare funzioni aziendali alle quali attribuire chiare responsabilità in materia di pari opportunità;

superare gli stereotipi di genere, attraverso adeguate politiche aziendali, formazione e sensibilizzazione, anche promuovendo i percorsi di carriera;

integrare il principio di parità di trattamento nei processi che regolano tutte le fasi della vita professionale e della valorizzazione delle risorse umane, affinché le decisioni relative ad assunzione, formazione e sviluppo di carriera vengano prese unicamente in base alle competenze, all’esperienza, al potenziale professionale delle persone;

sensibilizzare e formare adeguatamente tutti i livelli dell’organizzazione sul valore della diversità e sulle modalità di gestione delle stesse;

monitorare periodicamente l’andamento delle pari opportunità e valutarne l’impatto delle buone pratiche;

individuare e fornire al personale strumenti interni a garanzia della effettiva tutela della parità di trattamento;

fornire strumenti concreti per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro favorendo l’incontro tra domanda e offerta di flessibilità aziendale e delle persone, anchen adeguate politiche aziendali e contrattuali, in collaborazione con il territorio e la convenzione con i servizi pubblici e privati integrati; assicurando una formazione adeguata al rientro dei congedi parentali;

comunicare al personale, con le modalità più opportune, l’impegno assunto a favore di una cultura aziendale della pari opportunità, informandolo sui progetti intrapresi in tali ambiti e sui risultati pratici conseguiti;

promuovere la visibilità esterna dell’impegno aziendale, dando testimonianza delle politiche adottate e dei progressi ottenuti in un’ottica di comunità realmente solidale e responsabile.

Prof.ssa Elsa Fornero
Ministro del Lavoro

Franco Siddi
Segretario Generale Fnsi

CARTA PER LE PARI OPPORTUNITÀ E L’UGUAGLIANZA SUL LAVORO
(FormatoPdf)


 
8 marzo 2012

Cpo-Fnsi auspica un ritorno in patria della coraggiosa cooperante
Mimose davanti alla casa di Rossella Urru a Sassari

“Le mimose comparse sul cancello della casa di Via Brigata Sassari a Samugheo, dove si aspetta il ritorno di Rossella Urru, ci ricordano in maniera prepotente che l’8 marzo, prima di essere una giornata di festa, è una ricorrenza che celebra le lotte, le passioni e le battaglie delle donne per i diritti femminili, dei deboli, dei popoli oppressi. La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa e tutto il Sindacato dei giornalisti uniscono i propri auspici a quelli di quanti stanno chiedendo con insistenza la liberazione della cooperante italiana sequestrata in Mali. Il ritorno a casa di Rossella Urru sarebbe il modo migliore per festeggiare un 8 marzo nel segno della liberazione da ogni oppressione.”


8 marzo 2012

8 Marzo, nella sede della Fnsi, Cpo-Usigrai: "Rainformazione-professione donna"

L’immagine femminile e il ruolo del servizio pubblico sono stati, insieme alla governance della Rai, i temi al centro dell’iniziativa promossa dalla Cpo-Usigrai nella sede della Fnsi. Il tema della governance si fa sempre più urgente, in una fase di stallo politico che compromette il futuro dell’Azienda.
Hanno partecipato Anna Finocchiaro, capogruppo del Pd al Senato, Barbara Saltamartini, responsabile nazionale Pari Opportunità e vice presidente gruppo Pdl, Roberto Rao, commissione di vigilanza parlamentare (Udc), Flavia Perina, commissione parlamentare di vigilanza (Fli), Vincenzo Vita, commissione parlamentare di vigilanza (Pd), Antonello Falomi, responsabile area dipartimentale Rai ( Idv), Marina Sereni. vice presidente Pd, Franco Siddi, segretario generale Fnsi, Roberto Natale, presidente Fnsi, Carlo Verna segretario Usigrai. ha moderato Ilaria Capitani.
Con Marina Cocozza la Cpo-Uisigrai ha presentato i risultati del primo sondaggio svolto all’interno dell’Azienda sulla realta’ dei giornalisti Rai.
Monia Azzalini dell’Osservatorio di Pavia, invece, ha illustrato i risultati del monitoraggio condotto nel 2011 dall’Osservatorio Europeo sulle rappresentazioni di genere in 15 telegiornali europei.

QUESTIONARIO SULLA REALTA’ DEI GIORNALISTI IN RAI – Promosso dalla CPO dell’USIGRAI (Formato Ppt)


21 febbraio 2012

Cpo Fnsi: basta con clausole discriminatorie

"Stupisce e indigna, nel momento in cui l'Italia scopre la ricchezza derivante dal lavoro femminile, la clausola vessatoria dei contratti a partita Iva della Rai che consentirebbe di mandare a casa le donne in gravidanza e i malati. In questi giorni fioriscono interessanti ricerche, Cnel, Banca d'Italia, Ocse, su come il lavoro femminile sia in grado di muovere l'economia ma, evidentemente, questa semplice realtà non è arrivata all'orecchio dei vertici amministrativi della tv pubblica. Giustificarsi dicendo che ai collaboratori non si applica lo Statuto dei lavoratori è addirittura odioso, quando i contratti di collaborazione nascondono un vero e proprio rapporto di lavoro subordinato.
La Commissione pari opportunità della Fnsi, convinta che soltanto attraverso un reale rispetto del lavoro e dei diritti si possa giovare al mercato, è vicina alle colleghe messe a rischio per una scelta, quella della maternità, legittima e privata e chiede che la clausola venga immediatamente cancellata dai contratti, nel rispetto dei diritti più elementari della persona”.


18 novembre 2011

Donne e giornaliste: soggetti fondamentali del Paese che cerca il rilancio
Ad Elsa Fornero, ministro del Welfare, un invito: discutiamo di lavoro e pensioni

La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:
Favorire l'ingresso nel mondo del lavoro dei giovani e delle donne, le due grandi risorse sprecate del nostro Paese.  Una frase che suscita applausi, quella del neopresidente del consiglio Mario Monti, nel suo discorso al Senato, giovedì 17 novembre, ripetuto oggi alla Camera dei Deputati. Più avanti, sottolinea ancora Monti, “uno dei fattori che distinguono l'Italia nel contesto europeo è la maggiore difficoltà di inserimento o di permanenza in condizioni di occupazione delle donne. Assicurare la piena inclusione delle donne in ogni ambito della vita lavorativa ma anche sociale e civile del Paese è una questione indifferibile. È necessario affrontare le questioni che riguardano la conciliazione della vita familiare con il lavoro, la promozione della natalità e la condivisione delle responsabilità legate alla maternità da parte di entrambi i genitori, nonché studiare l'opportunità di una tassazione preferenziale per le donne”.
Parole importanti per le donne che lavorano e per le donne giornaliste, tra loro. La Commissione Pari Opportunità della Fnsi, che da tempo è impegnata per segnalare alle aziende editoriali, e a tutte le realtà nelle quali si produce informazione, la necessità di garantire maggiore occupazione e piena pari opportunità di carriere e di salario alle donne, che si avviano a rappresentare la metà della categoria, riconosce come un segnale importante la scelta di assegnare a tre donne – Anna Maria Cancellieri agli Interni, Paola Severino alla Giustizia, Elsa Fornero al Welfare, con delega alle pari opportunità – altrettanti ministeri strategici per il Paese.
Il tema del welfare e delle pensioni, sul quale la Cpo della Fnsi ha puntato particolarmente la propria azione negli ultimi mesi, considerando anche la riforma dell’Inpgi, che affianca all’aumento dell’età pensionabile per le donne la ricerca di sistemi di welfare che non penalizzino le lavoratrici, è quello sul quale ci sembra più urgente richiamare l’attenzione. Con l’invito a Elsa Fornero a mettere in agenda un incontro con le rappresentanze sindacali della Cpo Fnsi. Riteniamo urgente una discussione che, senza mettere in discussione garanzie già acquisite, punti a realizzare nuove occasioni di sviluppo e di tutela per tutte le giornaliste e le operatrici del mondo dell’informazione, particolarmente strategico nel momento attuale.
Alle donne nominate nel Governo Monti l’augurio di un lavoro sereno e importante per tutte e tutti gli italiani.



1 giugno 2011

La Cpo-Fnsi denuncia: "Donne che non fanno notizia se non è gossip, carriere bloccate, precariato, ignorate dalle istituzioni"

Lavoratrici senza aiuti, ignorate dalle istituzioni. Donne che non fanno notizia, a meno che non siano vittime o al centro di gossip. Giornaliste dalle carriere bloccate, se non votate al precariato. E' la drammatica fotografia del mondo femminile nell'informazione italiana, raccontato il 1 giugno al tavolo 'Donne nei Media', promosso Federazione Nazionale della Stampa e dall'Associazione Stampa Romana, che ha riunito, al Senato e poi nella sede dell'FNSI, giornaliste, rappresentanti delle istituzioni, della politica e delle associazioni, per fare il punto su due filoni: lavoro e trattamento della donna nella notizia.
"Abbiamo scelto la vigilia della festa della Repubblica - spiegano Donatella Alfonso, coordinatrice CPO FNSI, e Nella Condorelli, presidente Dipartimento Diritti e Pari Opportunità dell'ARS – perché questa Repubblica poco si occupa delle sue cittadine. E non ricorda che il 2 giugno è anche la ricorrenza del primo voto alle donne. Ma fin tanto che le donne non entreranno nella stanza dei bottoni, non cambierà il modo in cui vengono rappresentate". La situazione femminile nell'editoria sembra peggiorata di pari passo con la crisi economica. "Negli ultimi due anni il 95% delle persone mandate a casa dai giornali sono stati uomini - spiega Lucia Visca, presidente CPO FNSI - Il 65% di chi è restato è donna, ma questa crisi ha generato un mostro con teste molto piccole, tutte maschili, e corpi molto larghi femminili, con differenze salariali del 40% e carriere, per le donne, bloccate da soffitti di cemento". Quel 65%, poi, aggiunge Maria Pia Farinelli, consigliere regionale dell'Ordine dei Giornalisti, "sono in gran parte precarie perchè la presenza di donne con contratto in redazione è del 30%".
Situazione "tragicomica" anche in Rai, come racconta Ilaria Capitani, coordinatrice della Commissione Pari Opportunità dell'Usigrai, che annuncia per lunedì la prima assemblea nazionale delle giornaliste dell'azienda con i dati della situazione. Appoggio bipartisan al tavolo dalla vicepresidente del Senato Emma Bonino e dalle senatrici Vittoria Franco del PD ("perchè nessun giornale oggi riporta le frasi di Draghi di ieri sui mancati investimenti sulle donne?", chiede) e Laura Bianconi del PDL ("Anche nelle ultime elezioni - dice - la presenza femminile nelle istituzioni è stata sotto le due cifre"). "In Italia le donne magari sono state anche a lungo in silenzio, ma oggi di sicuro sono silenziate - conclude la Bonino - Tutti i direttori di giornali sono uomini, tranne due, e non c'è neanche una direttrice nel sistema bancario. Dove sono finiti poi i 4 miliardi in 10 anni dall'innalzamento alle pensioni e destinati alle politiche di conciliazione?". (di Daniela Giammusso) (ANSA)

TAVOLO 'DONNE NEI MEDIA' SENATO E SEDE FNSI NELLA PAGINA DEI VIDEO DEL SITO


17 maggio 2011

INVITO CPO 27 MAGGIO

Care Colleghe/Cari Colleghi,
la Presidente del Centergross, dott. Lucia Gazzotti (tra l’altro prima donna Presidente nella storia cinquantennale del Centergross)  ci ospiterà venerdì 27 maggio (ore 10,30)  a Villa Orsi per discutere assieme alle candidate/candidati del prossimo Direttivo Aser e ai cdr e fiduciari  dell’Emilia- Romagna, di questioni  che ci toccano da vicino (riforma pensionistica, welfare e occupazione) e per poter formulare proposte concrete  da sottoporre all’attenzione della nostra Federazione e degli Organismi competenti.
A questo appuntamento saranno presenti Lucia Visca Presidente nazionale Commissione Pari Opportunità CPO della FNSI, Rosa Maria Amorevole Consigliera di Parità per l’Emilia-Romagna e  l’avv. Michela Cocchi Presidente Business&Human Rights Unione Internazionale Avvocati UIA
A conclusione dell’incontro una veloce colazione di lavoro e per chi lo desidera  una breve visita alla struttura, che è il più grande distretto commerciale d’Europa.
Con i più cordiali saluti.
CAMILLO GALBA
PRESIDENTE ASER
MARCO GARDENGHI
SEGRETARIO CONSULTA COMITATI E FIDUCIARI DI REDAZIONE
SERENA BERSANI
CANDIDATA PRESIDENTE ASER
MARIA LUIGIA CASALENGO
CPO EMILIA - ROMAGNA

N.B. Per facilitare  la partecipazione all’iniziativa sarà a disposizione davanti alla stazione alle ore 10  un bus  navetta per il Centergross, si prega cortesemente di  confermare  entro venerdì 20  maggio  la presenza ( se possibile anche alla colazione di lavoro entro martedì 24 maggio)  ai numeri 051 6487641 – 346  9638701.


4 maggio 2011

Continua il lavoro delle giornaliste

Il lavoro continua: la Commissione Pari Opportunità della Fnsi, rinnovata dopo il congresso di Bergamo, si è insediata ratificando la nomina a presidente da parte della Giunta esecutiva di Lucia Visca ed eleggendo Donatella Alfonso quale coordinatrice. In questo modo la Commissione ha rinnovato la fiducia alle colleghe per il lavoro svolto negli ultimi tre anni e deciso di partire da lì per la difesa dei diritti di genere di quanti lavorano nell’informazione.
Il dibattito si è concentrato sulle questioni più urgenti: riforma delle pensioni, welfare e occupazione. Entro il mese di giugno, infatti, l’Inpgi (Istituto di previdenza dei giornalisti italiani) deve approvare una riforma che metta in sicurezza l’autonomia finanziaria dell’istituto stesso: tra le misure c’è anche l’innalzamento dell’età pensionabile delle donne giornaliste a 65 anni. Appunto per questo, per la Cpo è necessario discutere rapidamente, e con il contributo di tutta la categoria, e in particolare delle donne, quali siano i meccanismi di garanzia e quelli di welfare da porre come punti fermi per dare insieme sicurezza economica e di scelte di vita.
Alla riunione di insediamento della Cpo hanno portato il saluto il presidente e il segretario della Fnsi, Roberto Natale e Franco Siddi, confermando, a loro volta la necessità di riformare i meccanismi di rappresentanza nel sindacato per dare maggiore spazio a politiche di genere e ai soggetti emergenti del precariato e del lavoro autonomo.


8 marzo 2011

8 marzo: dignità e diritti


Non abbiamo voluto mancare l'appuntamento dell'8 marzo. E' fondamentale la presenza delle giornaliste nell'ampio movimento femminile per la dignità. Quest'anno abbiamo potuto, grazie all'Inpgi, aggiornare la lettura dei dati sull'occupazione e sulle carriere nella nostra categoria. Questo studio offre una ricognizione ampia sullo stato delle cose. Ci sono infinitesimali cambiamenti, in meglio, rispetto agli anni scorsi ma l'obiettivo della parità è ancora molto distante. Per questo vi riproponiamo, qua sotto il documento congressuale approvato a Bergamo.

L'iniziativa della Fnsi deve ripartire da lì, dando forza alla battaglia della dignità da conquistare anche attraverso la rappresentanza e la presenza femminile nelle redazioni e nelle funzioni che concorrono alla gestione delle notizie e, di conseguenza, alla formazione dell'opinione pubblica.

Studio su: POVERE DONNE ATTENTE AL PORTAFOGLIO 2 LAVORO E DIFFERENZIALE SALARIALE NELL’INFORMAZIONE (Formato Pdf)

DOCUMENTO CONGRESSUALE

Il XXVI Congresso della Stampa Italiana, riunito a Bergamo dall'11 al 14gennaio 2011, impegna i futuri organismi dirigenti della FederazioneNazionale della Stampa Italiana a:

1. Rimuovere concretamente gli ostacoli ancora esistenti nella quotidiana attività professionale delle donne giornaliste e a sostenere e promuovere l'attività sindacale delle colleghe, contrattualizzate, lavoratrici autonome, disoccupate o giornaliste professionali in cerca di prima occupazione nel mondo dell'informazione.

2. Favorire ogni possibile azione perché alla maggior presenza femminile nella professione corrisponda un'analoga rappresentanza negli organismi sindacali. I dati mostrano una presenza ancora troppo bassa di adesioni femminile e questo impone un impegno del sindacato nuove iscrizioni che amplino la partecipazione di genere. Un'azione da sostenere con l'introduzione di metodi concepiti nel rispetto di tempi e i modi compatibili con quelli della professione e della vita personale.

  1.. Promuovere azioni sindacali a tutela e sostegno dell'accesso, delle carriere e dell'effettiva parità salariale. A tutela inoltre dell'attività di lavoro autonomo, con la rimozione degli ostacoli dei genere (mancata tutela della maternità, utilizzo di criteri di selezione non professionali, ecc).
  2.. Vigilare e intervenire sulla qualità dell'informazione – carta stampata, televisiva, multimediale - affinché l'immagine e il ruolo della donna non vengano rappresentati attraverso modelli lesivi della dignità e distanti dall'effettiva presenza delle donne nella società italiana. La maggior presenza di donne nei ruoli decisionali potrà apportare cambiamenti importanti anche nelle scelte dell'informazione e nel costume culturale del
paese.
  3.. Proseguire l'attività di monitoraggio e di indirizzo verso ogni possibile soluzione e sostegno concreto affinché nelle redazioni, negli uffici stampa e nell'attività libero professionale e autonoma dell'informazione, non vengano adottati comportamenti qualificabili come mobbing o costituenti grave elemento di disagio lavorativo. Promuovere, insieme con la Casagit e con le associazioni territoriali di stampa, azioni concrete di supporto alle colleghe e ai colleghi in condizioni di difficoltà.

LA FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA STAMPA ITALIANA COMUNICA:
8 MARZO: FNSI, LOTTA ALLE DISCRIMINAZIONI, PER L’UGUAGLIANZA E PER LA LIBERTÀ 

“Cento anni dopo, la Festa della Donna conserva intatta la sua attualità. Non dappertutto c’è ancora il pieno rispetto dei diritti umani a prescindere dalla propria condizione; anzi, in molti luoghi dove i diritti di uguaglianza sono pure sanciti dalle leggi si addensano nubi pesanti che coprono i più deboli. Ancora troppe donne sono offese nella loro dignità di persone e di lavoratrici. Libertà, lavoro, dignità sono capisaldi di una società civile, fondamento di ogni progetto di rinascita. In questo tempo moderno restano più che mai attuali e da attualizzare, in relazione alle vicende che ci attraversano,le idee che la Federazione Nazionale della Stampa italiana portò nel 1908 al 1° congresso nazionale femminile del Consiglio Nazionale delle donne italiane: la presenza femminile a pieno titolo nella società e nel mondo del lavoro in termini di uguaglianza e di rispetto dei diritti umani. Un progetto permanente e aperto, anche perché a impedire di chiuderlo ci sono ancora troppe ingiustizie e irresponsabilità che vanno anche oltre la questione della cosiddetta altra metà del cielo. L’8 marzo sia perciò ora la giornata per richiamare ciascuno a cancellare le discriminazioni, a riconoscere il diritto al lavoro e alla libertà di pensiero ad allontanare ogni idea che il dissenso debba essere disciplinato. Per le donne giornaliste e per la Fnsi la difesa della libertà è il punto numero 1 di impegno in una battaglia mai finita per la dignità che deve interpellare e coinvolgere tutti. I diritti delle donne violati o negati, sul lavoro, in casa, nello studio, nella vita ordinaria non sono questione di una parte ma un problema del genere umano e per il sindacato, nello specifico, c'e' l’obbligo di perseverare nell’attenzione e nell’impegno per superare squilibri che ancora permangono e per combattere con forza aggressioni e discriminazioni”.


12 febbraio 2011

Mobilitazione delle donne il 13 febbraio

La tutela della dignità e della professione giornalistica ha come elemento imprescindibile il rigetto di una visione degradata della donna, del suo ruolo e del suo valore. Non intendiamo avallare una cultura sessista, legittimata dall’atteggiamento generale (e non da oggi) di parte della politica, dell’opinione pubblica e dei media, che deturpa  e svilisce l’immagine delle donne italiane.
Noi preferiamo la “d” di donne, dignità, deontologia, diritto/dovere del fare e ricevere informazione. In un mondo, quello mediatico, dove il fattore “d” (donne) non è che brilli spesso sia per come è presentato sia per lo spazio (poco) che ha nei vari giornalismi.
Per questo domani anche le giornaliste indosseranno la sciarpa bianca della dignità per manifestare contro chi tenta di ridurre l’universo femminile a tappezzeria nelle serate gaudenti di qualche potente o in trasmissioni televisive concepite per addormentare le coscienze. Le donne sono altro, per fortuna. Ed è questo altro che come professioniste dell’informazione vogliamo raccontare sui media: la vita vera di chi deve ancora combattere per affermare la propria identità, ottenere pari dignità di carriera e pari salari, conciliare i tempi di lavoro e di cura familiare.
E’ pensando a queste storie di donne, troppo spesso non rappresentare dai media, che, come Commissione pari opportunità della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, diamo la nostra piena adesione alla manifestazione in piazza del Popolo per la dignità di tutte le donne italiane.

Donatela Alfonso, coordinatrice Cpo Fnsi
Lucia Visca, presidente Cpo Fnsi


26 maggio 2010

“E’ questione di rispetto”. Nasce un blog per raccogliere storie e denunce delle donne nell’informazione

Dopo l’allontanamento della collega Tiziana Ferrario dalla conduzione del Tg1 e la denuncia della collega Maria Luisa Busi sull’impossibilità di garantire nella stessa testata un’informazione di qualità, rispettosa delle donne e della missione del servizio pubblico, nasce su iniziativa della Cpo Fnsi e della Cpo Usigrai, un blog (http://questionedirispetto.blogspot.com) che raccoglie storie e situazioni: per pretendere rispetto.
Prima di tutto le donne pretendono rispetto nell’informazione e dall’informazione; per la loro identità, per ciò che sono ad ogni età senza soggiacere a canoni ornamentali di bellezza.
Pretendono rispetto della loro professionalità e competenza, della capacità di scegliere e decidere; rispetto della loro autonomia, del loro diritto di lavoratrici, senza protagoniste o comprimarie.
Il blog, raggiungibile dai siti www.fnsi.it e www.usigrai.it, sarà uno spazio di discussione e di confronto, per raccontare storie e situazioni, da raccogliere e far diventare una denuncia pubblica che non può essere più ignorata.


18 maggio 2010

Presenza di genere nella tv pubblica, interesse della Fnsi e Usigrai per un Osservatorio

Un osservatorio indipendente che analizzi da un punto di vista quantitativo e qualitativo la presenza di genere nei palinsesti nella tv pubblica. La proposta, contenuta in un emendamento al Contratto di Servizio della Rai, oggi è al voto della Commissione parlamentare di vigilanza.
L’Usigrai e la Federazione della Stampa ritengono che questo Osservatorio possa rappresentare un primo passo per arrivare a un profondo cambiamento dell’immagine e dell’uso della donna in televisione, troppo spesso oggi ridotta solo al suo corpo da mostrare come una merce.
Gli spettacoli, la pubblicità e anche i programmi di informazione sono complici di una visione umiliante della donna, fatta di esposizione di corpi spogliati o poco vestiti, di ammiccamenti, di atteggiamenti seduttivi, a tutte le ore, proponendo modelli femminili subalterni e figli di una cultura profondamente maschilista.
Rispondendo anche agli appelli che vengono dalla società civile, riteniamo sia necessario e urgente fermare questo scempio dell’immagine femminile che si compie attraverso la televisione. L’Osservatorio indipendente può essere uno strumento per aprire la strada verso un cambiamento di rotta.


15 aprile 2010

Equal pay day: Cpo-Fnsi a Genova con le organizzazioni di parità

“Una donna deve lavorare mediamente fino al 15 aprile dell’anno successivo per ottenere lo stesso stipendio annuo di un suo collega maschio. Da questa constatazione nasce l’equal pay day, giornata dell’eguale retribuzione che si celebra oggi in tutto il mondo. Ecco perché oggi le donne usciranno in strada con qualcosa di rosso: un vestito, una sciarpa, un cappello, una borsa o un borsellino rosso, lo stesso colore del loro portafoglio. Per chiedere che le loro retribuzioni siano eguali a quelli degli uomini, come prevede in Italia anche la nostra Costituzione, e vengano rimossi gli ostacoli che fanno la differenza, da quelli che riguardano le carriere a quelli riconducibili alla cura cui le donne si dedicano, per tradizione, nello loro famiglie. Un lavoro che eguaglia quello per il mercato ma non è retribuito, pur costituendo una ricchezza per tutti. Per pensare alle famiglie le donne fanno, ad esempio, meno straordinari e sono poco disponibili alla mobilità, fattori che determinano, con altri, il gap salariale.
A Genova le donne si riuniscono oggi in piazza De Ferrari a Genova, cosi come nelle altre province della Liguria, della Consigliera regionale di parità e con la collaborazione di numerose Associazioni femminili, Ordini Professionali, Organizzazioni sindacali fra le quali una rappresentanza della Commissione pari opportunità della FNSI chiederanno un po’ d’attenzione e l’impegno di rivedersi l’anno prossimo con le risposte. Con un gesto simbolico si daranno appuntamento per la prossima Giornata della Paga Uguale”.


8 marzo 2010

8 marzo rappresentanza, le donne meritano di più delle quote rosa

Mai come quest’anno, in questo primo scorcio di secolo, l’8 marzo ci ha colto nel pieno di vere e proprie emergenze. Le battaglie per i diritti sono sempre più urgenti, la crisi sta espellendo le donne non solo dal mercato del lavoro ma anche dai mai del tutto conquistati spazi di dignità cui ha diritto qualsiasi essere umano, le elezioni regionali e lo scenario politico che l'informazione vive e riporta ci impongono di tornare ad occuparci di un tema che la Commissione pari opportunità della Fnsi ha seguito negli anni e che continua a essere al centro della nostra azione, cioè quello della rappresentanza politica. Non si cambia un paese, non lo si rende più vicino alle donne e al garantire le pari opportunità, se le donne non sono nei luoghi dove si decide; e ciò vale sia per la politica che per l'informazione senza per questo dover rivendicare quote rosa, condannando le donne al ghetto della percentuale garantita. Alle donne va data adeguata rappresentanza in base al loro numero e alla loro capacità di essere protagoniste e questo si ricollega alla nostra battaglia perché si tolgano i veli sulle disparità di carriera e di salario. Non ci nascondiamo che come qualche presenza rosa nelle liste è solo una prima parziale risposta alle necessità di avere un paese più equo mentre il gossip sulle donne scelte a correre per la rappresentanza politica rischia di cancellare la discussione su quanto le donne fanno, ogni giorno, contribuendo alla crescita della società. Lo fanno, per quanto ci riguarda, nelle redazioni o comunque davanti ad un computer o con una telecamera in mano.


19 febbraio 2010

L'informazione non è donna, esperienze a confronto per azioni efficaci di parità, dibattito il 6 marzo a Bologna

Sabato 6 marzo 2010, a partire dalle ore 9.30, nella sede dell'Emilia Hotel di Bologna (via Zaccherini Alvisi, 16) si discute di donne ed informazione. Sul tema "L'informazione non è donna: esperienze a confronto per azioni efficaci di parità" si confronteranno numerosi dirigenti del Sindacato dei giornalisti e dell'Ordine e personalità esterne alla nostra categoria.
All'apertura dei lavori prenderanno la parola Lucia Visca, Presidente della Commissione Pari opportunità della Federazione nazionale della stampa italiana (Cpo-Fnsi); Gerardo Bombonato, Presidente dell'Ordine dei giornalisti dell'Emilia-Romagna; Gino Falleri, Presidente del Gruppo giornalisti Uffici stampa (Gus); Camillo Galba, Presidente dell'Associazione stampa dell'Emilia-Romagna (Aser). Sono previsti interventi dell'on. Sandra Zampa, deputato del Partito democratico (Pd); dell'avvocato Michela Cocchi, dello studio legale omonimo; di Tiziana Cannone, funzionaria di vigilanza dell'Istituto nazionale assicurazioni infortuni lavoratori (Inail); di Carla Olivieri, responsabile sociale per l'Europa dell'Associazione italiana delle comunità, dei comuni e delle Regioni d'Europa (Aiccre); di Francesca Mirti, dottoranda di ricerca statale di New York; di Letizia Maini, dell'Ufficio stampa dell'Azienda ospedialiera (Aosp) Sant'Orsola-Malpighi; di Daniela Raffaelli, della Commissione pari opportunità dell'Azienda regionale per l'Ambiente (Arpa) dell'Emilia-Romagna. Conclude i lavori Giovanni Rossi, segretario generale aggiunto della Fnsi. Moderatore Maria Luigia Casalengo, vice-Presidente dell'Aser. Per l'occasione saranno esposte le immagini della fotografa Daniela Spagnamusso ed i volumi per la mostra "Donne un po' vere, un po' no" a cura di Arnalda Guja Forni della Libreria Antiquaria Seab.


21 dicembre 2009

La scomparsa di Isotta Gaeta. non solo donna, resistente e giornalista: una vita a ricordare alle altre donne la necessità di pretendere, sempre, pari diritti e rappresentanza.

La Presidente e la Coordinatrice della Commissione Pari Opportunità della Federazione della Stampa, Lucia Visca e Donatella Alfonso hanno dichiarato:
“Nella lunga e attivissima vita di Isotta Gaeta, scomparsa nella sua casa di Nizza, l’impegno a favore delle donne è una costante. Ma è anche una sollecitazione: diamoci da fare, perché anche i mondi più culturalmente aperti - come, almeno a parole, quello dell’informazione - si rendano conto del valore, dell’importanza delle donne; e garantiscano loro, nel lavoro e nella società, quei diritti su cui è stata fondata la Repubblica. Non poteva essere diversamente per una come lei, con la sua gioventù partigiana, l’attività professionale sempre in prima linea per i diritti. A darsi da fare per le donne in Italia e in Europa, a ricordare che non bisogna mai restare indietro, aspettare che sia qualcun altro a muoversi per i nostri diritti di donne, lavoratrici e cittadine. Il lavoro di Isotta Gaeta, a partire dalla fondazione della Commissione pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa, è sempre stato questo. La ringraziamo, perché è stata con noi sempre: grazie Isotta, buon viaggio. E non ci dimenticheremo di quello che hai fatto e ci lasci da fare”.


24 novembre 2009

Dal 24 novembre al 4 dicembre una mostra fotografica dal titolo “"Non ho mai subito violenze. E' vero?" Patrocinata dalla Commissione Pari Opportunità della Fnsi, nel cortile minore del Palazzo Ducale di Genova

Genova - "Non ho mai subito violenze. E' vero?". Diciotto grandi fotografie in bianco e nero, donne note come il magistrato Anna  Canepa e l'attrice Carla Signoris, ma anche pensionate, ricercatrici, casalinghe e giornaliste. E' la mostra fotografica - patrocinata dalla Commissione Pari Opportunità della Fnsi - che tra oggi 24 novembre, e il 4 dicembre sarà allestita nel cortile minore del Palazzo Ducale di Genova. Ideata dalla filosofa Nicla Vassallo, con le immagini di Gianni Ansaldi, promossa da Comune di Genova e Fondazione per la Cultura nella Giornata Internazionale Onu contro la violenza sulle donne, la mostra vuole provocatoriamente essere lo strumento per riflettere cosa significhi davvero subire violenza, e quale. Corporea, psicologica, esplicita o nascosta, anche quelle che le cronache non riportano; occorre interrogarsi sulla verità o meno del non aver mai subito violenza.


19 novembre 2009

Sui media dove sono finite le donne della realtà? Sabato 21 novembre un incontro-dibattito alla Casa internazionale delle donne di Roma

Dove sono finite le donne della realtà? Sui giornali italiani altro è il modello dominante: quello di una donna che sembra avere come unico obiettivo ingraziarsi il maschio più ricco e potente possibile. Per parlare delle “altre donne”, per interrogarsi su come i media possano ridare visibilità alla molteplicità delle esperienze femminili e recuperare un ruolo di analisi e critica nei confronti dei fatti della cronaca, sabato 21 novembre, alla Casa internazionale delle donne di Roma (via della Lungara, 19), si terrà un forum pubblico organizzato dal gruppo “Donne della realtà” con l’adesione e la collaborazione di alcune giornaliste romane e di colleghe de la Repubblica il quotidiano che ha lanciato l’appello per la dignità delle donne firmato da oltre centomila persone.
La Commissione Pari Opportunita della Fnsi ha aderito all'iniziativa.
Si tratta del secondo incontro delle “Donne della realtà”, dopo quello che si è svolto a Milano il 5 ottobre scorso con la presenza di oltre 200 persone.
All’incontro, che si svolgerà a partire dalle ore 17, parteciperanno con una relazione introduttiva Chiara Volpato, docente di Psicologia sociale alla Bicocca di Milano, e la filosofa Michela Marzano, firmataria insieme con Nadia Urbinati e Barbara Spinelli dell’appello di Repubblica. Tra le altre, sono inoltre state invitate all’incontro il direttore del Tg3, Bianca Berlinguer, il presidente del Pd, Rosy Bindi, il segretario confederale della Cgil, Susanna Camusso, il direttore dell’Unità, Concita De Gregorio, il direttore dell’Espresso, Daniela Hamaui, il direttore del Secolo d’Italia, Flavia Perina, il segretario generale della Ugl, Renata Polverini, la scrittrice Lidia Ravera, il presidente della Cpo della Fnsi, Lucia Visca.

Per informazioni: donnedellarealta@gmail.com
http://www.donnedellarealta.wordpress.com/


26 ottobre 2009

Roma, oggi nella sede della Fnsi Conferenza stampa sul bando di concorso ad un premio-borsa di studio “ilda bartoloni” per allieve e allievi delle scuole di giornalismo

Nella sede della Fnsi a corso Vittorio Emanale 349 - il 26 ottobre - alle ore 16.00 si terrà una Conferenza stampa per informare sul bando di concorso ad un premio-borsa di studio proposto dalla famiglia della giornalista Ilda Bartoloni. Una iniziativa accolta dalla FNSI e dalla sua Commissione pari opportunità proprio per l’attenzione che Ilda Bartoloni, durante tutta la sua attività professionale, ha avuto nei riguardi del protagonismo delle donne. Nelle sue trasmissioni puntuale è stata anche l’informazione sulle violazioni dei diritti e sulle violenze non solo fisiche che le donne troppo spesso subiscono. Proprio per questa sua particolare cura professionale, è stato richiesto che il premio venga organizzato da ARCHIVIA, l’associazione che gestisce la biblioteca-archivio della Casa Internazionale delle Donne.
Alla conferenza stampa saranno presenti la famiglia di Ilda Bartoloni, Roberto Natale, presidente Fnsi, Lucia Visca, della giunta esecutiva e presidente Cpo Fnsi, Enzo Jacopino, segretario dell’Ordine dei giornalisti, Gabriella Nisticò Presidente di Archivia e Francesca Koch Vicepresidente della Casa Internazionale delle donne nonché le colleghe del TG3 e tra queste anche Bianca Berliguer che oggi dirige la testata per la quale Ilda ha lavorato fino a pochi giorni prima di lasciarci.

IL TESTO DEL BANDO (in formato Pdf)


20 ottobre 2009

La Cpo-Fnsi chiede un intervento urgente: "Stop alle disparità di trattamento delle donne nel mondo del lavoro"

“E’ urgente dare una risposta europea alla disparità di trattamento salariale. La battaglia condotta dalla Cpo della Federazione nazionale della stampa fa un altro passo avanti; oggi pomeriggio le rappresentanti della Cpo hanno illustrato la rivendicazione ad un’audizione della 11° commissione del Senato – lavoro e previdenza sociale – presieduta dal sen. Pasquale Giuliano. All’ordine del giorno, lo schema di decreto legislativo che attua il principio di pari opportunità tra uomini e donne in materia di occupazione e impiego, come previsto dalla direttiva europea numero 54; all’audizione hanno partecipato anche rappresentanti di Inps, Inpdap, Aiaf, Covip e il Comitato Unitario permanente degli ordini e collegi professionali. I dati, confermati in tutti gli interventi, sono quelli che la Cpo Fnsi ha già più volte sottolineato: le donne guadagnano meno e fanno meno carriera. Ma c’è di più: in materia di lavoro e previdenza, l’unico coefficiente favorevole alle donne è quello dell’aspettativa di vita, perché vivono più a lungo; ma paradossalmente ci rimettono anche sotto questo profilo, perché il calcolo attuariale della previdenza integrativa va a loro discapito. Lucia Visca, presidente della Cpo ha ribadito che, in base ai dati Inpgi, la differenza reale di retribuzione delle giornaliste, a parità di età e qualifica, oscilla tra il 30 e il 50%; e se nelle sessioni più recenti degli esami di qualifica professionale le donne sono ormai la maggioranza, l’unica parità reale è nella disoccupazione, in cui le donne sono meno degli uomini, ma solo perché vengono assunte meno dei colleghi”.


1 ottobre 2009

Cpo-Fnsi: 3 ottobre, le donne dell’informazione sono in piazza, dove c’è il lenzuolo rosa. Diritti e libertà sono l’impegno di tutti i giorni

Sabato 3 ottobre, le donne dell’informazione sono in piazza del Popolo a Roma, e in molti altri luoghi d’Italia, per ribadire non solo che non si mette alcun guinzaglio all’informazione, ma che altrettanto va fatto e ribadito, attraverso stampa, tv e ogni mezzo di comunicazione, per quanto riguarda i diritti delle donne. Diritti di informare e di essere informate, con il pieno rispetto della propria identità e del proprio corpo.
La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa invita tutte le colleghe a ritrovarsi in piazza del Popolo accanto al lenzuolo rosa che riassume ed esprime il nostro impegno di ogni giorn “Libere di vivere / Libere di informare”. Nel pieno rispetto di tutte, chi dà e chi riceve informazione. Nell’impegno quotidiano per i diritti che è sempre al centro della nostra visione del mondo.


18 settembre 2009

Manifestazione per la libertà d’informazione, Commissione pari Opportunità della Fnsi: Lenzuolo rosa per “diritti e parità”

Un lenzuolo colorato sotto il palco di Piazza del Popolo il 3 ottobre, un luogo fisico sotto il quale tutte le giornaliste si raccolgano per dire che la libertà di informazione in Italia passa anche attraverso il riconoscimento dei pieni diritti di chi, donne e uomini, fa informazione a tutti i livelli.
E proprio le giornaliste vogliono sottolineare come l'informazione, in Italia, debba essere senza guinzagli: non solo quelli degli interessi politici o editoriali, ma anche degli stereotipi e dei ritardi nella piena applicazione della reale equità di trattamento tra donne e uomini nel lavoro giornalistico, ma anche nel raccontare l'Italia vera, fatta di donne e uomini che lavorano e vivono.
La Commissione pari Opportunità della Fnsi lancia, in occasione della manifestazione nazionale per la libertà d'informazione, un appello a tutte le colleghe e i colleghi perché alle finestre delle Associazioni Regionali di Stampa esponganolenzuola rosa dalle quali si dica no all'informazione al guinzaglio, e “sì ai diritti e alla reale parità”.


30 luglio 2009

La Cpo-Fnsi candida Rosaria Capacchione a donna dell'anno

Rosaria Capacchione, la giornalista di giudiziaria del Mattino di Napoli da oltre un anno sotto scorta dopo essere stata minacciata durante un processo, è stata candidata dalla Commissione pari opportunità della Fnsi al premio internazionale “La Donna dell'Anno”, dodicesima edizione, promosso dal Consiglio regionale della Valle d'Aosta, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri italiano, la Regione Autonoma Valle d'Aosta, la Fondazione CRT, il Soroptimist International Club Valle d'Aosta e il Casino de la Vallée e sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Il premio, quest'anno intitolato"Diritti umani senza frontiere" ha come obiettivo la valorizzazione del ruolo della donna nella società, nella cultura, nel mondo del lavoro e nella politica. Per questo alla Cpo Fnsi è sembrato giusto candidare una collega coraggiosa e tenace che non si è mai sottratta ai suoi doveri di cronista anche quando il lavoro ha messo a rischio la sua vita. Rosaria Capacchione rappresenta un pezzo importante di quel patrimonio del giornalismo napoletano e italiano oggi messo a rischio dalla crisi del settore.


10 luglio 2009

Cpo-Fnsi: "Diritto di critica negato al giornale gratuito Clubbing Magazine molto diffuso nel mondo omosessuale"

“Clubbing Magazine, una pubblicazione a distribuzione gratuita molto diffusa nel mondo omosessuale è stata rifiutata alcuni giorni fa da un locale molto frequentato di Milano, dove era abitualmente diffusa. La colpa dei responsabili del magazine? Aver pubblicato un'intervista critica verso il presidente della principale organizzazione gay in Italia.
La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa, nella convinzione che tutte le idee devono trovare un loro spazio di diffusione e di confronto, è vicina a tutte le componenti ed ai movimenti della società italiana che combattono ogni discriminazione di genere, orientamento e nazionalità.Anche per questo ricorda che, specialmente tra chi impegna intelligenze e forze nella lotta per il rispetto dei diritti civili, la libertàdi critica deve essere sempre esercitata, come del resto quella di cronaca troppo spesso da più parti messa in discussione. Soprattutto se, rispettando le persone e le idee, ci si esprime attraverso organi di informazione liberamente diffusi”.            


8 luglio 2009

Casagit, la Commissione Pari Opportunità ringrazia Laura Delli Colli e chiede ai nuovi vertici della Cassa di istituire un osservatorio sul mobbing

"Le donne hanno cura della propria salute, tanto è vero che sono più attente alla prevenzione; e quindi a salvarsi la vita. Le donne giornaliste hanno avuto in questi anni, con la presenza di Laura Delli Colli negli organismi dirigenti della Casagit, non solo un punto di riferimento, ma anche una collega attenta a proporre e far attuare iniziative importanti proprio per la salute delle donne, principalmente nel campo della prevenzione". E' quanto afferma in una nota la Commissione Pari Opportunità della Fnsi:
"Con la stessa attenzione e lo stesso impegno Laura Delli Colli si è impegnata perché venissero riconosciuti diritti fondamentali nella vita quotidiana dei colleghi e delle colleghe associati, come l'estensione dell'assistenza ai conviventi, senza differenza di sesso. La Commissione Pari Opportunità vuole salutare e ringraziare Laura per il lavoro svolto in questi anni di attività in Casagit, rammaricandosi che, nel nuovo assetto dell'istituto, ci sia una sola donna in consiglio di amministrazione e nessuna in posizione apicale. E nello stesso momento impegna i nuovi vertici della Cassa non solo a mantenere tutte le iniziative e gli strumenti già adottati per la salute delle donne, ma a rinnovare un'attenzione forte su tutto quanto può migliorare la vita degli associati. In particolare proponiamo l'istituzione di un osservatorio sul fenomeno del mobbing e sullesue pesanti ricadute nella qualità della vita".


7 luglio 2009

Cpo-Fnsi: allarme sulle mancate sostituzioni per maternità nelle aziende editoriali

"Avere un figlio è un lusso? Sembra proprio di sì, per le donne giornaliste. Non solo i tempi di lavoro e di vita sono difficilmente conciliabili, ma la difficoltà di ottenere un contratto, per le giovani colleghe, impone il rinvio della maternità sempre più avanti". E' quanto afferma in una nota la Commissione Pari Opportunità della Fnsi.
"Ora, anche le sostituzioni di maternità - prosegue la nota della Cpo - stanno diventando a rischi molte e importanti aziende editoriali hanno annunciato che, di fronte ad una nuova gravidanza di una collega, non si ritengono obbligate a garantirne la sostituzione per il periodo di astensione obbligatoria. Una maternità in redazione, quindi, diventa sempre più spesso un elemento di disagio tra i colleghi, che ritengono di venir “defraudati” da chi si assenta dal lavoro senza esseresostituita. Questo può dar vita a malumori cherischiano di trasformarsi in un vero e proprio mobbing orizzontale dei colleghi verso le “fannullone” che preferiscono restare a casa anziché andare a lavorare in redazione. Problemi analoghi riguardano i colleghi uomini che, come prevede la legge, chiedano di fermarsi a casa per il congedo parentale quando diventano padri. E non sono poche, purtroppo, le denunce di colleghe che, al momento dell'assunzione –in genere presso piccole realtà editoriali – si sono viste presentare una lettera di dimissioni in bianco da firmare in caso di gravidanza, nonostante questa pratica sia espressamente vietata dalla legge. La commissione pari opportunità della Fnsi denuncia con forza questi fatti e ricorda che , in un paese che parla tanto di famiglia, proprio chi cerca di farsene una viene penalizzato. La Cpo sollecita quindi gli editori a ripristinare la prassi disostituire le assenze per maternità, garantendo quindi possibilità di lavoro ai tanti colleghi in attesa di un contratto. E impegna la Fnsi, le associazioni regionali di stampa e i comitati di redazione, a vigilare sulla regolarità dell'applicazione della legge sulla maternità e a denunciarne eventuali violazioni".


5 giugno 2009

Nuovo episodio di violenza sessuale, la Commissione pari opportunità: "Vicine alla collega di Roma e a tutte le donne. Necessaria sempre un'informazione attenta e rispettosa"

"Siamo vicine, come donne e come colleghe, alla giornalista che a Roma è stata oggetto di una crudele violenza sessuale. Come, ovviamente, siamo vicine a tutte le donne, di ogni età, professione, nazionalità e residenza, che si trovano a vivere un simile momento drammatico della loro vita e a essere, loro malgrado, protagoniste di un fatto di cronaca". Lo afferma in una nota la Commissione pari opportunità della Fnsi:
"Ma ci preoccupa la sottolineatura, fatta da alcune tv e da parte della stampa, della professione della donna violentata a Roma: come se appartenere alla nostra categoria dovesse offrire maggiore spazio sui media rispetto ad altre vittime dello stesso, odioso, reato. Vorremmo ricordare a tutti i colleghi che la violenza deve fare notizia sempre. Impegnandoci nel contempo perché ci siano campagne di informazione per la pari dignità e il rispetto delle donne, nelle famiglie, nei luoghi di lavoro, nella società. E perché, al di là di ogni velleità di scoop, alle donne che vogliono farlo, venga data la parola per denunciare responsabilità oggettive e soggettive di una società dove sempre di più le donne sono strumenti, oggetti, titoli di giornale, e non persone. La Commissione Pari Opportunità della Fnsi vuole ricordare ai colleghi che ogni violenza contro una donna, quale che sia la sua professione, è il segno della sconfitta di una società che, anche attraverso i mezzi di informazione, deve in ogni modo promuovere il rispetto e una qualità di vita migliore per tutte e tutti".


28 maggio 2009

"Non c'è spazio nel sistema dell'informazione per le donne candidate in Europa": la denuncia della Commissione pari opportunità

"L'Europa? L'informazione? Viene il dubbio che siano femmina solo per la desinenza. La ragione è sotto gli occhi di tutti. Pur in presenza di un accettabile numero di donne candidate al Parlamento europeo nei diversi collegi italiani, il sistema dell'informazione sembra essere stato colto da una curiosa amnesia: in un momento politico dominato dalla ricerca di veline e miss è cosa rara riuscire a vedere sui teleschermi e a leggere sulle pagine dei giornali storie di donne vere, candidate che abbiano qualcosa da raccontare e da proporre agli elettori. Un paradosso, in una consultazione elettorale dove le preferenze hanno ancora la possibilità di fare la differenza". E' quanto si legge in una nota della Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa Italiana .
"C'è di più: i programmi, quasi senza eccezioni, si dimenticano tutti i temi che riguardano il mondo delle donne. Le questioni di genere sull'accesso al lavoro e alla parità di salario, sul welfare e il sostegno alle famiglie, sulla lotta alla discriminazione e agli stereotipi, sull'ottenimento della piena parità in tutti i paesi d'Europa sono colpevolmente assenti sia nelle proposte dei partiti che nelle valutazioni degli osservatori della campagna elettorale. Così, mentre la campagna per le Europee è ancora una volta dominata dai leader declinati al maschile, le donne restano indietro: nel poter raccontare quello che fanno - anche se spesso si danno da fare in maniera attenta e intelligente utilizzando blog e siti internet, trovando il loro bacino d'ascolto nei social network e fra le fasce più vivaci della popolazione - e nel chiedere il loro voto ad elettrici ed elettori. La commissione pari Opportunità della Fnsi lancia un triplice appello: alle donne, perché scelgano, con il loro voto, di mandare in Europa un'altra donna, aumentando la rappresentanza femminile italiana nell'Europarlamento. Ma chiedendo anche alle donne candidate, in tutte le liste, di impegnarsi sui temi più sopra riportati. Infine, l'appello va a tutti i colleghi dei mezzi di informazione, perché la par condicio, questa volta, riguardi uomini e donne. In più la Cpo Fnsi lancia da subito un osservatorio sulla disparità di trattamento ottenuta in campagna elettorale, rifiutando l'informazione dettata dai toni scandalistici così tristemente di moda".


29 aprile 2009

La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa ricorda Ilda Bartoloni: "Una giornalista scomoda perché libera"

Ciao Ilda. Se n'è andata in silenzio. Lei, che in silenzio non c'era stata mai, impegnata com'era, da sempre, nelle battaglie per i diritti delle donne e la difesa dei più deboli. Una donna e una giornalista forte, sincera, determinata, scomoda. libera. Questo era Ilda Bartoloni.
Con lo stesso coraggio col quale ha portato avanti le sue idee, le sue inchieste, ha combattuto la battaglia più difficile, quella contro il cancro. Quel male oscuro, invisibile, ma insidioso che camminava, avanzava dentro di lei minandone pian piano il fisico. Ma non la passione. Ha continuato convinta a lavorare, a condurre la sua rubrica "punto donna" al Tg3, a denunciare soprusi e violazioni. Persino nell'ultimo periodo, quando quel male oscuro le impediva di essere in redazione, seguiva al telefono il lavoro, in particolare di quelle colleghe precarie, che tanto apprezzava e per le quali si batteva. Ma senza mai parlare della malattia, della sofferenza, della speranza che, forse, cominciava ad abbandonarla. Il sorriso di Ilda, la sua intelligenza, la sua passione, mancheranno a tutti noi. alla famiglia, innanzitutto, agli amici, ai colleghi, al sindacato. La Commissione Pari Opportunità della Fnsi ricorda una donna e una giornalista coraggiosa, la cui assenza ci sembra già forte: lavoreremo anche per continuare le sue battaglie.


30 marzo 2009

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano risponde all'appello di Cpo-Fnsi-Cgil-Cisl-Uil e Ugl: "Preoccupa la disoccupazione femminile"

Lettera del presidente Napolitano alla Cpo:"Preoccupa la disoccupazione femminile" Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha risposto all'appello di Fnsi, Cgil, Cisl, Uil e Ugl, con il quale si richiamava la sua attenzione sulla "condizione tuttora di diseguaglianza del lavoro femminile, gravato da impedimenti all'effettiva parità salariale e alle occasioni di carriera». In una lettera indirizzata alle rappresentanti delle cinque organizzazioni sindacali, Napolitano ha sottolineato come nei settori nei quali le retribuzioni sono più elevate, "la presenza degli uomini è preponderante". Aggiungendo come "debba preoccuparci la possibile evoluzione della disoccupazione femminile".

Pubblichiamo il testo della lettera del Presidente.

Gentile Signora, ho letto con interesse la lettera che mi avete inviato perché solleva un problema sociale molto importante ; e desidero esprimervi il più vivo apprezzamento per le iniziative da voi promosse. Come forse sapete, in occasione della celebrazione della Giornata internazionale della donna al Quirinale, lo scorso 7 marzo, ho voluto nuovamente ribadire come quello della parità salariale e, più in generale, della parità di opportunità di carriera fra uomo e donna costituisca una generale questione di equità che non riguarda, quindi, solo le donne, ma tutti coloro che si riconoscono nei principi di non discriminazione sanciti dalla nostra Costituzione. Anche se le rilevazioni a livello europeo non ci vedono in fondo alla classifica, tuttavia sappiamo che questo non è il risultato di una situazione virtuosa, perché l'apparente minore disparità salariale nasce anche da forti disparità di genere nella collocazione per settore e nelle carriere. In altri termini, le differenze tra i generi sono in larga parte dovute al fatto che le donne svolgono ancora prevalentemente lavori mediamente meno retribuiti: purtroppo per le lavoratrici è ancora difficile accedere a mansioni e settori nei quali le retribuzioni sono più elevate. Lì la presenza di uomini è preponderante. Tuttavia, ancora di più della disparità, in questa congiuntura, credo debba preoccuparci la possibile evoluzione della disoccupazione femminile. In Italia appare anche alimentata da un'ampia quota di donne prima inattive che si presentano oggi, purtroppo spesso senza successo, sul mercato del lavoro. Ma questa nuova volontà di occupazione, forse dovuta anche alla maggiore insicurezza che caratterizza oggi più che mai le famiglie monoreddito, non dovrebbe andare frustrata. Il rischio è altrimenti quello di uno scoraggiamento definitivo. Vi so ben consapevoli di tutti questi problemi e desidero che mi sentiate al vostro fianco nell'impegno da voi profuso a difesa dei diritti delle lavoratrici.

Cordialmente.

Giorgio Napolitano


18 marzo 2009

Incontro tra il ministro Carfagna e le parti sociali: nasce un tavolo di consultazione

Il ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna, ha incontrato oggi presso il ministero le rappresentanti di Fnsi, Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Al centro dell'incontro, richiesto dalle sigle sindacali, i temi della differenza salariale di genere e delle carriere femminili. Le presenti hanno deciso di istituire un tavolo di consultazione, che tornerà a riunirsi all'inizio di aprile, per approfondimenti tecnici e culturali legati alla condizione femminile nel mondo del lavoro e al recepimento della direttiva 54.
“Il Ministero sta affrontando seriamente questa problematica, molto sentita nel nostro Paese come nel resto del mondo”, ha sottolineato il Ministro. “E' necessario innanzitutto un cambiamento culturale nelle concezione della donna lavoratrice”, ha aggiunto, “ragione per cui stiamo elaborando delle misure che aiutino la donna a conciliare i tempi di cura dedicati alla famiglia con quelli dedicati al lavoro: l'obbiettivo è consentire alla donna parità di accesso al mondo del lavoro, uno sviluppo della carriera pari a quello degli uomini e, di conseguenza, un adeguato trattamento economico”. “L'incontro con il Ministro”, dice Lucia Visca, presidente della Commissione Pari Opportunità dell'Fnsi a nome delle cinque sigle sindacali, “è stato un momento importante per proseguire una iniziativa proposta dal sindacato dei giornalisti agli altri sindacati e che ha già registrato un intervento autorevole del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione della Giornata internazionale della donna”.


12 marzo 2009

Bilancio di un anno di attività dello sportello anti mobbing dell'Associazione stampa Emilia Romagna

Non solo mimose per l'8 marzo. Ma un occhio attento sul lavoro in modo trasversale. Ad un anno dall'apertura dello Sportello Mobbing dell'ASER (Associazione Stampa Emilia Romagna) i giornalisti si sono incontrati lunedì 9 marzo per una tavola rotonda intitolata Cogli al volo l'opportunità dello Sportello Mobbing al tavolo comune dove è stato affrontato lo sviluppo dell'attuazione delle pari opportunità nella professione giornalistica.
La tavola rotonda è stata promossa dall'ASER (Associazione Stampa Emilia Romagna), dal GUS Emilia Romagna (Gruppo giornalisti Uffici Stampa), dalla Commissione Pari Opportunità dell' FNSI (Federazione Nazionale Stampa Italiana) e con il patrocinio delle Consigliere di Parità della Regione Emilia Romagna. L'obiettivo dell'incontro è stato fare un bilancio del lavoro dello Sportello Mobbing per puntare ad un protocollo d'intesa che riguardi la tutela soprattutto delle parità salariali confrontandosi con le testimonianze raccolte. Ha condotto il dibattito Maria Luigia Casalengo, Presidente GUS Emilia Romagna e Coordinatrice Gruppo di lavoro Accesso alla Professione e Carriera – Commissione Pari Opportunità FNSI. Hanno introdotto i lavori Camillo Galba, Presidente ASER – Associazione Stampa Emilia Romagna, e Gerardo Bombonato, Presidente Ordine dei Giornalisti Emilia Romagna. “Il decalogo che andremo a diffondere entro fine mese nelle redazioni sarà uno strumento utile al Cdr e ai fiduciari della redazione per potersi orientare su cos'è e cosa non è il comportamento del mobbing, in modo che questo possa essere uno strumento utile per intervenire direttamente all'interno quando si presentano casi di mobbing”, spiega Galba. Secondo Bombonato l'incidenza del mobbing nella professione giornalistica è superiore rispetto ad altre realtà: il mobbing è un'arma nelle mani degli editori e dei direttori. La relazione di Rosa Amorevole, Consigliera di Parità della Regione Emilia Romagna, ha affrontato il tema “Donne e Uomini nella professione: differenziali salariali ed evoluzioni di carriera”. Ha illustrato la situazione attuale degli iscritti all'INPGI, ente previdenziale per le professioni giornalistiche, per genere classe ed età. Ha poi affrontato lo scostamento dei salari di uomini e donne dalla retribuzione media calcolata per anno, nel 2005, 2006 e 2007, su dati INPGI rielaborati dall'Ufficio delle Consigliere di Parità della Regione Emilia Romagna. I differenziali retributivi sono fortemente influenzati dal fatto che le donne registrano accessi minori a ruoli di direzione. Il divario di retribuzione tra uomini e donne si ripercuote poi pesantemente sui guadagni percepiti nell'arco di una vita e sulle pensioni delle donne. Secondo Amorevole in generale, sia nel mondo aziendale che nelle professioni intellettuali come quella giornalistica, non bisogna abbassare la guardia soprattutto in un periodo di crisi come questo per evitare la fuoriuscita in massa delle donne da settori che fino ad ora avevano avuto una forte presenza femminile. Mentre l'avvocato Michela Cocchi, Presidente Commissione Business & Human Rights dell'Unione Internazionale Avvocati con il tema “Un anno di attività dello Sportello Mobbing: testimonianze a confronto” ha presentato l'analisi statistica dei casi incontrati. L'avvocato Cocchi ha rilevato come a livello statistico coloro che si sono rivolti allo Sportello Mobbing, aperto esattamente un anno fa su iniziativa dell' ASER e realizzato con l'assistenza dell'Avv. Michela Cocchi e del Dott. Giovanni Brighenti, siano state esclusivamente donne e principalmente giornaliste dell'ambito degli uffici stampa di organismi pubblici. Un altro dato è che non c'è l'esatta consapevolezza di cosa sia il mobbing, da quello verticale svolto dai capi a quello orizzontale svolto dai colleghi pari grado, a quello dal basso svolto da colleghi con grado inferiore. Su iniziativa dell'ASER, l'Avv. Michela Cocchi e il Dott. Giovanni Brighenti hanno redatto un “decalogo anti-mobbing” che possa diventare un ausilio per le redazioni al fine di verificare direttamente al proprio interno le situazioni patologiche. Sono intervenuti inoltre Chira Costa, Presidente Comitato Aziendale Pari Opportunità Regione Emilia Romagna, che ha evidenziato l'importanza delle sinergie e della collaborazione in questi temi e di come sia importante puntare sull'organizzazione del lavoro che faccia delle differenze di genere un valore aggiunto; Nino Amoroso, Consigliere Nazionale GUS, che ha sottolineato come nonostante la crisi della stampa il lavoro degli uffici stampa sia comunque in ripresa; Barbara Bertolini e Rita Frattolillo con la loro relazione hanno illustrato la ricerca pubblicata nel libro “Il tempo sospeso. Donne nella storia del Molise”. Giovanni Rossi, Segretario Generale Aggiunto FNSI, ha concluso l'incontro parlando di vari argomenti: dall'esigenza della formazione sul tema delle pari opportunità ai problemi collegati al part-time e al rinnovo del contratto giornalistico, rilevando inoltre come occorra affrontare maggiormente questi temi ora che sempre di più donne sono entrate a far parte della professione giornalistica in un momento in cui la professione stessa vive un momento di crisi.


9 marzo 2009

Una "piattaforma" dei diritti delle donne sul lavoro a partire dalle retribuzioni: Cpo-Fnsi e sindacati confederali la presenteranno al Presidente della Repubblica e ai parlamentari

“I dati sono spesso contrastanti, ma l'unica certezza, confermata da ogni rilevazione, è che le donne, anche in Italia, guadagnano sempre meno degli uomini: qualsiasi sia la loro professione.

E in un momento di crisi economica, la reale parità - che già adesso è beffardamente dimostrata dall'aver raggiunto, anzi superato gli uomini nella disoccupazione e nella precarietà - rischia di cancellare l'unica necessità che l'intero mondo del lavoro deve salvaguardare: e cioè che le donne guadagnino quanto e come gli uomini. Sulla necessità di azioni forti per la parità salariale si avvia una serie di iniziative che, promosse dalla Commissione Pari Opportunità della Fnsi, la Federazione nazionale della stampa italiana, con la piena adesione di Cgil, Cisl, Uil e Ugl. A partire dalla lettera unitaria sul tema al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - che al tema della parità salariale ha dedicato parte del suo discorso in occasione della Giornata Internazionale della donna – e dalla richiesta di audizioni parlamentari per avviare iniziative legislative che rimuovano gli ostacoli alla parità di salari e di carriere, le donne del mondo del lavoro preparano per l'autunno un convegno internazionale per confrontare l'esperienza e le aspettative italiane con quelle del resto d'Europa e suggerire soluzioni per armonizzare i tempi di vita e di lavoro, la dignità e la qualità del lavoro, la progressione delle carriere e la piena realizzazione del welfare a sostegno della maternità e della famiglia. All'iniziativa – insieme con la presidente della Cpo, Fnsi, Lucia Visca, erano presenti la segretaria confederale Cisl, Annamaria Furlan, Aitanga Giraldi della Cgil, Sonia Ostrica della Uil e Ornella Petillo dell'Ugl”.


6 marzo 2009

"Mal comune... Niente gaudio", donne meno pagate ma più disoccupate: conferenza stampa della Cpo-Fnsi con Cgil-Cisl-Uil e Ugl oggi alle 15

Mal comune… niente gaudio. Con questo slogan le donne dei sindacati vogliono denunciare , in occasione dell' 8 marzo, una realtà innegabile: neanche la crisi economica è uguale per tutti. La disoccupazione colpisce le donne, ancora più degli uomini, mentre il differenziale salariale aggrava lo stato delle cose.
La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Cgil, Cisl, Uil e Ugl lanciano un'iniziativa unitaria per segnalare questa disparità costante e crescente e sostenere la necessità di una mobilitazione delle donne e del mondo del lavoro. Le iniziative già avviate - una lettera in merito al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e la richiesta di audizioni parlamentari - e quelle future, e i contenuti approfonditi di una ricerca sulla disparità salariale tra donne e uomini in Italia saranno illustrati in una conferenza stampa dalle rappresentanti di tutte le sigle sindacali lunedì 9 marzo 2009 alle 15 presso la Federazione Nazionale della Stampa, corso Vittorio Emanuele 349, Roma”.


2 marzo 2009

Più valore al lavoro delle donne. Da Fnsi, Cgil, Cisl, Uil e Ugl una lettera al presidente della repubblica, Giorgio Napolitano.

Una lettera al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, firmata da Fnsi, Cgil, Cisl, Uil e Ugl, per richiamarne l'attenzione «sulla condizione tuttora di diseguaglianza del lavoro femminile, gravato da impedimenti all'effettiva parità salariale e alle occasioni di carriera  e per chiedere il sostegno del Quirinale su ogni azione intrapresa per rimuovere steccati e ritardi. Questo per dare piena applicazione all'articolo 37 della Costituzione laddove sancisce che “la donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore”. In occasione dell'8 marzo, l'iniziativa della Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa è la prima di una serie di azioni che, di concerto con le altre sigle sindacali, vogliono non solo denunciare una effettiva mancata parità nel mondo lavoro, ma sollecitarne anche la rimozione attraverso iniziative parlamentari. A questo scopo, con una seconda lettera, sono state già richieste audizioni presso le commissioni Lavoro e Affari Sociali di Camera e Senato. Una terza lettera ha, infine, chiesto un incontro alla ministra per le Pari Opportunità, Mara Carfagna. Nel corso del 2009 sarà organizzato da tutte le sigle sindacali un convegno nazionale a Roma sul tema della disparità salariale, con partecipazioni di Governo, Parlamento, mondo dell'impresa - a partire dall'editoria - associazioni internazionali. Le donne impegnate nel sindacato danno voce a una situazione di oggettiva disparità che riguarda tutte le categorie produttive: compresa quella dei giornalisti. I dati di questa situazione sono stati raccolti in una ricerca che verrà illustrata, insieme con le iniziative già intraprese e quelle in preparazione durante l'arco dell'anno, in una conferenza stampa delle cinque sigle sindacali lunedì 9 marzo alle 15 presso la Fnsi, in Corso Vittorio Emanuele 349”.


12 dicembre 2008

Auguri al collega Tamburini
Vigiliamo sulla dignità della donna

"Le Commissioni Pari Opportunità e le associazioni regionali di stampa di Lombardia, Campania, Romana, Emilia Romagna, Veneto, Abruzzo, Sardegna, Toscana, Friuli Venezia Giulia e il gruppo di lavoro Immagine della donna della Commissione pari opportunità Fnsi augurano al collega Stefano Tamburini, nuovo direttore di Agl, buon lavoro, auspicando che nella sua attività professionale non si ripetano casi - come quello a suo tempo sanzionato dall'Ordine dei giornalisti dell'Emilia Romagna - di mancato rispetto della dignità delle donne e dell'immagine femminile. Gli organismi della categoria continueranno a vigilare e a sensibilizzare i colleghi e le colleghe sul rispetto per le persone e per la società".


9 dicembre 2008

Cpo: nominate le coordinatrici dei gruppi di lavoro

La Commissione Pari Opportunità della Fnsi , riunitasi a Roma martedì 9 dicembre, continua il suo lavoro di approfondimento sulla condizione lavorativa delle donne dell'informazione in Italia, programmando iniziative di studio e di proposta sulla questione salariale. Si completa intanto l'organizzazione operativa della Cpo, presieduta da Lucia Visca e coordinata da Donatella Alfonso; sono infatti state indicate le referenti di tre diversi gruppi di lavoro, che sotto il profilo generale e territoriale approfondiranno tematiche legate all'accesso alla professione e alle carriere (Maria Luigia Casalengo, Associazione Stampa Emilia Romagna ), all'attività sindacale (Giulia Parini Bruno, Associazione Lombarda dei Giornalisti) e alle tematiche di genere relative a linguaggio, lessico e immagine femminile nei media (Rossella Matarrese, Associazione Stampa Puglia). Nei prossimi mesi la Cpo organizzerà iniziative pubbliche e di studio sui temi indicati. Per ogni riferimento, gli indirizzi mail sono i seguenti:
Lucia Visca lucia.visca@fnsi.it;
Donatella Alfonso d.alfonso@repubblica.it;
Maria Luigia Casalengo marialuigia.casalengo@ascom.bo.it;
Giulia Parini Bruno giulia.parinibruno@tin.it;
Rossella Matarrese r.matarrese@rai.it


19 novembre 2008

Pacchi choc a Palermo
L'orrore e le minacce non impediranno a giornaliste e giornalisti di informare sulle legge 194

"L'orrore contro l'informazione e il diritto delle donne ad essere libere e consapevoli delle scelte fondamentali della loro vita. Forza Nuova, movimento politico di estrema destra, ha rivendicato quanto è accaduto oggi a Palermo, cioè l'invio a diverse testate giornalistiche di pacchi contenenti bambole rotte, senza piedi e con le manine staccate, sporche di sangue, mischiate a interiora di animali, accompagnate da un messaggio che recitava : "Contro il genocidio legalizzato di massa e la legge 194''.

La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, nell'esprimere solidarietà alle colleghe e ai colleghi palermitani, respinge con decisione ogni tentativo di intimidazione, da forze per le quali non c'è altro linguaggio che quello della violenza, anche verbale e delle immagini. Sono le stesse forze, pericolosamente all'attacco dell' informazione, che la scorsa settimana hanno deciso di invadere la sede Rai di viale Teulada per protestare contro la messa in onda di immagini loro sgradite dalla trasmissione "Chi l'ha visto?" sull'attacco di un gruppo di violenti armati di spranghe tricolori contro gli studenti che manifestavano pacificamente in piazza Navona.

La Cpo rivendica e ribadisce non solo il diritto, ma il dovere di tutte le giornaliste e i giornalisti di continuare a informare le donne su una legge come la 194, più volte messa in discussione da chi vorrebbe cancellarla per restituire le donne, di fronte alla tragedia dell'aborto, al sistema delle cliniche compiacenti con chi ha hanno soldi, o delle mammane con il ferro da calza per tutte le altre. E soprattutto vogliamo ricordare che non sono e non saranno immagini impressionanti ad allontanare le donne e gli uomini dell'informazione italiana dal loro lavoro: informare e dire cosa accade in tutte le realtà del Paese, e ricordare quali sono i diritti garantiti dalle leggi approvate dal Parlamento".

Lucia Visca - Presidente Cpo Fnsi
Donatella Alfonso - Coordinatrice Cpo Fnsi

----------------------------------

PACCHI CHOC A PALERMO
SOLIDARIETA' DALLA PROVINCIA DI GENOVA

Genova, 20 novembre - Pieno sostegno della vicepresidente della Provincia di Genova e assessora alle pari opportunità Marina Dondero alla presa di posizione della Federazione Nazionale della Stampa per le intimidazioni e violenze psicologiche di Forza Nuova alle testate giornalistiche palermitane.
"Viviamo un clima pesantissimo e intollerabile di attacco ai diritti - dice Marina Dondero - in cui si respira anche una deriva autoritaria che sembra far sentire maggiormente legittimati anche gruppi che conoscono solo il linguaggio della violenza, che oggi si esprime con immagini di orrore contro l'informazione e il diritto delle donne alla libertà e consapevolezza delle proprie scelte e pochi giorni fa nell'occupazione della sede Rai per protestare contro trasmissioni per loro scomode. Alle giornaliste e ai giornalisti italiani profonda e convinta solidarietà e ribadisco l'impegno, a fianco di ogni donna, perché sia respinto ogni tentativo di intimidazione, violenza e sopraffazione. Non accetteremo che sia messa in discussione la legge 194, una conquista civile e sociale  che di fronte al dramma dell'aborto ha liberato le donne dalla condizione di clandestinità e che vengano minacciati giornaliste e giornalisti che esercitano i propri diritti all'informazione". (ANSA)


8 marzo 2008

Cpo e 8 marzo - Lo specchio ingannatore: l'informazione, le donne e l'Unesco

In occasione dell'8 marzo si moltiplicano le iniziative per richiamare l'attenzione sullo specchio , ossia sul modo in cui l'informazione e la comunicazione raccontano le donne. Noi lo facciamo da tempo e d'altra parte questo è proprio il ruolo cardine di autocontrollo della Cpo/Fnsi, ma vediamo, con soddisfazione, che sempre più istituzioni nazionali e internazionali assumono come fondamentale il tema della rispondenza nella rappresentazione delle donne entro giornalismo, fiction, intrattenimento, pubblicità. Ma per mirare a questo fine occorre un mezzo, se non "il" principale mezzo: la presenza massiccia delle donne nel lavoro e nei vertici delle aziende di informazione e comunicazione. Ossia, come questa Cpo ha sempre sostenuto, "tante quanti": tante nei diversi gradi della professione come pure della rappresentanza politica (sindacale, ordinistica, di servizio) quanti loro…
Fra le molte iniziative è importante esserci nell'operazione "L'informazione la fanno le donne" promossa dall'UNESCO, destinata a favorire l'eguaglianza dei sessi nei media e lanciata per l'ottavo anno consecutivo in occasione dell'8 marzo. Non è un'iniziativa d'avanguardia né per livello d'elaborazione né per attrattiva, ma è importante proprio perchè mondiale. Ed è alla portata di ciascuna: basta cliccare e spedire. L'Unesco invita le giornaliste a "produrre articoli e servizi speciali che mettano in risalto, dal loro punto di vista, i molteplici talenti, successi e contributi che ad esse appartengono". Ovvero ad inviare pezzi già prodotti oltre che di condividere quanto già pubblicato sul sito "Women make the news"
(http://portal.unesco.org/ci/en/ev.php-URL_ID=18295&URL_DO=DO_TOPIC&URL_SECTION=201.html).
Il tema della campagna di quest'anno è stato prescelto perché, nella maggior parte dei Paesi, il modo in cui le donne vengono rappresentate non è molto migliorato nonostante sia aumentato il numero di quelle che lavorano come capo-redattrici, giornaliste, corrispondenti, conduttrici o presentatrici. Tre monitoraggi internazionali sulle donne nei media, effettuati nel 1995, 2000 e 2005 sotto il coordinamento dell' Associazione Mondiale per la Comunicazione Cristiana (World Association for Christian Communication - WACC), mostrano che i media popolari tendono a rappresentare le donne come dotate di fascino irreale o come vittime di abusi, specialmente a carattere sessuale. Le donne fanno l'informazione 2008 è una reale occasione per promuovere l'uguaglianza dei sessi nelle redazioni, nel principio delle pari opportunità e, insieme, dei più alti standard di qualità giornalistica. Nel lanciare l'operazione, il Direttore Generale dell'UNESCO, Koïchiro Matsuura, ha scelto di sottolineare che è necessario porre l'eguaglianza dei sessi, ad ogni livello professionale, in prima linea tra le priorità di ogni società.

La responsabile è Isabella Costantini, 06.6873712211; unesco.stampa@esteri.it


8 marzo 2008: a Bologna lo Sportello Rosa Mobbing

L'8 marzo scorso è stato presentato lo Sportello Rosa Mobbing , specificatamente dedicato alle giornaliste, promosso dall'associazione stampa Emilia Romagna (Aser) e Ordine dei Giornalisti, con il supporto di provincia di Bologna, Regione Emilia -Romagna e MpS, in collaborazione con l'avvocato Michela Cocchi di Business Human Rights. Fra gli obiettivi dello Sportello: tutela dei diritti, monitoraggio permanente, individuazione di azioni positive, coordinamento con analoghe iniziative istituzionali. Fra i servizi offerti dallo sportello (operativo il lunedì dalle 15 alle 17 e, su appuntamento, il giovedì dalle 15 alle 17): consulenza e assistenza legale, supporto medico-psicologico.

 

Notizie in Evidenza
Rappresentatività: ecco chi è veramente la Fnsi
Rossi: i documenti sono sul sito, nessuna censura al dissenso
Siddi: Iacopino faccia un ripasso dell'esame professionale
Parlare senza documentarsi peccato mortale per giornalista
Siddi: incredibile, c'è chi vuole perpetuare privilegi da casta
Il Sindacato fa opera di inclusione, allarga diritti, non lede garanzie
Nuovo presidente della Federazione Editori Maurizio Costa
Siddi: impegno comune per sviluppare la qualità dell’informazione
Equo compenso: fuoco da Odg nazionale contro contratto
ma per iscrizione pubblicisti accetta retribuzione di 11 euro
Ucciso il collega russo, Igor Kornelyuk, in Ucraina
Siddi: nuovo grave lutto per il giornalismo internazionale
Siddi: sulle sedi Rai troppo chiasso e superficialità
Convinto che anche il Governo ha capito di aver esagerato
"Province, non disperdere il patrimonio di professionalità"
Lotti: con il fondo Editoria mille nuovi assunti in tre anni
Siddi: linee guida del Governo vanno nella direzione giusta
Giorni decisivi per il rinnovo, potrebbe arrivare a giugno
"Sarà un contratto di tenuta ma anche di avanzamento"
Contratto, lavoro e welfare: Fnsi incontra ministro Poletti
Legnini: bisogna lavorare di più per l'informazione
Siddi: iniziativa Governo rilevante per lavoro e sviluppo
Rossi: “Bene riportare al centro il tema del lavoro
Condivisibile anche la critica al liberismo imperante”
Siddi: la trattativa sul contratto ad uno snodo cruciale
Stagione non facile, serve volontà degli editori e dello Stato
Dalla Puglia un appello, chiudere rapidamente il contratto
”Difenderlo è essenziale per garantire il sistema”
Siddi: sistema regge ma urgente forte e decisivo sostegno
Irresponsabile non tentare di preservare contratto e Istituti
Franco Siddi annuncia “un contratto di tenuta”
Giornalisti, tra uffici stampa e libera professione
Editoria e legge stabilità: risorse per lavoro, non assistenza
"Ora governo sia operativo e concreto per l’informazione"
Siddi: siamo a un punto di svolta, il contratto è possibile
Ora serve che il governo faccia la sua parte
Sul futuro della Rai primi elementi di chiarezza
Siddi: bene Giacomelli su bollino blu e piano editoriale
Finalmente disponibili i documenti del caso Alpi-Hrovatin
Siddi e Rossi: da Governo svolta straordinaria per la verità
La Cassazione dice no al carcere per i giornalisti
"E' una categoria oggetto di attacchi gravi e ingiustificati"
Per un nuovo welfare dei giornalisti italiani:
protezione sociale, microcredito e formazione
Siddi: da Zavoli un invito a riflettere su questioni cruciali
Rossi: un giornalismo dai forti legami con la società
Siddi: illuminiamo sequestri di padre Dall'Oglio e altri nel mondo, NASTRO GIALLO sul sito Fnsi
Se sei in cassa integrazione non perdi i diritti sindacali
Rossi all'Aran: dare piena autonomia di rappresentanza
sindacale ai giornalisti nella Pubblica Amministrazione
Rossi: “Rilevanza della decisione anche per i giornalisti”
Nella Pa titolati anche dalla 150/2000 e dalla magistratura
Agibilità sindacale: la Consulta non ammette la Fnsi in giudizio
ma dà ragione alla Fiom dichiarando illegittimo l'art.19 Legge 300

Unione Nazionale Giornalisti Pensionati
Osservatorio Ossigeno
Governo Italiano
Parlamento Italiano
IFJ

Isf

Insi

Libertà di Stampa Diritto all'Informazione

Il Redattore Sociale

Il Redattore Sociale

Cos'e' la FNSI Assostampa Organismi Sindacali Contratti Documentazione Internazionale Edicola Uffici Stampa Lavoro Autonomo Fondi Modulistica Pari Opportunita'
Fondo Giornalisti
Inpgi
Casagit
Ordine dei Giornalisti
Il Giornalista
Le altre notizie...