Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Minacce
Minacce | 16 Mag 2019
CONDIVIDI:

Aggressione a Maria Grazia Mazzola, rinviata l'udienza preliminare. Il sindacato al fianco della collega

Mentre fuori dal tribunale si svolgeva il presidio di solidarietà di Assostampa e Odg Puglia, gli avvocati Roberto Eustachio Sisto e Francesco Paolo Sisto, che assistono il sindacato nel procedimento, hanno anticipato al Gup l'intenzione della Fnsi, d'intesa con l'Usigrai, di costituirsi parte civile.
Giornalisti in presidio davanti al tribunale di Bitonto

È stata rinviata, per un difetto di procedura, l'udienza preliminare davanti al Gup del tribunale di Bitonto chiamato a decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio di Monica Laera in relazione all'aggressione, il 9 febbraio 2018 a Bari, ai danni della giornalista Maria Grazia Mazzola.

Mentre all'esterno del tribunale Associazione della Stampa e Ordine dei giornalisti di Puglia, Federazione nazionale della Stampa italiana e Usigrai davano vita a un presidio di solidarietà alla collega del Tg1, in aula erano presenti gli avvocati Roberto Eustachio Sisto e Francesco Paolo Sisto, che assistono il sindacato nel procedimento.

Prima di disporre il rinvio, il giudice ha preso atto della presenza della parti. I legali hanno preannunciato l'intenzione della Fnsi, d'intesa con l'Usigrai, di costituirsi parte civile al processo. Gli atti sono stati restituiti al Pm affinché si sani l'errore di notifica e si riconvochino le parti. Laera è accusata dalla Dda di Bari di aggressione con aggravante mafiosa, lesioni e minacce di morte.

Al sit-in davanti al tribunale erano presenti, fra gli altri, Piero Ricci e Gianfranco Summo per l'Odg; Giuseppe Pace, Anna De Feo, Ruben Rotundo, Francesco Monteleone e Valentino Sgaramella, per l'Assostampa.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più