Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 31 Gen 2018
CONDIVIDI:

Campania, via libera alla legge di sostegno dell'editoria locale. Soddisfatto il sindacato regionale

Inserito nel testo approvato dal Consiglio regionale «quasi tutto l'impianto degli emendamenti proposti dal Sugc», rileva l'Assostampa. «È una legge di indirizzo, per l'attuazione bisognerà attendere i decreti. Ma andiamo avanti», commenta il segretario Claudio Silvestri.
Il segretario del Sugc, Claudio Silvestri

«Quasi tutto l'impianto degli emendamenti proposti dal Sindacato unitario giornalisti della Campania è stato inserito nella legge 'In materia di informazione e comunicazione istituzionale e di sostegno dell'editoria locale' approvata dal consiglio regionale della Campania». Lo rende noto lo stesso Sugc.
«Un ringraziamento va a tutti i consiglieri regionali che hanno fatto proprie le nostre proposte», dichiarano il segretario del sindacato regionale, Claudio Silvestri e la delegata al lavoro autonomo e alle pari opportunità, Laura Viggiano.

In particolare, nel testo sono state inserite le norme, indicate dal Sugc, che ampliano la platea dei destinatari degli interventi anche ai liberi professionisti e ai siti di informazione online e quelle che favoriscono le pari opportunità.

«Per la prima volta – commenta Silvestri – la Regione Campania approva una legge sull'editoria che riguarda i giornalisti. In precedenza norme con lo stesso nome neanche sfioravano l'argomento. È una legge di indirizzo, per l'attuazione bisognerà attendere i decreti. Sarà interessante capire come, ad esempio, verrà interpretata e applicata la legge 150/2000 per gli uffici stampa e come verranno effettivamente distribuiti i finanziamenti del fondo per il pluralismo dell'informazione, che pure è stato istituito. Insomma, un punto di partenza importante al quale si è arrivati con un proficuo dialogo con il sindacato dei giornalisti. Questa legge, infatti, sarebbe passata così come era stata elaborata se non avessimo colto l'attimo. Quando abbiamo saputo, grazie alla segnalazione di colleghi che in Regione ci lavorano, che la norma sarebbe andata in commissione Affari istituzionali, abbiamo chiesto di partecipare all'audizione».

In quella occasione, prosegue il segretario del Sugc, «siamo stati l'unica voce fuori dal coro e abbiamo evidenziato l'esigenza di apportare delle modifiche, lo abbiamo fatto concretamente, come siamo abituati a fare, portando una serie di proposte, di emendamenti. Abbiamo chiesto di aprire ai liberi professionisti e alle start-up, di tenere conto delle pari opportunità, abbiamo chiesto che venisse allargata la platea dei beneficiari del fondo anche ai giornali online e alla carta stampata, perché per come era stata formulata la norma dava contributi solo alle tv locali che già beneficiavano nel finanziamento pubblico. Siamo stati ascoltati».

La maggioranza dei consiglieri ha accolto le istanze del sindacato già in commissione, altre sono state accolte con ulteriori emendamenti in Consiglio regionale. «Così una legge che sembrava 'blindata' è diventata il frutto di un confronto importante con il Sindacato unitario giornalisti della Campania. È un buon segnale. In questo Paese scalcagnato ogni tanto vince la democrazia. Andiamo avanti», conclude Silvestri.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più