Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  La polemica
La polemica | 15 Mag 2019
CONDIVIDI:

Caso Fazio, quattro consiglieri chiedono di convocare il Cda Rai. Usigrai: «Fatto positivo»

«Ora da Statuto il presidente Foa è obbligato a convocarlo. Dopo la stop a Fazio a insaputa dell'ad, avevamo chiesto un chiarimento urgente, quindi non possiamo che plaudire all'azione dei consiglieri che ripristinano così la centralità del Consiglio», commentano i giornalisti del servizio pubblico.
Caso Fazio, quattro consiglieri chiedono di convocare il Cda Rai

«Un fatto positivo che deve servire a smantellare la struttura parallela che si è creata in azienda e che opera alle spalle dell'amministratore delegato». Così l'Usigrai commenta la richiesta di un Cda straordinario da parte di quattro consiglieri di amministrazione.

«Ora – proseguono i rappresentanti dei giornalisti del servizio pubblico – da Statuto il presidente Foa è obbligato a convocarlo. Dopo la stop a Fazio a insaputa dell'ad, l'Usigrai aveva chiesto un chiarimento urgente in Cda, quindi non possiamo che plaudire all'azione dei consiglieri che ripristinano così la centralità del Consiglio di amministrazione».

I quattro consiglieri che hanno inviato al presidente Marcello Foa la richiesta di convocazione urgente per fornire spiegazioni in merito al caso Fazio e all'interlocuzione tra l'ad Fabrizio Salini e la direttrice di Rai1 Teresa De Santis sono Rita Borioni, Riccardo Laganà, Beatrice Coletti e Giampaolo Rossi.

La decisione è stata presa in una riunione a viale Mazzini alla quale mancava il consigliere indicato dalla Lega, Igor De Biasio. «Con la richiesta di tre settimi del Consiglio, il presidente è obbligato a convocarlo. Penso che giovedì sia il termine ultimo per convocare la riunione», ha spiegato Borioni.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più