Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Istituzioni
Istituzioni | 09 Set 2019
CONDIVIDI:

Conte alla Camera: «Il governo promuoverà il pluralismo». Lorusso: «Ora passi dalle parole ai fatti»

Le frasi pronunciate dal premier sono «importanti e impegnative». Ci aspettiamo «una forte e decisa discontinuità rispetto a quanto fatto con il suo primo esecutivo in tema di stampa e pluralismo». Così il segretario generale della Fnsi commenta all'Agi il discorso per la fiducia al nuovo governo.
Il discorso del presidente Conte alla Camera dei Deputati (Foto: governo.it)

Le parole sul capitolo informazione pronunciate dal premier Conte nel suo discorso alla Camera per la fiducia al nuovo esecutivo sono «importanti e impegnative per lui e per tutto il governo. Ora è necessario che sia consequenziale, dalle parole ai fatti». È il commento di Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, al passaggio del discorso in cui Conte a Montecitorio riferendosi al pluralismo dell'informazione ha parlato della stampa che svolge un ruolo di 'termometro' della democrazia, sostenendo che «la garanzia di un'informazione libera, imparziale e indipendente è uno dei nodi nevralgici che definiscono l'affidabilità e la tenuta del nostro Paese e delle sue istituzioni».

Lorusso si aspetta quindi da Conte «una forte e decisa discontinuità rispetto a quanto fatto con il suo primo governo in tema di stampa e pluralismo. Ci aspettiamo che voglia assegnare la delega all'editoria nel segno della massima discontinuità rispetto alla precedente esperienza (sottosegretario era stato nominato Vito Crimi, ndr) e certamente non all'insegna della moltiplicazione dei tagli alla stampa, ma nel segno invece dell'attenzione a un settore che, non solo in Italia, è alle prese con una crisi strutturale che per essere superata ha bisogno del sostegno pubblico per i processi di ristrutturazione e per sostenere il lavoro».

Il segretario della Fnsi sottolinea che in precedenza «abbiamo assistito a una messa in cantiere di provvedimenti che se resi esecutivi avrebbero reso i cronisti ancora più ricattabili e reso il lavoro ancora più precario».

Lorusso chiede quindi il ripristino intanto del Fondo per il pluralismo dell'informazione, «già tagliato dal precedente governo e che se restasse così com'è porterebbe già ora alla chiusura di testate e alla perdita di posti di lavoro nell'ordine di centinaia e centinaia di persone». (Agi – Roma, 9 settembre 2019)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più