Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Parlamento
Parlamento | 09 Giu 2010
CONDIVIDI:

Ddl Alfano: limiti e sanzioni. Così il nuovo testo I punti principali del disegno di legge con gli emendamenti del relatore Il Governo pone la fiducia, oggi si vota Fnsi: “Fiducia é scelta autoritaria per una legge sbagliata che mutila

Dal limite dei 75 giorni alle sanzioni per gli editori, ecco come il ddl sulle intercettazioni arriva al suo rush finale in Senato con gli emendamenti presentati dal relatore Centaro.Il Senato voterà la fiducia al ddl intercettazioni nella tarda mattinata di giovedì 10 giugno. Le dichiarazioni di voto cominceranno ale 11,30. Lo ha stabilito la Conferenza dei capigruppo.

Dal limite dei 75 giorni alle sanzioni per gli editori, ecco come il ddl sulle intercettazioni arriva al suo rush finale in Senato con gli emendamenti presentati dal relatore Centaro.
Il Senato voterà la fiducia al ddl intercettazioni nella tarda mattinata di giovedì 10 giugno. Le dichiarazioni di voto cominceranno ale 11,30. Lo ha stabilito la Conferenza dei capigruppo.

- LIMITI: Intercettazioni possibili solo per i reati puniti con più di cinque anni (tra questi c'è anche la corruzione). I telefoni possono essere messi sotto controllo per 75 giorni al massimo. Se c'è necessità, vengono  concessi altri tre giorni prorogabili di volta in volta con provvedimento del gip. Per i reati più gravi (mafia, terrorismo, omicidio ecc.) le intercettazioni sono possibili per 40 giorni, più altri venti prorogabili.
- DIVIETI E SANZIONI:  Gli atti delle  indagini in corso possono essere pubblicati non tra virgolette ma con un riassunto. Gli editori che li pubblicano in modo testuale rischiano fino a 300mila euro di multa. Le intercettazioni sono off limits per la stampa fino a conclusione delle indagini: per gli editori che sgarrano ci sono 300 mila euro di multa, che salgono a  450mila euro se si tratta di intercettazioni di persone estranee ai fatti. Colpiti anche i giornalisti: fino a 30 giorni di carcere o una sanzione fino a 10000 euro se  pubblicano intercettazioni durante le indagini o atti coperti da segreto. 
- CIMICI: niente  più  microfoni piazzati in casa o in auto per registrare le conversazioni degli indagati. Le 'cimici'' saranno consentite al massimo per tre giorni, prorogabili di altri tre.
- PM CIARLIERI: Se il responsabile dell'inchiesta passa alla stampa atti coperti dal segreto d'ufficio e semplicemente va in tv a parlare dell'inchiesta puo' essere sostituito dal capo del suo ufficio.
- PEDOFILIA: scompare la norma che eliminava l'obbligo di arresto per i reati di pedofilia di  ''lieve entità '' 
- NOMA TRANSITORIA: Le nuove  regole si applicano ai processi in corso. Quindi, anche se erano già state autorizzate intercettazioni con le vecchie regole, dovrà essere applicato il tetto dei 75 giorni.
-  RIPRESE: Sulle riprese tv per i processi decide il presidente della corte d'appello, che puo' autorizzarle anche se non c'è il consenso delle parti.
- IENE, STRISCIA, REPORT: le registrazione carpite di nascosto sono permesse ai  giornalisti professionisti e pubblicisti.
- CLERO Se nelle intercettazioni finisce un sacerdote bisogna avvertire la diocesi; se l'intercettato è un vescovo il pm deve avvertire la segreteria di Stato vaticana. (ANSA)

GOVERNO PONE LA FIDUCIA SUL DDL

Il governo pone la questione di fiducia sul ddl intercettazioni. Lo annuncia il ministro per i Rapporti con il Parlamento Elio Vito tra le proteste dell'opposizione. La fiducia è su un maxi-emendamento che riassume il contenuto del  ddl, alla luce anche delle ultime modifiche presentate dal relatore Centaro.

L'annuncio di Vito di voler porre la fiducia sul ddl intercettazioni è stata accolta da un coro di 'buu buu' e da mani sbattute sui banchi da parte dei senatori del centrosinistra. Alcuni senatori del Pd hanno battuto anche i piedi in segno di protesta.

Prima che il ministro per i Rapporti con il Parlamento annunciasse il voto di fiducia, il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, ha spiegato che è assolutamente diritto della maggioranza di arrivare ''al momento della decisione'', visto che si è discusso di questo tema, le intercettazioni, da almeno due anni soltanto in questa legislatura.

''Dopo il lungo tempo della discussione - ha sottolineato Gasparri - ora è il tempo della decisione. Del resto, tutti ritengono che questo tema sia importantissimo, visto che era stato oggetto di altri progetti di legge nella precedente legislatura''. (ANSA) 

FIDUCIA SENATO DOMANI MATTINA

Il Senato voterà la fiducia al ddl intercettazioni nella tarda mattinata di giovedì 10 giugno. Le dichiarazioni di voto cominceranno ale 11,30. Lo ha stabilito la Conferenza dei capigruppo. (AGI)

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

“Il Governo, in queste ore, sta mettendo in campo la sua parte peggiore con una sconsiderata furia tutta tesa a ristringere e mutilare gli spazi della libertà di tutti. La decisione di imporre il voto di fiducia sul Ddl intercettazioni che cancella, tra gli altri, il diritto all’informazione su come procedono le inchieste giudiziarie è una spada di Damocle, come sempre  brandita per imporre l’approvazione di leggi sbagliate.

E questa è una legge sbagliata, immorale, illiberale su cui la volontà del Parlamento è “catturata” da una scelta del Governo che è incapace e non ha alcuna volontà di confrontarsi sulle questioni di merito. Principi e valori costituzionali, diritti dell’uomo, sono insignificanti come nulle sono, per il Governo evidentemente, considerate le proposte di equilibrio avanzate dalla società civile, da professioni come quella dei giornalisti, dallo stesso Parlamento, in un confronto democratico interrotto da una scelta di chiaro sapore autoritario. La Fnsi conferma la sua resistenza totale e incessante a queste norme; scenderà in campo con iniziative specifiche di lotta, di testimonianza della verità dei fatti per rendere inefficace comunque il “silenzio di Stato” che si vuole imporre”.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più