Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Lutto
Lutto | 13 Mar 2018
CONDIVIDI:

È morto Luigi Necco, maestro del giornalismo napoletano. Il cordoglio di Fnsi, Sugc e Usigrai

Volto storico di '90° minuto', intellettuale e cronista di razza, per le sue inchieste sulla camorra nel 1981 fu vittima di un attentato. Al fratello Gianpaolo, consigliere nazionale Fnsi e vicepresidente Arga Campania, l'abbraccio del direttivo dell'Assostampa, della presidente del gruppo di specializzazione, dei vertici della Federazione nazionale della Stampa italiana e dei giornalisti Rai.
Il giornalista Luigi Necco

È morto a 83 anni il giornalista napoletano Luigi Necco, storico volto della trasmissione Rai '90° minuto'. Cronista di razza, ha raccontato magistralmente la Napoli del terremoto e della guerra di camorra, nel 1981 fu vittima di un attentato per aver documentato la  vicinanza dell’ex presidente dell’Avellino al boss Raffaele Cutolo. Intellettuale con la passione per l’archeologia, è stato autore di più di 300 documentari, grazie alle sue ricerche è stato ritrovato il tesoro di Troia che tutti davano per perduto dopo i bombardamenti della Seconda Guerra mondiale.

Non ha mai smesso di fare il giornalista e ha continuato a svolgere la sua attività sulle Tv private locali. La sua scomparsa ci lascia addolorati, se ne va un maestro del giornalismo in Campania.

Al fratello Gianpaolo, consigliere nazionale della Fnsi e vicepresidente dell’Arga Campania, l’abbraccio affettuoso del segretario del Sindacato unitario giornalisti della Campania, Claudio Silvestri, del direttivo tutto, della presidente dell’Arga Campania, Geppina Landolfo e dei vertici della Federazione nazionale della stampa italiana.

L'esecutivo Usigrai: «A nome delle giornaliste e dei giornalisti della Rai, ci stringiamo alla sua famiglia»
Uno dei volti più noti di 90esimo Minuto. Ha raccontato l'epopea del Napoli di Maradona. Ma per Luigi Necco lo sport era quasi un passatempo, un divertimento. Era un cronista di razza, un cronista di strada. Denunciava criminalità e camorra. Di cui fu anche vittima. E poi la sua grande passione: l'archeologia, che raccontava con competenza e in maniera accessibile al grande pubblico. Al quale ha parlato, e al fianco del quale è stato, anche nella sua stagione alla guida di Mi Manda Raitre.
Amava la Rai: come lui stesso ha detto di recente nella puntata di 'Cose Nostre' a lui dedicata, il Servizio Pubblico è stato tutto per lui, è stato la sua vita.
A nome delle giornaliste e dei giornalisti della Rai, ci stringiamo alla sua famiglia.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più