Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 22 Mag 2015
CONDIVIDI:

Editoria, la Fnsi: "Il Governo rinnovi gli sgravi, il riordino del settore parta dall'occupazione"

"Il Governo si propone di presentare un disegno di legge di riordino del sistema editoriale, ma il centro è l'occupazione. Se non si parla di creare posti di lavoro regolari si parla di niente". Così il segretario della Fnsi, il sindacato nazionale dei giornalisti, Raffaele Lorusso partecipando a Torino all'annuale assemblea dell'Associazione della stampa Subalpina.

"Il Governo si propone di presentare un disegno di legge di riordino del sistema editoriale, ma il centro è l'occupazione. Se non si parla di creare posti di lavoro regolari si parla di niente". Così il segretario della Fnsi, il sindacato nazionale dei giornalisti, Raffaele Lorusso partecipando a Torino all'annuale assemblea dell'Associazione della stampa Subalpina.

"In cinque anni - ha sottolineato Lorusso - abbiamo perso 3 mila posizioni di lavoratori attivi. Oggi gli occupati sono scesi sotto le 16 mila unità e l'emergenza non è finita. Sappiamo che c'è la necessità di studiare con gli editori come e con quali mezzi affrontare i processi di ristrutturazione non ancora conclusi. L'obiettivo però è il rilancio dell'occupazione con regolari contratti a tempo indeterminato".
"Il governo - ha incalzato Lorusso - rinnovi gli sgravi alle aziende che l'anno scorso hanno consentito di portare a casa 250 posti di lavoro".
"È essenziale che il sistema di incentivi e sgravi messi in campo dal Governo un anno fa - ha poi spiegato - venga mantenuto e rilanciato".
"Con il Governo la sfida è che riconosca la specificità del lavoro giornalistico: anche se resa sotto forma autonoma la prestazione giornalistica ha comunque come destinatario un imprenditore, l'editore", ha poi rilevato il segretario Fnsi, che - parlando ancora di lavoro autonomo e atipico - ha concluso dicendo: "Anche noi vogliamo le tutele crescenti introdotte nelle altre categorie: i collaboratori, con coerenza, devono sparire. Oggi ce ne sono 9 mila, anche per loro devono scattare le tutele crescenti".

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più