Share to Facebook Share to Twitter Share to MySpace Share to Delicious More...
Cerca nel sito :
Loading
Editoria 14/09/2012
In edicola da martedì 18 settembre anche il lunedì
Arriva 'Pubblico' di Telese, dalla parte ‘degli ultimi e dei primi’
Nessun contributo pubblico, break even a novemila copie

La redazione di Pubblico (Infophoto)Arriva martedì prossimo in edicola 'Pubblico', il nuovo giornale di Luca Telese ''dalla parte degli ultimi e dei primi'', come recita il claim dell'unico spot televisivo che accompagna l'uscita del giornale da lunedì su La7. Il quotidiano, 24 pagine a colori in uscita 7 giorni su 7, una redazione di 30 giornalisti con un'età media che si aggira sui 35 anni, a regime stamperà 30mila copie (1,50 euro il costo) con l'obiettivo di venderne tra le 10 e le 15mila con il pareggio di bilancio in vista già a 9-10mila. Il progetto, ci tiene a precisare Telese, nasce da un investimento iniziale interamente privato di 750mila euro.

''Il nostro giornale - premette - nasce senza ricorso al finanziamento pubblico: non abbiamo niente contro i contributi pubblici, almeno in linea di principio, ma le testate che vi fanno ricorso mi sembra che prima o poi finiscano male, forse perché spendono piu' di quanto si possono permettere. Comunque abbiamo preferito procedere con le nostre forze, scommettendo sul coraggio di chi ci lavora - e tanti per farlo hanno lasciato un posto 'sicuro' – e sul contributo dei lettori: se qualcuno ci comprerà bene, sennò avremo sbagliato con le nostre forze''.
Un giornale ''dalla parte degli ultimi'' 'Pubblico', ovvero quegli operai e protagonisti della crisi che ''nessuno ha voglia di raccontare se non si alza il grado dello scontro'', ma anche ''dalla parte dei primi, quelli del merito vero - prosegue il direttore - dell'eccellenza e del talento che sono la salvezza di questo paese''.
'Pubblico' nasce per fare un'informazione fondata dichiaratamente ''su valori di sinistra ma che sia innanzitutto un'informazione libera, dove chi scrive - spiega - non debba pensare a chi dà fastidio se pubblica questa o quella notizia''.
Tra le firme di 'Pubblico' quella di Ritanna Armeni, di Marco Berlinguer, di Giancarlo Padovan, di Ascanio Celestini. Molte storie di gente comune che la stampa tradizionale 'dimentica' di raccontare e nessun ''cono d'ombra'', o conflitto di interesse ''poiché alle nostre spalle non ci sono imprenditori o palazzinari'', afferma ancora Luca Telese.
''Pubblico'' sarà distribuito su quasi tutto il territorio nazionale, con tre centri stampa in Sardegna, Roma e Milano e sarà disponibile, fin dall'inizio anche in versione digitale. Con Federico Mello, proveniente dal 'Fatto', la scommessa riguarderà anche l'online sul filo dell'approfondimento, mentre cultura, satira e sport saranno al centro di quattro inserti settimanali , di cui uno dedicato ai bambini. (ROMA, 14 SETTEMBRE - ADNKRONOS)

Torna indietro Indietro
Notizie relative a Editoria
L’Unità: nessuna offerta congrua, tempo fino al 30 novembre
Addio a "Padania", il quotidiano voluto da Bossi
Il quotidiano francese Nice-Matin affidato ai redattori
E’ operativo il Fondo straordinario per l’editoria
"Sì a risorse per l'editoria non profit, di inchiesta, locale"
Il Secolo XIX, Alessandro Cassinis è il nuovo direttore
Tremila posti di lavoro e ottanta testate a rischio chiusura
Franco Siddi: no a tagli drastici al fondo statale per l'editoria

Parte la nuova agenzia Askanews, redazioni a Roma e Milano
Serventi Longhi, da stop contributi un danno a Inpgi
Torna l'Ora ma diventa on line, direttore Vittorio Corradino
Gli interventi pubblici servono per innovazione e lavoro
Siddi: cancellare il pluralismo? Si impoverisce il Paese

Tommaso Cerno nuovo direttore Messaggero Veneto
Chiude a fine 2014 il mensile dei gesuiti 'Popoli'
L'Espresso, Luigi Vicinanza è il nuovo direttore
Assemblea dei giornalisti, l’azienda propone solo tagli

"Tre piccole soluzioni per rilanciare il Fondo editoria
Prelievo pubblicità tv, intervento su banche, tassa Google"

Nasce Mi-Tomorrow, nuova free press a Milano
Chiude 'Il Tempo' in Abruzzo, chiesto un incontro con Lotti
Per il quotidiano Europa decisa la liquidazione "volontaria"
Siddi: chiuderla non può essere considerato atto liberatorio

Michael Bloomberg torna ad essere magnate dei media
Fusione Stampa-Secolo XIX: Assostampa, giochi siano chiari
Siddi, devono essere noti a tutti i contenuti dell'alleanza

Chiude il quotidiano 'Il romanista'
Zanotti: rischio dominio grandi network e fine del pluralismo
Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli lascia nel 2015
Siddi: non si può archiviare come fisiologico avvicendamento

Lotti: con il fondo Editoria mille nuovi assunti in tre anni
Siddi: linee guida del Governo vanno nella direzione giusta