Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Parlamento
Parlamento | 03 Ago 2011
CONDIVIDI:

Fnsi e Ordine: Maroni riapra al più presto i cancelli dei Cie Ora del dovere di cronaca si faccia un uso intenso

Il Senato ha approvato ieri, su proposta del Pd accolta dalla maggioranza, un ordine del giorno che “impegna il Governo a predisporre ed adottare con urgenza tutte le misure necessarie a consentire ai giornalisti e agli operatori dell’informazione l’accesso ai centri per immigrati e richiedenti asilo, modificando le regole di accesso e neutralizzando così gli effetti della circolare del Ministro dell’Interno n.1305 del primo aprile 2011”.

Il Senato ha approvato ieri, su proposta del Pd accolta dalla maggioranza, un ordine del giorno che “impegna il Governo a predisporre ed adottare con urgenza tutte le misure necessarie a consentire ai giornalisti e agli operatori dell’informazione l’accesso ai centri per immigrati e richiedenti asilo, modificando le regole di accesso e neutralizzando così gli effetti della circolare del Ministro dell’Interno n.1305 del primo aprile 2011”.

E’ il positivo risultato dell’azione intrapresa da settimane dalle rappresentanze del giornalismo italiano per difendere il dovere di far cronaca anche sulle condizioni di vita degli immigrati - spesso disumane - all’interno dei Cie e dei Cara.
Fnsi e Ordine ringraziano le forze politiche e i soggetti istituzionali che hanno inteso porre rimedio ad una evidente violazione dell’Articolo 21 della Costituzione. Allo stesso modo ringraziano le associazioni, i movimenti, i sindacati che hanno promosso la rete “LasciateCIEntrare” per rivendicare il diritto dell’opinione pubblica ad essere informata su ciò che avviene all’interno dei Centri. Fnsi e Ordine sollecitano il Ministro dell’Interno, on. Maroni, a ripristinare nei tempi più rapidi la possibilità d’accesso dei giornalisti, che è utile alla società persino dal punto di vista dell’ordine pubblico: è evidente, infatti, che anche l’imposizione del silenzio informativo sulla situazione all’interno dei Cie e dei Cara può aver indotto alcuni degli immigrati a pensare che servissero gesti di protesta violenti - comunque inaccettabili - per richiamare l’attenzione dei media e delle istituzioni. Una volta che i cancelli si saranno riaperti per i giornalisti, l’auspicio è che del dovere di cronaca si faccia uso intenso: dipende anche dai nostri articoli e servizi, se questi centri potranno allontanare da sé il sospetto di essere come carceri, o peggio delle carceri.

PRIMI SEGNALI PER TRASPARENZA E LIBERA INFORMAZIONE NEI CIE

Roma, 2 agosto - Le iniziative per aprire i Cie all'osservazione dei giornalisti, promosse dalla Fnsi e da molte associazioni della società civile, trovano le prime risposte in Parlamento. Il governo ha accolto oggi un odg del Pd, presentato in Senato, con il quale si impegna ad adottare le misure necessarie per consentire l'ingresso dei giornalisti nei Centri di Identificazione e di Espulsione (Cie) degli extracomunitari.Ora il governo è chiamato a correggere rapidamente la "famosa" circolare dei divieti, con cui considerava la presenza dei giornalisti un intralcio.
È il tempo di fare chiarezza e di assicurare la piena attività della stampa libera, che non è un pericolo ma una garanzia di civiltà; in questo caso una funzione essenziale perché dei Cie si possa dare una rappresentazione degna di ciò che accade e perché si possano correggere le storture che, in certi casi, li fanno diventare simili al carcere, benché la loro natura debba essere essenzialmente un'altra, di aiuto alle persone.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più