Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Cpo-Fnsi
Cpo-Fnsi | 04 Giu 2019
CONDIVIDI:

Fnsi, insediata la nuova Commissione pari opportunità

Un primo momento di confronto e di conoscenza, ma già operativo. Fra gli impegni più immediati, organizzare l'assemblea delle elette e sottoscrivere, Fnsi e Fieg, l'accordo sulle molestie nei luoghi di lavoro, come già hanno fatto Cgil, Cisl e Uil con Confindustria, recependo una direttiva comunitaria.
Un momento della riunione di insediamento della Cpo Fnsi

Riunione di insediamento, oggi, 4 giugno 2019, in Fnsi, della Commissione nazionale Pari Opportunità, presieduta da Mimma Caligaris. Un primo momento di confronto e di conoscenza, ma già operativo, individuando i primi impegni. Fra gli obiettivi più immediati, organizzare l'assemblea delle elette e la sottoscrizione, da parte di Fnsi e Fieg, dell'accordo sulle molestie nei luoghi di lavoro, come già hanno fatto Cgil, Cisl e Uil con Confindustria, recependo una direttiva comunitaria.

Lavoro, gender gap salariale, carriere, welfare, lavoratrici autonome e molestie uno dei gruppi di lavoro, al quale hanno aderito molte componenti della Commissione, mentre altre si concentreranno, soprattutto, sul linguaggio di genere e sull'immagine della donna nei media, evidenziando anche l'opportunità di moduli su questa materia nei programmi delle scuole di giornalismo. In programma anche un monitoraggio del Manifesto di Venezia.

Grande interesse hanno suscitato i dati del questionario sulle molestie nei media rilanciati nel corso di un seminario aperto al pubblico: la volontà è quella di allargare l'indagine anche ai periodici e al lavoro autonomo, verificando un percorso corretto in sinergia, soprattutto, con Inpgi e Ordine, per avere una anagrafe corretta e un campione scientificamente attendibile ed esaustivo.

All'incontro hanno partecipato, fra gli altri, Susanna Camusso, responsabile Politiche di genere della Cgil, e la direttrice del Tg3, Giuseppina Paterniti. «Mi hanno colpito vari aspetti di questa indagine – ha commentato Camusso – come il non denunciare, che è figlio della non fiducia, dalla sensazione che nulla possa cambiare. Anche per questo ci auguriamo che l'Italia aderisca alla proposta di convenzione/raccomandazione Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro) contro la violenza di genere sul posto di lavoro. Per ora, però, non sappiamo ancora cosa farà il governo». Per far emergere il tema delle molestie nei media «bisogna affrontare quello del potere nel luogo di lavoro, e su quello la strada delle donne è ancora lunga», ha evidenziato Paterniti.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più