Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 26 Ott 2017
CONDIVIDI:

Genova, uffici stampa senza giornalisti. L'Associazione della Stampa ligure: «Un vizio pericoloso»

A Palazzo Ducale, ente nel cui Cda siedono esponenti di Comune e Regione, e al Festival della Scienza chi tiene i rapporti con i media non è iscritto all'Albo. «Violando le norme che regolano il settore dell'informazione e di una professione che l'ALdG intende tutelare in ogni sede», denuncia l'Assostampa.
Palazzo Ducale a Genova

L'ufficio stampa? Affidato a chi giornalista non è. Vizietto dal quale la cultura genovese non è esente come dimostrano i casi di Palazzo Ducale e del Festival della Scienza. «Sul sito di Palazzo Ducale – spiega in una nota l'Associazione ligure dei giornalisti – si legge che l'ufficio stampa è affidato a Camilla Talfani. Nella lettera di rinnovo del contratto, firmata dal direttore di Palazzo Ducale Da Passano, si legge: "L'ottima immagine di cui gode Palazzo sulla stampa nazionale e locale è certamente merito della programmazione messa in campo, ma anche dei buoni rapporti con il mondo dei giornali e delle televisioni e della professionalità dell'approccio dell'ufficio stampa".  Senza nulla togliere alle capacità della signora Talfani, l'Associazione Ligure dei Giornalisti stigmatizza il fatto che ancora una volta l'ufficio stampa di Fondazione Palazzo Ducale, l'ente culturale più importante di Genova nel cui Cda siedono esponenti indicati da Comune e Regione, sia stato affidato a chi giornalista non è».

L'Associazione Ligure dei Giornalisti, prosegue la nota del segretario Alessandra Costante, «non si sofferma né sul fatto che il contratto di collaborazione per l'ufficio stampa sia stato rinnovato tre mesi prima della scadenza del vecchio Cda e neppure sull'importo del contratto stesso, ma sottolinea che quello di addetto stampa (dipendente o consulente)  è un lavoro di tipo giornalistico, come peraltro stabilisce per gli enti pubblici come Comune e Regione la legge 150/2000. Si intuisce il tentativo di Fondazione Palazzo Ducale di comportarsi come un qualsiasi soggetto privato, ma la presenza nel Cda degli enti pubblici dovrebbe consigliare l'osservanza delle norme che regolano il settore dell'informazione e di una professione che l'ALdG ha intenzione di tutelare in ogni sede».

Quanto, infine, al Festival della Scienza attualmente in corso, «al quale va riconosciuto almeno il tentativo di affidare il proprio ufficio stampa ad un giornalista, si deve comunque rilevare che oggi ad occuparsene è uno staff in cui i giornalisti brillano per assenza», conclude l'Assostampa.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più