Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Minacce
Minacce | 10 Mag 2017
CONDIVIDI:

Giornalisti aggrediti ad Aversa, Lorusso e Giulietti: «Diamo ai colleghi la scorta mediatica»

Il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, ha incontrato a Napoli i tre giornalisti minacciati e picchiati il 25 aprile scorso. «Insieme con il Sindacato unitario della Campania e l'Ordine regionale dei giornalisti attiveremo subito le istituzioni», ha anticipato.
Un momento dell’incontro

Il presidente della Federazione nazionale della stampa italiana, Giuseppe Giulietti, ha incontrato, presso la sede del Sindacato unitario giornalisti della Campania, Lidia, Christian e Renato De Angelis, i tre giornalisti minacciati e picchiati ad Aversa il 25 aprile scorso.
«È inquietante quello che è accaduto ad Aversa e ciò che è accaduto anche in altri comuni del Casertano, dove è importante attivare ed estendere la scorta mediatica», ha affermato il presidente Giulietti.
«La Fnsi, insieme con il Sindacato unitario della Campania e l'Ordine dei giornalisti regionale, attiverà immediatamente i ministeri degli Interni e di Giustizia per i provvedimenti conseguenti, presentando la documentazione sul caso. Auspichiamo – hanno dichiarato il presidente Giulietti e il segretario generale, Raffaele Lorusso – che gli inquirenti, che sicuramente avranno già identificato gli aggressori che hanno agito in pieno giorno, completino in tempi rapidi le indagini e, non appena sarà chiusa l'istruttoria, ci costituiremo parte civile al fianco dei colleghi. Ci auguriamo, inoltre, che i colleghi delle altre testate attivino immediatamente una scorta mediatica raccontando e dando evidenza a quello che accade nel territorio di Aversa».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più