Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Vertenze
Vertenze | 10 Mag 2019
CONDIVIDI:

Licenziamenti al Gazzettino, Giulietti: «Pronti alla mobilitazione nazionale»

Il presidente ha espresso la solidarietà della Fnsi ai cinque lavoratori della tipografia di Mestre durante il direttivo del Sindacato giornalisti del Veneto al quale hanno partecipato anche i proti rimasti senza lavoro. «Bene hanno fatto Sgv e Cdr a proclamare subito lo stato di agitazione», ha ribadito.
Il presidente Giulietti e i lavoratori del Gazzettino al direttivo del Sindacato giornalisti Veneto

«Siamo pronti, d'intesa con i sindacati confederali, a sostenere anche con i nostri legali la vertenza dei proti della tipografia del Gazzettino alla quale va data rilevanza nazionale». È una solidarietà sostanziale quella espressa da Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione nazionale della stampa italiana, assieme al segretario generale Raffaele Lorusso, ai cinque lavoratori del Centro stampa veneto, licenziati senza alcuna avvisaglia lo scorso primo maggio dall'editore Caltagirone.

I proti sono stati accolti questa mattina dal direttivo del Sindacato giornalisti del Veneto (Sgv), riunito a Padova. «Se non contrastiamo con la massima decisione questi cinque licenziamenti e le modalità con cui sono stati effettuati, si creerà un precedente gravissimo per tutti i lavoratori – ha ribadito Giulietti –. Bene hanno fatto Sgv e il Comitato di redazione del Gazzettino a proclamare subito lo stato di agitazione. A tutela del lavoro di tutti serve la massima unità tra i giornalisti e gli altri lavoratori, come fatto in questa occasione». Appello condiviso anche dall'Ordine nazionale dei giornalisti, rappresentato da Maurizio Paglialunga.

La raccomandata di sospensione dal servizio, con effetto immediato, è stata motivata da Caltagirone con la soppressione dell'unità produttiva a Mestre e il trasferimento della stessa a Roma. «Ci hanno buttato fuori a freddo, senza darci nessuna alternativa, nessuna chance. Hanno  cancellato la tipografia del giornale e la sua storia. La battaglia la facciamo anche per chi ancora è dentro l'azienda. Questo non è più il Gazzettino che abbiamo conosciuto in quasi trent'anni di lavoro», ha detto con le lacrime agli occhi uno dei lavoratori.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più