Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Libertà di stampa | 04 Nov 2015
CONDIVIDI:

‘No bavaglio’, la mobilitazione si sposta a piazzale Clodio

Un presidio all’ingresso della cittadella giudiziaria dove si celebra il processo a ‘Mafia Capitale’: dopo la presentazione della petizione online promossa dal professor Stefano Rodotà prosegue la mobilitazione contro la delega al governo in materia di intercettazioni. “Senza le intercettazioni i cittadini non avrebbero saputo nulla di molti scandali, a partire da quello di ‘Mafia Capitale’. Anche per questo siamo vicini ai 96 colleghi denunciati per aver fatto il loro lavoro”, è il commento del segretario Raffaele Lorusso.

Un presidio all’ingresso della cittadella giudiziaria dove si celebra il processo a ‘Mafia Capitale’: dopo la presentazione della petizione online promossa dal professor Stefano Rodotà prosegue la mobilitazione contro la delega al governo in materia di intercettazioni. “Senza le intercettazioni i cittadini non avrebbero saputo nulla di molti scandali, a partire da quello di ‘Mafia Capitale’. Anche per questo siamo vicini ai 96 colleghi denunciati per aver fatto il loro lavoro”, è il commento del segretario Raffaele Lorusso.

Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Ordine dei giornalisti del Lazio, Associazione Stampa Romana, Usigrai, associazione Articolo21 e Comitato NoBavaglio3 organizzano per domani, giovedì 5 novembre 2015, dalle ore 8.30, in piazzale Clodio (davanti all’ingresso della cittadella giudiziaria), a Roma, un sit-in di protesta contro la delega al governo in materia di intercettazioni e per esprimere solidarietà ai 96 giornalisti denunciati per aver pubblicato articoli relativi all’inchiesta ‘Mafia Capitale’.
L’iniziativa, promossa all’indomani dell’avvio della campagna ‘No bavaglio’, coincide con l’apertura del processo a ‘Mafia Capitale’.
“La delega al governo su una materia costituzionalmente rilevante come il diritto/dovere di informare – afferma il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso – è sbagliata e pericolosa. Senza le intercettazioni i cittadini non avrebbero saputo nulla di molti scandali, a partire da quello di ‘Mafia Capitale’. Anche per questo siamo vicini ai 96 colleghi denunciati per aver fatto il loro lavoro, ossia illuminare le periferie del malaffare che per anni hanno inquinato la vita politica e sociale della citta di Roma. Come ribadito nella conferenza stampa di presentazione della petizione promossa dal professor Stefano Rodotà, siamo contrari a ogni tentativo di imbavagliare la stampa, a prescindere dal colore del governo che tenta di imporlo”.
Il presidio sarà anche l’occasione per raccogliere ulteriori adesioni alla petizione “No bavaglio” che ha già registrato ampio sostegno, non solo all’interno della categoria.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più