Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Cdr
Cdr | 05 Dic 2018
CONDIVIDI:

Manovra, proposto un taglio al contributo a Radio Radicale. Il Cdr: «Forte preoccupazione»

«Il dimezzamento del corrispettivo economico per il servizio pubblico svolto mette a rischio i posti di lavoro dei giornalisti, del personale tecnico, amministrativo e archivistico e compromette la possibilità di proseguire un'attività che dura da oltre quarant'anni», si legge in una nota.
Manovra, proposto un taglio al contributo a Radio Radicale. Il Cdr: «Forte preoccupazione»

«La Commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento alla manovra economica che prevede la proroga di un anno della convenzione tra Mise e Radio Radicale per la trasmissione delle sedute del Parlamento ma con il dimezzamento da 10 a 5 milioni del corrispettivo economico. Il Comitato di redazione di Radio Radicale esprime forte preoccupazione per la situazione che si verrebbe a creare se la misura fosse approvata definitivamente dal Parlamento». È quanto si legge in una nota del Cdr di Radio Radicale.

«Il dimezzamento del corrispettivo economico per il servizio pubblico svolto da Radio Radicale (peraltro invariato da 11 anni) mette a rischio i posti di lavoro dei giornalisti, del personale tecnico, amministrativo e archivistico e compromette la possibilità di proseguire un'attività che dura da oltre quarant'anni e la cui funzione è ampiamente riconosciuta», si legge ancora.

«Il Comitato di redazione di Radio Radicale chiede al Governo, al Parlamento, a tutte le forze politiche di riconsiderare una decisione che rappresenta un grave pericolo non solo per Radio Radicale ma per l'intero sistema dell'informazione nel nostro Paese», conclude la nota. (AdnKronos - Roma, 5 dicembre 2018)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più