Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Minacce
Minacce | 04 Lug 2019
CONDIVIDI:

Minacce ad Antonella Napoli, il caso arriva in Senato

In una interrogazione pubblicata a giugno, il senatore di Fratelli d'Italia Antonio Iannone chiede di sapere se il ministro dell'Interno «sia a conoscenza di questo gravissimo episodio e quali iniziative intenda realizzare per tutelare l'incolumità della giornalista».
La giornalista Antonella Napoli

Antonella Napoli, originaria della provincia di Salerno, precisamente di Battipaglia, direttrice di 'Focus on Africa', è finita oramai da tempo nel mirino di ignoti per via dei suoi articoli sul Sudan dove, all'inizio del 2019, è stata anche bloccata per alcune ore dalle autorità locali. Lo ricorda, in una interrogazione al ministro dell'Interno, il senatore di Fratelli d'Italia Antonio Iannone.

«Il 5 giugno 2019 – scrive – [Antonella Napoli] ha ricevuto nuove minacce sotto forma di una lettera, che, facendo esplicito riferimento alla sua professione di giornalista e all'articolo comparso sulla cronaca di 'Salernotoday', riportava il seguente testo: 'Continui a scrivere falsità sul Sudan pensando di essere al sicuro ma fratelli musulmani sudanesi sono anche in Italia e ti conoscono bene' e proseguiva 'Stai attenta perché la prossima volta non ci limiteremo a una lettera'».

La giornalista ha diffuso la notizia delle nuove minacce e ha sporto subito denuncia ai Carabinieri, che hanno avviato le indagini per risalire all'autore della missiva.

Pertanto il senatore chiede «di sapere se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza di questo gravissimo episodio e quali iniziative intenda realizzare per tutelare l'incolumità della giornalista Antonella Napoli».

PER APPROFONDIRE
Qui il testo dell'interrogazione.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più