Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 11 Dic 2018
CONDIVIDI:

'Notizie di chiusura', presentato il VI Rapporto di Carta di Roma. Giulietti: «I giornalisti contrastino le parole d'odio»

Lo studio, illustrato alla Camera dei Deputati, conferma alcune tendenze già rilevate negli anni precedenti: la centralità del fenomeno migratorio nella comunicazione mediatica e la permanenza di alcune cornici di allarme, sospetto e divisione. Il documento da scaricare.
La presentazione alla Camera del VI Rapporto di Carta di Roma
La presentazione alla Camera del VI Rapporto di Carta di Roma
La presentazione alla Camera del VI Rapporto di Carta di Roma
La presentazione alla Camera del VI Rapporto di Carta di Roma
La presentazione alla Camera del VI Rapporto di Carta di Roma

È stato presentato alla Camera dei Deputati il VI Rapporto della Carta di Roma 'Notizie di chiusura', un'analisi dei media italiani aggiornata al 31 ottobre 2018 e realizzata con l'Osservatorio di Pavia. Il rapporto 2018 conferma alcune tendenze già rilevate negli anni precedenti: la centralità del fenomeno migratorio nella comunicazione mediatica e la permanenza di alcune cornici di allarme, sospetto e divisione.

Nel suo saluto, Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana, ha parlato di come il significato di alcune parole sia stato rovesciato nel racconto mediatico. «Vorrei introdurre un modulo di contrasto alle parole d'odio condiviso e obbligatorio per tutti. Tutti dovrebbero conoscere e rispettare la Carta di Roma», rileva.

«Pacchia, crociera, clandestino, la paghetta dei 35 euro, invasione, sono le parole con cui la politica fa la sua propaganda, ma che rimbalzano su tutti i giornali e su tutti i telegiornali, senza contraddittorio», afferma invece Valerio Cataldi, presidente dell'Associazione Carta di Roma, che prosegue ribadendo la centralità delle parole che «possono trasformare la realtà» soprattutto rispetto ai concetti di responsabilità e di correttezza dell'informazione di chi scrive e riproduce quelle parole.

«La funzione sociale del giornalista è quella di essere arbitri del linguaggio utilizzato – dice il vicedirettore de L'Espresso Lirio Abbate –. Pacchia e invasione sono parole disumanizzanti e anche migrante è diventata una parola politica. Io penso che sia la strumentalizzazione che si fa del migrante a generare paura. Oggi abbiamo paura di avere paura, e questo ci fa fare tanti errori, anche giornalistici».

L'attenzione sul fenomeno migratorio è stata maggiore nella tv e minore nella carta stampata. Sulle prime pagine dei principali quotidiani nazionali, si assiste a una riduzione di notizie sul tema rispetto agli anni precedenti: nel 2018 sono 834, contro le 1.006 del medesimo periodo nel 2017. Invece nei telegiornali di prima serata delle reti Rai, Mediaset e La7, aumenta il numero di notizie: 4058 nei primi dieci mesi del 2018, il 10% in più rispetto all'anno precedente.

«Fare la conduttrice di talk show significa spesso fare da mediatori tra le diverse posizioni in campo – sostiene la conduttrice di Agorà Serena Bortone –. Bisogna parlare di tutto quello che succede perché il compito del giornalismo è quello di raccontare il mondo per favorire gli strumenti al politico per cambiarlo e ai cittadini per comprenderlo». Sul tema dell'immigrazione  aggiunge: «Si sono vinte e perse elezioni su questo argomento. La critica alla gestione del fenomeno, è diventata una critica al fenomeno stesso, risultata poi nella criminalizzazione del migrante».

Per il politologo Ilvo Diamanti, «c'è stato un cambiamento di clima nei confronti dell'immigrazione. Fino a qualche anno fa, l'immigrazione veniva raccontata con i segni dell'accoglienza. Oggi non è più così. Siamo passati dalla comprensione e la pietà verso l'altro alla paura. E aver paura dell'altro mostra una crisi di identità da parte nostra. Sarebbe vantaggioso non avere paura, ma integrare, perché è ovvio che non possiamo soltanto subire un fenomeno».

Un filo conduttore dell'informazione nei sei anni analizzati è quello dell'emergenza permanente, il lessico adoperato delinea una cornice di 'crisi infinita', endemica, che muta nel tempo e dilaga dalla cronaca al dibattito politico, interno all'Italia e tra istituzioni europee. Le parole simbolo degli anni esemplificano le mutazioni delle cornici della crisi: Lampedusa nel 2013, Mare nostrum nel 2014, Europa nel 2015, muri nel 2016, Ong nel 2017 e Salvini nel 2018.

Nel racconto delle migrazioni, si assiste a una specie di sovrapposizione tra l'agenda della politica e quella mediatica: 875 notizie in un mese (quello di giugno con la vicenda della nave Aquarius), il valore più alto dal 2015 a oggi.

La presenza di immigrati, rifugiati e richiedenti asilo nei notiziari del 2018 passa dal 7% dell'anno precedente, al 16%, ma non è una buona notizia perché i contesti tematici principali in cui sono presenti sono due: le aggressioni e gli attacchi di matrice razzista e i casi di caporalato e sfruttamento lavorativo.

«L'analisi del dibattito sulle pagine Facebook dei principali quotidiani italiani, in concomitanza del raid razzista a Macerata il 3 febbraio 2018, ha scatenato reazioni, anche feroci, sui social, mettendo in luce alcuni aspetti della comunicazione online. La presenza e permanenza di un linguaggio apertamente ostile e discriminatorio, declinata in vari livelli, che vanno dagli insulti al turpiloquio, all'apologia della violenza contro un gruppo su base etnica», spiega infine il ricercatore Giuseppe Milazzo dell'Osservatorio di Pavia.

PER APPRONFONDIRE
Per il sesto Rapporto Carta di Roma, 'Notizie di chiusura' clicca qui.
Per la sintesi di 'Notizie di chiusura' clicca qui.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più