Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Diffamazione
Diffamazione | 20 Feb 2017
CONDIVIDI:

Nuova richiesta di risarcimento danni contro Lilli Mandara, la Fnsi: «Servono adeguate misure a tutela del diritto di cronaca»

Dopo la richiesta di risarcimento da 150mila euro, dai vertici della Regione Abruzzo arriva una nuova citazione nei confronti della giornalista Lilli Mandara. «Contro le azioni che mirano a indebolire il diritto di cronaca servono sanzioni adeguate», commentano il segretario Lorusso e il presidente Giulietti.
Ezio Cerasi e Lilli Mandara al tribunale di Pescara

«Il caso della collega Lilli Mandara, citata in giudizio per risarcimento danni dal presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso, per aver raccontato già mesi fa alcune delle vicende che adesso gli vengono contestate anche dalla magistratura, rischia di sconfinare nella violenza psicologica». Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi commentano così la notizia della nuova richiesta di risarcimento danni avanzata nei confronti della giornalista abruzzese.

Nelle stesse ore in cui, su ordine della Procura della Repubblica, venivano contestati a D'Alfonso una serie di reati, alla collega Mandara è stata notificata un'altra richiesta di risarcimento danni, questa volta di 50mila euro, da parte del braccio destro del presidente della Regione, Claudio Ruffini, indagato per turbativa d'asta e abuso d'ufficio.

«Ferma restando la presunzione di non colpevolezza – ribadiscono i vertici della Fnsi – è sempre più chiaro che quelle di D'Alfonso e dei suoi collaboratori sono azioni chiaramente intimidatorie, volte a impedire alla collega Mandara di raccontare fatti per loro scomodi. Il sindacato dei giornalisti italiani continuerà a sostenere la collega Lilli Mandara e si attiverà in tutte le sedi perché tali azioni, che mirano unicamente a indebolire il diritto di cronaca e il diritto di tutti i cittadini ad essere informati, vengano adeguatamente sanzionate».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più