Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Libertà di informazione | 04 Gen 2017
CONDIVIDI:

Polemica 5 Stelle, Fnsi: «Chi ha a cuore la libertà di informazione lavori per migliorare le leggi di sistema»

«Chi è interessato alla libertà di informazione si dedichi all'approvazione di quelle norme che consentirebbero all'Italia di risalire decine di posizioni nelle classifiche internazionali». Questo l’appello della Fnsi, dopo la polemica sorta intorno agli ultimi attacchi di Beppe Grillo a giornali e giornalisti.
Appello della Fnsi per nuove leggi di sistema a difesa della libertà di informazione

«Chi davvero è interessato ai temi della libertà di informazione invece di progettare tribunali speciali e giurie popolari si dedichi alla approvazione di quelle norme che consentirebbero all'Italia di risalire decine di posizioni nei rapporti internazionali sulla libertà di informazione». Questo, all’indomani della polemica sorta intorno alle ultime esternazioni di Beppe Grillo, l’appello che la Fnsi rivolge al mondo della politica e alle istituzioni.

«L'attuale mediocre collocazione – spiegano il segretario Lorusso e il presidente Giulietti – deriva, infatti, dalla debolezza delle normative antitrust, dall'irrisolto conflitto di interessi, dall'ingerenza della politica nella gestione della Rai, in modo particolare, dal crescere delle minacce nei confronti dei cronisti che indagano e scrivono su mafie, malaffare, corruzione».

Come più volte ribadito, secondo i vertici del sindacato dei giornalisti a determinare il drastico peggioramento della posizione dell'Italia in alcuni dei più prestigiosi rapporti internazionali sono la mancata abrogazione della pena del carcere connessa ai reati di opinione, per altro sollecitata dalle istituzioni europee e, soprattutto, l'uso e l'abuso delle cosiddette "querele temerarie".

«Ci auguriamo – concludono Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti – che il triste dibattito di queste ore non si esaurisca nello spazio di una battuta, ma sia ora trasformato, dal governo e dal parlamento, in una efficace e tempestiva iniziativa per portare alla approvazione gli opportuni provvedimenti a tutela del diritto di cronaca e del diritto dei cittadini ad essere informati».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più