Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Fnsi
Fnsi | 16 Lug 2012
CONDIVIDI:

Preoccupazioni per la libertà di stampa in Kazakhistan Ultim'ora: liberato il collega Zhanbolat Mamai

Soddisfazione per la liberazione del collega Mamai, frutto della mobilitazione internazionale. Le preoccupazioni per la libertà di stampa nel Paese rimangono ancora molto forti.“Forte preoccupazione per le condizioni di libertà di stampa in Kazakhistan; allarme per la sorte del giornalista Zhanbolat Mamai, a tutt’oggi recluso in carcere  con l'accusa di ‘incitamento all'odio sociale’. Questi i contenuti dell’incontro svoltosi nella sede della Fnsi tra una delegazione kazaka (composta da esponenti dell’associazione Open Dialog, da giornalisti ed attivisti della società civile) e il Presidente del sindacato dei giornalisti italiani, Roberto Natale. Tra i presenti anche Igor Vinyavskiy, il giornalista che è stato imprigionato nel dicembre 2011 a seguito degli scontri nella zona di Zhanaozen, dove la polizia ha represso le rivolte uccidendo 12 persone e ferendone decine.

Soddisfazione per la liberazione del collega Mamai, frutto della mobilitazione internazionale. Le preoccupazioni per la libertà di stampa nel Paese rimangono ancora molto forti.

“Forte preoccupazione per le condizioni di libertà di stampa in Kazakhistan; allarme per la sorte del giornalista Zhanbolat Mamai, a tutt’oggi recluso in carcere  con l'accusa di ‘incitamento all'odio sociale’. Questi i contenuti dell’incontro svoltosi nella sede della Fnsi tra una delegazione kazaka (composta da esponenti dell’associazione Open Dialog, da giornalisti ed attivisti della società civile) e il Presidente del sindacato dei giornalisti italiani, Roberto Natale. Tra i presenti anche Igor Vinyavskiy, il giornalista che è stato imprigionato nel dicembre 2011 a seguito degli scontri nella zona di Zhanaozen, dove la polizia ha represso le rivolte uccidendo 12 persone e ferendone decine.

Insieme al giornalista sono stati arrestati intellettuali ed oppositori politici al regime del Presidente Nazarbaev. Alcuni di loro sono tutt'ora detenuti e in attesa di un processo.
A seguito dell'intervento di numerose associazioni e di una risoluzione del Parlamento Europeo, il governo kazako a marzo ha rimesso in libertà Vinyavskiy, ma rimane fortissima la pressione che i giornalisti e gli organi di informazione continuano a subire: sono stati chiusi un canale televisivo e numerosi giornali.
Nell’esprimere ai colleghi kazaki la più piena solidarietà, Natale ha ricordato l’impegno del sindacato italiano ed internazionale a sostegno della libertà di informazione, come dimostrato anche dalle recenti campagne sull’Ungheria e sulla Turchia: ‘L’Europa non può trovare la sua unità soltanto intorno a parametri economico-finanziari. Europa significa anche rispetto dei diritti umani. Per questo è importante che le istituzioni europee sappiano far sentire la loro voce a sostegno della libertà di stampa, ovunque essa sia calpestata’.  E' con questo intento che la Fnsi esprimerà la sua forte preoccupazione per la sorte del giornalista Mamai all'Ambasciatore kazako in Italia. La vicenda verrà inoltre portata all’attenzione del sindacato europeo (Efj) ed internazionale (Ifj) dei giornalisti.  
La delegazione Kazaka sarà oggi impegnata in una audizione presso la Commissione Speciale per i Diritti umani del Senato della Repubblica”. 11 luglio 2012

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più