Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Vertenze
Vertenze | 15 Apr 2019
CONDIVIDI:

Radio Radicale, Fnsi: «Dal governo una crociata politica e ideologica»

«Non passa giorno senza che il sottosegretario Crimi non faccia esibizione di muscoli per ricordare che la convenzione non sarà rinnovata. Una insistenza che si traduce in una guerra a tutte le voci delle differenze, diversità e minoranze», affermano il segretario Lorusso e il presidente Giulietti. Una visione che ha portato l'Italia a votare contro la direttiva Ue sul copyright.
Il presidente Giulietti e il segretario generale Lorusso

«Quella del governo contro Radio Radicale è una crociata. Ormai non passa giorno senza che il sottosegretario all'Editoria, Vito Crimi, non faccia esibizione di muscoli per ricordare che la convenzione non sarà rinnovata. Questa insistenza dimostra che la decisione non ha niente a che vedere con il riordino del settore dell'editoria, ma è di natura politica e ideologica. La stessa ideologia contraria al pluralismo dell'informazione e alla circolazione delle idee, che si traduce in una guerra sempre più aperta a tutte le voci delle differenze, delle diversità e delle minoranze». Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana.

«Una visione – proseguono – che ha portato il governo italiano a votare contro la direttiva europea sul diritto d'autore, nel tentativo di impedire ad aziende editoriali, giornalisti, professionisti e intellettuali di ricevere la giusta remunerazione del proprio lavoro da parte dei giganti della rete. Se queste sono le premesse con cui il governo intende affrontare il tema della riforma del settore editoriale attraverso gli Stati generali, non c'è da aspettarsi niente di positivo, soltanto una gigantesca pantomima con il rischio di dare il colpo di grazia all'intero comparto. Saremo felici, ovviamente, di essere smentiti. Non è un caso, però, che il sottosegretario ribadisca ogni giorno la necessità dei tagli, ma non trovi mai il tempo di dire alcunché sulle tante forme di bavagli all'informazione».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più