Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Editoria
Editoria | 14 Dic 2018
CONDIVIDI:

Tagli all'informazione, Fnsi e Cnog: «Le parole di Di Maio confermano la volontà di colpire pluralismo e occupazione»

Difendendo la proposta di azzeramento progressivo del fondo per il pluralismo, «il governo si assume la responsabilità di assestare un colpo mortale a numerose piccole testate. Per non parlare di Radio Radicale, che sarà costretta a interrompere da subito le trasmissioni», commentano sindacato e Ordine.
Carlo Verna, Raffaele Lorusso, Giuseppe Giulietti alla manifestazione davanti al Mise

«Le dichiarazioni del ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, in commissione di Vigilanza sulla Rai, in difesa della proposta di taglio progressivo del fondo per l'editoria, confermano la volontà di colpire il pluralismo dell'informazione». Lo affermano, in una nota, la Federazione nazionale della Stampa italiana e l'Ordine dei giornalisti.

«Il governo – proseguono – si assume la responsabilità di assestare un colpo mortale a numerose piccole testate, espressioni di minoranze o di determinati territori. Per non parlare di Radio Radicale, che sarà costretta a interrompere da subito le trasmissioni. Numerosi giornalisti e lavoratori del settore perderanno il posto di lavoro, con buona pace di chi, come il ministro Di Maio, continua a parlare di lotta al precariato in modo strumentale e con evidenti finalità propagandistiche e di autopromozione».

L'auspicio, concludono sindacato e Ordine, «è che in Parlamento prevalga il buon senso e che i parlamentari non si rendano complici di un disegno che punta a cancellare la circolazione delle idee, colpendo il diritto dei cittadini ad essere informati e, come più volte ricordato dal presidente della Repubblica, l'articolo 21 della Costituzione».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più