Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Servizio pubblico | 10 Ott 2018
CONDIVIDI:

Totonomine Rai, l'Usigrai: «No a direttori esterni. Il Cda faccia audizioni per i candidati»

Il sindacato dei giornalisti di viale Mazzini auspica che i vertici aziendali accolgano la richiesta del consigliere Laganà e «in nome della trasparenza – incalzano – proponiamo audizioni in streaming». Intanto tre testate, oltre 1000 giornalisti, sono ancora senza un direttore con pieni poteri.
Totonomine in Rai

«Il totonomine prosegue. E come avevamo previsto iniziano a spuntare nomi di giornalisti esterni». L'esecutivo dell'Usigrai commenta così le ultime indiscrezioni che riguardano la concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo.

«Noi ricordiamo – proseguono i giornalisti Rai – che se si vuole cambiare un direttore innanzitutto bisogna spiegare il perché. Inoltre, se si vuole chiamare un direttore esterno bisogna spiegare per quale ragione nessuno dei 1700 giornalisti della Rai sia in grado di assumere quel ruolo. Per di più con l'arrivo di un esterno si imporrebbe un aggravio di costi. E dato che si tratta di soldi dei cittadini, faremo tutte le verifiche per accertare l'eventuale danno erariale».

L'augurio, conclude l'Usigrai, «è che il Cda accolga la richiesta del consigliere Laganà di fare audizioni per i candidati direttore. E noi, in nome della trasparenza, proponiamo audizioni in streaming. Intanto, mentre si attende la quadratura del cerchio, da indiscrezioni di stampa affidata illegittimamente al governo, l'azienda continua a lasciare tre testate (Giornale Radio, Rai Sport, TgR), oltre 1000 giornalisti, senza un direttore con i pieni poteri».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più