Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Appuntamenti
Appuntamenti | 25 Set 2018
CONDIVIDI:

Premio Morrione, a Napoli e Capri due iniziative con Prix Italia e il festival Imbavagliati

Il 25 e 26 settembre, l'associazione promotrice del concorso riservato agli under31 dà vita a due giornate dedicate al giornalismo investigativo con workshop, incontri e la presentazione delle inchieste finaliste della VII edizione. Presenti anche il presidente Giulietti e il presidente del Cnog, Verna.
I finalisti della VII edizione del Premio Morrione

Il Premio Roberto Morrione approda a Capri e Napoli. L'associazione Amici di Roberto Morrione, promotrice del concorso riservato agli under31, dà vita insieme al Prix Italia e a Imbavagliati, il Festival del giornalismo civile a due intense giornate dedicate al giornalismo investigativo.

Si comincia martedì 25 aprile con la giornata caprese frutto della sinergia nata nei mesi scorsi tra il Prix Italia, il concorso internazionale dedicato ai programmi di qualità della tv, radio e web, e l'associazione Amici di Roberto Morrione. Il Prix Italia, in occasione dei suoi 70 anni, punta i suoi riflettori sul ruolo dei servizi pubblici radiotelevisivi nella società odierna e sulla loro capacità di costruire identità e memoria collettiva.

Al Grand Hotel Quisisana, alle 14.30, nella prestigiosa cornice del Prix Italia saranno presentate in anteprima nazionale le quattro inchieste finaliste in concorso, svelando i titoli dei lavori e le tematiche investigate. All'incontro, che sarà moderato da Giuseppe Giulietti, presidente della giuria del Premio Morrione, prenderanno parte tutti gli autori e i tutor che li hanno seguiti nei cinque mesi di produzione dei lavori: Francesca Candioli e Veronica Di Benedetto Montaccini (finaliste categoria video) e il tutor Federico Ruffo; Flavia Grossi, Madi Ferrucci e Roberto Persia (finalisti categoria video) e il tutor Paolo Mondani; Marco Carlone, Elena Pagliai e Daniela Sestito (finalisti categoria web-doc) e la tutor Amalia De Simone; Lorenzo Pirovano e Giovanni Sacchi (finalisti categoria web-doc) e la tutor Celia Guimaraes.

Interverranno all'incontro anche Francesco Cavalli (tutor audio video), Pietro Ferri (tutor musicale), Stefano Lamorgese (tutor tecnico webdoc) e Giulio Vasaturo (tutor legale).

A seguire, dalle 16 alle 18, sempre in Sala Capri, si svolgerà il workshop 'Giornalismo investigativo nell'era digitale. Chi paga il conto?' con Edwy Plenel, cofondatore e direttore di Mediapart; Francesco Piccinini, direttore di Fanpage.it; Daniel Öhman, giornalista investigativo Swedish Radio Ekot; Federico Ruffo, inviato di Report Rai 3 e conduttore; Claudia Campese, direttrice di MeridioNews. L'incontro verrà moderato da Giacomo Mazzone, capo relazioni istituzionali dell'European Broadcasting Union. Su www.prixitalia.rai.it sarà possibile seguire la diretta streaming di questo evento.

Subito dopo, dalle 18 alle 19, Daniel Öhman tiene la lecture 'Come cambia il giornalismo investigativo in un mondo globale. Fonti, strumenti e rischi' (in diretta streaming su www.prixitalia.rai.it). Gli eventi capresi si concludono con la presentazione, dalle 19 alle 20.30, al Teatro del Grand Hotel Quisisana della puntata 'Come figli miei' della trasmissione 'I dieci comandamenti' di Domenico Iannacone.

Mercoledì 26 settembre la giornata del Premio Morrione al Festival Imbavagliati si svolge nel PAN Palazzo delle Arti di Napoli, via dei Mille 60, e comincia con due workshop: il primo, dalle 11 alle 12, dal titolo 'Come si fa un'inchiesta crossmediale' a cura di Ciro Pellegrino, capo servizio cronache locali di Fanpage.it; il secondo, dalle 12.15 alle 13.15, guidato da Giulio Rubino, cofondatore dell'Investigative Reporting Project Italy, sul tema 'Mappa e traffici nel Mediterraneo: gli strumenti digitali'.

I lavori riprendono alle 15 con la presentazione delle quattro inchieste finaliste della settima edizione del Premio Morrione con tutti gli autori e il pool di tutor. L'incontro viene moderato da Stefano Lamorgese, vicepresidente dell'associazione Amici di Roberto Morrione.

Le due giornate si chiudono con il workshop 'Giornalismo investigativo nell'era digitale. Un mercato di freelance?', con Amalia De Simone, videoreporter d'inchiesta Corriere.it; Vittorio Di Trapani, segretario nazionale Usigrai; Francesco Piccinini, direttore Fanpage.it; Claudio Silvestri, segretario del Sindacato Unitario Giornalisti della Campania; Carlo Verna, presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti; Giacomo Zandonini, giornalista freelance. Modera Giuliano Battiston, giornalista freelance e ricercatore. Tutti gli incontri sono ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più