Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Appuntamenti
Appuntamenti | 08 Mag 2019
CONDIVIDI:

Trieste: tutto pronto per 'Link, il Festival del buon giornalismo'

L'appuntamento apre i battenti domani con la consegna del Premio Speciale della Fondazione Luchetta a Riccardo Iacona e proseguirà, fra talk, incontri e interviste, fino a domenica. Diego 'Zoro' Bianchi, Orla Guerin, Daniele Bellocchio, Margaux Benn e Alessio Romenzi i vincitori dell'edizione 2019.
La locandina del Link Festival (Foto: @FondazLuchetta)

Si apre domani, 9 maggio, alle 19.30, con Riccardo Iacona la sesta edizione di 'Link', il Festival del #buongiornalismo del Premio Luchetta, a Trieste, nella Fincantieri Newsroom in piazza Unità, una vera officina del 'buon giornalismo' in cui si alterneranno, fino a domenica 12 maggio, una trentina di talk, incontri e interviste d'autore con oltre un centinaio di protagonisti. Va a Riccardo Iacona il Premio Speciale della Fondazione Luchetta per  'un metodo di lavoro che, come nel fortunato format di PresaDiretta, entra nel cuore delle questioni e indica i modelli positivi con cui  confrontarsi per un'evoluzione sostenibile'.

La consegna del Premio Speciale sarà dunque l'evento inaugurale della prima giornata di Link 2019, giovedì 9 maggio. «Sono onoratissimo per questo premio che si incrocia con la mia storia professionale e con l'esperienza di inviato, parecchio tempo fa – ha dichiarato Iacona –. Ringrazio la Fondazione Luchetta, che oggi ha una rilevanza di primo piano grazie alle molteplici iniziative umanitarie di altissimo livello che ha portate avanti negli ultimi due decenni. Questa intensa attività è senz'altro il modo migliore per ricordare i colleghi che 25 anni fa perdevano la vita a Mostar e Mogadiscio».

La prima giornata di Link, giovedì, si chiuderà con un 'Gala' in programma alle 21 con Beppe Severgnini, negli ultimi due anni direttore del magazine 7-Corriere della Sera, alle soglie di una rinnovata carriera di inviato. Al festival si racconterà attraverso un intimo e appassionato 'Diario sentimentale': dalla scuola di Montanelli a via Solferino, dal primo articolo per 'La Provincia' di Cremona al 'New York Times', dai libri alla radio, dalla televisione alla direzione di 7. Il racconto e le letture saranno accompagnati da una colonna sonora. Sul palco con Severgnini ci sarà anche Serena Del Fiore, giovanissima artista radiofonica.

A Link 2019 sfileranno le voci del giornalismo come, Diego Bianchi 'Zoro', che riceverà il premio Luchetta sabato 11 maggio, e come Enrico Mentana, atteso domenica 12 maggio per la consegna del Premio Unicef 'I nostri Angeli'. Ci saranno anche Alberto Matano, Emma D'Aquino, Claudio Pagliara, Gian Antonio Stella, Virman Cusenza, Gennaro Sangiuliano, Barbara Schiavulli, Nico Piro, Maria Concetta Mattei, Franco Di Mare e molti altri. Il programma del festival su www.luchettaincontra.it.

Gli incontri di Link Festival sono aperti al pubblico gratuitamente, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Link Festival 2019 è promosso dalla Fondazione Luchetta Ota D'Angelo Hrovatin con il pieno sostegno di Fincantieri, l'apporto della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, il contributo di Crédit Agricole FriulAdria, della Fondazione CRTrieste e la coorganizzazione del Comune di Trieste.

Realizzato a cura di Francesca Fresa, per la direzione editoriale di Giovanni Marzini e organizzato da Prandicom, Link è realizzato con la collaborazione della Fnsi e dell'Ordine dei giornalisti con la main media partnership della Rai e delle sue testate Rainews24, Rai Tgr e Rai Friuli Venezia Giulia. Anche per questa edizione il quotidiano Il Piccolo sarà al fianco di Link con la diretta streaming sul proprio sito degli incontri in programma. (Spe/AdnKronos)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più