Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Libertà di stampa | 12 Giu 2015
CONDIVIDI:

AgCom: “Le intimidazioni minano la democrazia” L’analisi dell’Autorità sui dati dell’Osservatorio Ossigeno

“Un drammatico divario nel Paese che non può che produrre effetti sulla qualità e la quantità di informazione, soprattutto di tipo locale, presente nelle varie aree geografiche dell'Italia. Se si considerano inoltre i forti legami tra l'informazione e la correttezza del processo di scrutinio e selezione della classe politica, tale situazione appare suscettibile di produrre effetti non solo di tipo economico-sociale, ma anche sulla complessiva tenuta democratica di alcune importanti zone del nostro Paese”.

“Un drammatico divario nel Paese che non può che produrre effetti sulla qualità e la quantità di informazione, soprattutto di tipo locale, presente nelle varie aree geografiche dell'Italia. Se si considerano inoltre i forti legami tra l'informazione e la correttezza del processo di scrutinio e selezione della classe politica, tale situazione appare suscettibile di produrre effetti non solo di tipo economico-sociale, ma anche sulla complessiva tenuta democratica di alcune importanti zone del nostro Paese”.

Questa l’analisi compiuta dall'AgCom, l'Autorità Garante delle Comunicazioni, in base ai dati sui giornalisti minacciati pubblicati da Ossigeno per l'Informazione. Analizzando la distribuzione territoriale delle minacce, la relazione dell'Authority, che sarà illustrata al pubblico martedì 16 giugno 2015, alle 15.30, in Senato, a margine della presentazione dei risultati dell’indagine “Informazione ed Internet in Italia”, sottolinea che “sebbene le tre regioni con il più alto tasso di minacce a giornalisti, per i dati disponibili dal 2011 al 31 dicembre 2014, siano nell'ordine Lazio, Campania e Lombardia, sono altre le regioni ove la professione appare più seriamente in pericolo”.
E vengono citate la Basilicata, la Sicilia, la Calabria e la Campania, regioni nelle quali la percentuale dei giornalisti minacciati rispetto a quelli professionalmente ed economicamente “attivi”, oscilla fra il 10 e il 16 per cento.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più