Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Iniziative
Iniziative | 15 Apr 2019
CONDIVIDI:

'Contro tagli e bavagli', Giulietti in Campania: «Scelta sciagurata ridurre il sostegno all'editoria»

Il presidente della Fnsi ha rilanciato da Benevento la mobilitazione contro una decisione «che lede, ferisce e umilia la Costituzione. Ci rivolgeremo al Capo dello Stato», ha detto a margine del seminario 'Giustizia e informazione: fonti e professione'. Nel pomeriggio, a Salerno, l'incontro con i lavoratori del quotidiano 'la Città' in cassa integrazione nella nuova sede dell'Assostampa.
Un momento del seminario a Benvento (Foto: Roberta De Maddi)
Un momento del seminario a Benvento (Foto: Roberta De Maddi)
Un momento del seminario a Benvento (Foto: Roberta De Maddi)
Un momento del seminario a Benvento (Foto: Roberta De Maddi)
L'inaugurazione della sede di Salerno del Sugc (Foto: Roberta De Maddi)
L'inaugurazione della sede di Salerno del Sugc (Foto: Roberta De Maddi)
L'incontro con i giornalisti e poligrafici della Città di Salerno (Foto: Roberta De Maddi)
L'incontro con i giornalisti e poligrafici della Città di Salerno (Foto: Roberta De Maddi)

«La scelta del governo di tagliare il fondo per l'editoria è sciagurata perché colpisce le voci delle differenze. Per capirci: colpisce Radio Radicale, il Manifesto, l'Avvenire, tanti giornali diocesani, e molte realtà locali in Campania dove c'è il rischio che in numerose province non resterà nessuna voce a raccontare il territorio. Mette a repentaglio la voce della diversità e della differenze perché sono tagli destinati a diventare bavagli. Quando si chiude un piccolo giornale si oscura una comunità. Per questo proporremo una serie di iniziative di lotta a partire da oggi per contrastare questa decisione che lede, ferisce e umilia l'articolo 21 della Costituzione». Il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti è intervenuto così dopo le dichiarazioni del sottosegretario all'Editoria, Vito Crimi, che, da Milano, ha ribadito l'intenzione del governo di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale.

A Benevento per un corso di formazione dedicato ai giornalisti dal titolo 'Giustizia e informazione: fonti e professione', Giulietti ha quindi annunciato una serie di iniziative di protesta contro 'i tagli-bavagli' alla stampa. «Ci rivolgeremo al Capo dello Stato – ha spiegato –, che per dieci volte ha richiamato l'attenzione nazionale sulla libertà di informazione, sulla necessità di aggiungere le voci perché ciò che sta accadendo è uno sfregio alla Costituzione ed anche alle sue stesse parole. Abbiamo deciso di partire da qui perché la Campania è una delle realtà che rischia di avere poche pochissime voci».

Nel pomeriggio, il presidente della Fnsi, insieme con il segretario del Sindacato unitario giornalisti della Campania, Claudio Silvestri, si è recato a Salerno dove ha incontrato, con la segretaria provinciale Clemy De Maio, i giornalisti e poligrafici del quotidiano 'La Città' in cassa integrazione.

A Salerno Giulietti ha anche inaugurato la nuova sede provinciale del Sugc. «Una nuova casa non solo per i giornalisti ma in generale per l'articolo 21 della Costituzione», ha sottolineato. Una casa condivisa con l'associazione Manden presieduta da Grazia Biondi, che ha nello statuto la tutela dei diritti civili e della legalità e che ha deciso di dare ospitalità al sindacato dei giornalisti in uno dei momenti più difficili per la categoria.

Da Salerno e Benevento è ripartita dunque la campagna 'No tagli No bavagli' contro i tagli all'editoria e le querele temerarie. Di questi temi, e della tutela della fonti, il presidente Giulietti parlerà anche  al Consiglio superiore della magistratura, dove domani porterà anche il caso del quotidiano 'la Città' di Salerno, che gli editori hanno chiuso e riaperto con la stessa testata ma con altri giornalisti.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più