Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 02 Lug 2019
CONDIVIDI:

Cronista aggredito 4 anni fa ancora senza giustizia, l'Aser: «I responsabili ne rispondano quanto prima»

«L'8 novembre 2014 Enrico Barbetti del Resto del Carlino veniva accerchiato, minacciato e picchiato da un gruppo di facinorosi mentre compiva il suo dovere seguendo la visita di Matteo Salvini, allora capo della Lega, a un campo nomadi di Bologna. Il procedimento non è ancora arrivato in fase di udienza preliminare», denuncia il sindacato regionale.
Il presidente dell'Aser, Matteo Naccari, al Congresso Fnsi di Levico Terme

«L'8 novembre del 2014 Enrico Barbetti, cronista de il Resto del Carlino, veniva accerchiato, minacciato e picchiato da un gruppo di facinorosi mentre compiva il suo dovere seguendo la visita di Matteo Salvini, allora capo della Lega, a un campo nomadi di Bologna. Il collega, oltre ad essere intimidito con frasi come 'sciacallo e avvoltoio', ha anche riportato la rottura del gomito sinistro. Ora a distanza di quattro anni, il procedimento contro gli aggressori (si va dalle lesioni gravi alle minacce, dalla violenza privata al danneggiamento) non è ancora arrivato in fase di udienza preliminare». Lo afferma, in una nota, l'Associazione Stampa dell'Emilia Romagna.

«Un'altra parte del fascicolo, dove un'altra esponente leghista, Lucia Borgonzoni, era stata colpita con uno schiaffo da una sinti, è invece arrivato in questi giorni a una sentenza di primo grado. Come Associazione Stampa Emilia Romagna – prosegue il sindacato regionale – non possiamo che auspicare con fermezza che i responsabili di un episodio così deprecabile ai danni di un collega rispondano quanto prima di quanto accaduto, anche perché non è pensabile che un collega nello svolgimento del suo lavoro si trovi a dover fronteggiare simili situazioni».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più