Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Editoria
Editoria | 28 Dic 2018
CONDIVIDI:

Editoria, la Fnsi al presidente Conte: «I tagli produrranno la chiusura di testate e la perdita di posti di lavoro»

«Gli equilibrismi verbali del presidente del Consiglio non cambiano la sostanza delle cose», ammonisce il sindacato, che incalza: «Se avesse letto gli appelli e i moniti del presidente Mattarella su stampa e pluralismo, si sarebbe reso conto che nella conferenza stampa di oggi avrebbe fatto meglio a tacere».
Il premier Giuseppe Conte durante la conferenza stampa di fine anno

«Gli equilibrismi verbali del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non cambiano la sostanza delle cose: i tagli al fondo per l'editoria produrranno la chiusura di numerose testate e la perdita di posti di lavoro». Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana dopo le dichiarazioni del premier durante la conferenza stampa di fine anno.

«Al di là dei tentativi del premier di cambiare le carte in tavola – proseguono i vertici della Fnsi –, resta infatti la drammatica realtà di un provvedimento ispirato da ragioni ideologiche e che ha preso corpo con chiari intenti ritorsivi nei confronti di chi fa informazione liberamente. Restano gli appelli e i moniti del presidente della Repubblica sul ruolo della stampa e sulla necessità di salvaguardare il pluralismo: se il presidente Conte li avesse letti, si sarebbe reso conto che nella conferenza stampa di oggi avrebbe fatto meglio a tacere».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più