Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Minacce
Minacce | 15 Mag 2018
CONDIVIDI:

Minacce a Federica Angeli, processo da rifare con un'accusa più grave a carico di Spada

Procedere per tentata violenza privata e non per minacce. Questa la decisione del giudice del tribunale monocratico di Roma che ha chiesto un'imputazione più grave e rimesso al pm gli atti del processo contro Armando Spada nel quale è parte offesa la giornalista di Repubblica.
La 'scorta mediatica' per Federica Angeli fuori dal tribunale di Roma

Procedere per tentata violenza privata e non per minacce. Questa la decisione del giudice del tribunale monocratico di Roma che, invece di pronunciare la sentenza, ha chiesto un'imputazione più grave e rimesso al pm gli atti del processo contro Armando Spada nel quale è parte offesa la giornalista Federica Angeli.

I fatti risalgono al 23 maggio 2013, quando la cronista di Repubblica si presentò con due operatori allo stabilimento balneare Orsa Maggiore di Ostia per capire come Spada fosse entrato in possesso della struttura. In quella occasione, ha ricordato Angeli nella testimonianza dello scorso febbraio, «quando Armando Spada si accorse che la luce della telecamera era accesa scoppiò un parapiglia. Era una furia, tanto che dovettero tenerlo in due, e lui mi minacciò. Disse di consegnarli la telecamera e fece il gesto della pistola con la mano, dicendo che mi avrebbe sparato in testa».

Per il giudice, l'espressione 'me te sparo in testa' pronunciata da Spada non può essere considerata una minaccia di morte fine a se stessa, in quanto aveva come scopo quello di ottenere la cancellazione delle riprese video non autorizzate che la cronista aveva fatto assieme ai due operatori. Da qui la richiesta della nuova imputazione per il reato più grave. L'accusa aveva chiesto una condanna di un anno.

In aula erano presenti l'avvocato Luca Rampioni per la Fnsi e l'avvocato Giulio Vasaturo per l'Odg, parti civili al fianco della cronista. Dopo 1765 giorni di vita sotto scorta, il calvario della giornalista non finisce. «Niente sentenza, dunque. Bene... se non fosse che ora mi tocca riaffrontare da capo il processo. Ma ce la metterò tutta. Di nuovo», scrive sui social Federica Angeli, che alla vigilia dell'udienza aveva annunciato: «Nel caso in cui dovessero condannarlo, il risarcimento che il mio legale chiederà sarà devoluto a sostegno dei giornalisti precari minacciati che non hanno possibilità economiche di difendersi. Non voglio un euro per me da quella gente».

MULTIMEDIA
Qui il link alla registrazione audio dell'udienza realizzata da Radio Radicale.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più