Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Internazionale
Internazionale | 07 Ott 2016
CONDIVIDI:

10 anni senza la giornalista Anna Politkovskaja, il ricordo della vicepresidente Efj Nadezda Azhgikhina

Il 7 ottobre 2006 veniva uccisa la giornalista Anna Politkovskaja. Con le sue inchieste ha rivelato gli orrori della guerra in Cecenia e denunciato le responsabilità dei politici russi in quel conflitto. A 10 anni dalla scomparsa, il ricordo della vicepresidente della Efj e segretaria del sindacato dei giornalisti russi Nadezda Azhgikhina.
La giornalista Anna Politkovskaja

di Nadezda Azhgikhina*

Anna Politkovskaya was not the first journalist killed in Russia after the end of USSR. For the day of her assassination in Moscow October 7, 2006, death list of Glasnost Defense Foundation consisted from 211 names. We, organizers of memorial meeting in Moscow central Pushkin Square, have been reading those names in a loud voice, and it took us 40 minutes, what stroke all attending Russian and International journalists.

Anyway, Anna Politkovskaya became the first Russian journalist, whose killing became International news and initiated, after many years, new interest to Russia and Russian media. Dozens of International conferences, films, books, debates and articles made at iconic image of courage, dedication to profession and human rights for hundreds of colleagues and general audience in many countries. Remembering Anna, today we remember at the same time all those who paid their lives for the truth. Standing in Pushkin Square in 2006, we believed that that murder would be the last. We were wrong. Today number of deceased media professionals, those who have been killed, disappeared, died in unclear satiation, is more than 350 in Russia. Some of them lost their lives during conflicts, in the Caucasus and East Ukraine. Many have been killed rather far from conflict zones. Most of tragedies ended with impunity.

To tell the truth, according UNESCO data, less than 10 per cent of all killings of journalists around the world ended with court and punishment of responsible, killers and masterminds. So Russia is not an exception.

Most of resonance murders are still not investigated properly. Killing of Dmitry Kholodov from Moscovsky Komsomolets in 1994 ( in 2014 European court of Human Rights decided that Russian Federaiion did not provided proper investigation of the case), of TV star Vlad Lietiev, “Russian Larrt King” in 1995, Larisa Yudina from Kalmykya in 1999 ( for Russian journalists she was the first icon of human rights journalism), strange death of Yury Shcekochikhin in 2003, 16 from 17 killed journalists in Dagestan and others. Investigation of Politkpvakaya killing, despite of some people put to jail, is frozen, chief editor of Novaya Gazeta Dmitry Muratov said that he felt disappointed by that, and had no hope.

Fortunately, monitors of Glasnost Defense Foundation and RUj did not report about killings in 2015 and 2016. But attacks of journalists, beatings, threats and different forms of censorship are everyday practice.

Culture of impunity (facts of violence against journalists are neglected by law enforcement, attacks on journalists and threats are not punished on a regular basis, and legislation devoted to protect journalists does not work properly) is real threat to freedom of the media, and for democratic development itself.

Recent media regulations, especially since 2014, creates new challenge for independent vices in the media. As Director of Mass Media Defense Center, board member of Article 19 media lawyer Galina Arapova wrote, “ all recently adopted laws create additional privileges for state media, in particular state TV” and at the same time ”authorities make a strong use of administrative resources to keep the press in check and tighten censorship around individual journalists and media organizations”. “Criminal code gives a variety at about 30 provisions that could be used against journalists( starting from criminal defamation and infringement to privacy and up to discourse of state secrets, extremism and separatism)”- Arapova added. And the only one article 144 of the Criminal Code that supposes to protect journalists from harassment – criminal liability for “Obstruction of the lawful professional activities of journalists”- is used very rare.

Media experts count more that 20 new regulations and amendments to different laws, restricted in this or that way journalist and media work, passed through parliament since 2014. Many of them contradict have never been properly discussed with professional and expert community. Implementation of actual legislation is also a problem, media face misuse of legislation, first of all anti- extremism law. Restrictive regulation of Internet is also a problem. Some laws introduce harsh sanction or lead to closure of media outlet, like the law banning usage of obscene language in media, that just leads to fines apposed on the media, but also possible blocking of the webside or closing the media outlet. Recent initiative- so called “ Yarovaya law” (introduced by MP Yarovaya) demands full control on Internet (experts say that it is impossible because of technical and financial reasons).

There is no exaggeration to say that new restrictions for the media (as well as for NGOs) are closely associated with anti-Russian sanctions, is obvious reactions on political tensions and are really harmful for free speech and civil society in Russia.

Shadows of new Cold War are becoming more dark, and spoil media environment. Mainstream media produce anti-Western and Anti-American propaganda as response on anti-Russian propaganda and wide spread presentation of Russia as new “Empire of Evil”. Many journalists are scared to combat propaganda and do not want go risk their jobs. Self-censorship is really strong, especially during crisis in the industry and job cuts.

Anyway, Russian media landscape is not a desert, and many independent and interesting media companies still act in the country and produce interesting content and innovative strategies, both in management and investigation, courage, commitment to journalist mission, human rights and justice. It is a pity that their experience is not known abroad.

Russian media are undergoing a crisis. Economical crisis squeezes space for diversities, many independent voices could not survive, print media fond shelter in Internet, many have been closed. Lack of transparent market and domination of the state in media industry, monopoly in distribution, small and dependent on the state ads market is also a problem.

But the main problem today is lack of professional solidarity among media actors, weak solidarity among journalists and lack of awareness in general public in importance of independent journalism as their own business and public good.

Russian audience is passive, recent elections showed this clearly.

Raising of awareness in journalism as a public good and business of everyone, and developing professional solidarity could be the main tool in overcoming culture of impunity and pressure on the media freedom.

Russian Union of Journalists tries to develop this awareness. October 7 RUJ presents memorial event, and play “Life in Second” based on texts of Politkovskaya and Shchekochikhin, prepared by young actors, in Moscow Journalists Club.

It is important that young people pay attention to those who died for the true word. It is our hope. Hope that masterminds of killings of Anna and others will be out to court. Than journalists would not face violence and threats, and Russian audience would support general development of free and responsible media.

10 years after Anna’s assassination was very tough time for Russian media and Russian journalists. And it is important to be honest and to realize that future is dependent on us as well.

Our profession is profession of everyday choice. It is important to remember. It is important to make Russian journalism and its independent voices to International audience. It will be also our tribute to Anna.

*Nadezda Azhgikhina è segretaria esecutiva del sindacato dei giornalisti russi (Ruj) e vicepresidente della Federazione europea dei giornalisti (Efj)

10 anni senza Anna Politkovskaja

Anna Politkovskaya non è stata l’unica giornalista ad essere stata uccisa in Russia dopo la fine dell’USSR. Al 7 ottobre 2006, giorno del suo assassino a Mosca, la lista dei colleghi morti, redatta dalla Glasnost Defense Foundation contava 211 nomi. Nel corso di incontro, in Piazza Pushkin, a Mosca, abbiamo letto questi nomi ad alta voce. Sono stati necessari 40 minuti e tutti i partecipanti, giornalisti russi e stranieri ne sono rimasti colpiti.

In ogni caso, Anna Politkovskaya è diventata la prima giornalista russa la cui morte è diventata una notizia internazionale e, anche a distanza di molti anni, ha fatto nascere un nuovo interesse nei confronti della Russia e dei media russi. Dozzine di conferenze internazionali, film, libri, dibattiti e articoli sono stati ispirati a lei, rendendola per centinaia di colleghi e per l'opinione pubblica di molti Paesi una icona di coraggio e dedizione alla professione e alla difesa dei diritti umani.

Ricordando Anna, oggi, noi ricordiamo nello stesso momento tutti coloro che hanno pagato con le loro vite la ricerca della verità. Quando ci siamo incontrati in piazza Pushkin nel 2006, credevamo che il suo assassinio sarebbe stato l’ultimo. Ma ci sbagliavamo. Ad oggi il numero dei professionisti e operatori dei media scomparsi o uccisi in situazioni poco chiare in Russia sono più di 350. Alcuni di loro hanno perso la vita durante i conflitti nel Caucaso e nell’Ucraina dell’Est. Molti sono stati uccisi anche lontano dalle zone di guerra. Molti di queste tragedie risultano impunite.

A dire il vero, in base a quanto riporta un rapporto dell’Unesco, in meno del 10% dei casi gli assassinii di giornalisti nel mondo si sono conclusi con una condanna e con la punizione dei responsabili. Dunque la Russia non è una eccezione.

In molte delle tragedie più famose le indagini non sono ancora condotte nel modo più appropriato. Penso alla morte di Dmitry Khlodov del Moscovsky Komsomolets nel 1994 (la Corte Europea dei Diritti Umani nel 2014 ha deciso che la Federazione Russa non aveva svolto le indagini del caso nel modo corretto), a quella della star Tv Vlad Lietiev, “Russian Larrt King”, nel 1995, di Larisa Yudina del Kalmykya nel 1999 (per i giornalisti russi la collega è stata la prima icona dei diritti umani nel giornalismo), alla strana morte di Yury Shchekochikhin, nel 2003, e di 16 dei 17 giornalisti uccisi nel Dagestan. Le stesse indagini sull’uccisione di Anna Politkovaskaya, sebbene alcune persone siano in prigione, sono ancora congelate, l’editore del giornale Novaya Gazeta, Dmitry Muratov, ha mostrato il suo disappunto, ma ha anche detto che non ci sono speranze.

Fortunatamente, i dati del Glasnost Defense Foundation e del Sindacato dei Giornalisti Russo (Ruj) non hanno segnalato eventi tragici nel 2015 e nel 2016. Ma continui attacchi, minacce e forme diverse di censura nei confronti dei giornalisti avvengono quotidianamente.

La cultura dell’impunità (i fatti di violenza contro i giornalisti sono negati dalle forze dell’ordine e le minacce non sono punite regolarmente e la legislazione che dovrebbe difendere i giornalisti non funziona correttamente) è diventata una minaccia reale per la libertà dei media e per lo sviluppo stesso.

Le recenti leggi, specialmente dal 2014 ad oggi, creano nuove sfide per i media indipendenti. Galina Arapova, direttrice del Mass Media Defenze Center, componente dell’ufficio legale di Articolo 19, ha scritto “tutte le leggi recenti adottate creano solo privilegi ulteriori per i media di stato, in particolare per le Tv” e allo stesso tempo “le autorità stanno utilizzando le risorse amministrative per mantenere la stampa sotto controllo e irrigidire la censura nei confronti di singoli giornalisti e organizzazioni di media”.

“Va aggiunto che il codice penale fornisce una varietà di possibilità, circa 30 emendamenti, da utilizzare contro i giornalisti (dalla diffamazione alla privacy fino al segreto di stato, all’estremismo e al separatismo)”. E l’articolo 144 del codice penale, l’unico dove che prevede la protezione dei giornalisti da ogni forma di vessazione – “Ostacolo alle attività della legge professionale dei giornalisti” – è utilizzato molto raramente.

Gli esperti di media hanno individuato più di 20 nuove leggi ed emendamenti a leggi già in vigore che, dal 2014, hanno ristretto l’attività dei giornalisti. Molte di queste leggi non sono state discusse con professionisti o esperti del settore. Anche l’implementazione delle leggi attuali è un problema, i media devono affrontare nuove regole, prima di tutto la legge contro l’estremismo. Altro problema sono le regole restrittive sull’utilizzo di Internet. Alcune leggi introducono forti sanzioni o portano addirittura alla chiusura dei media, di siti web e altri mezzi di comunicazione. Recenti iniziative, come “la legge Yarovaya” (introdotta dal PM Yarovaya) chiede il pieno controllo su internet (gli esperti dicono che è impossibile per ragioni tecniche e finanziarie).

Non c’è esagerazione nel dire che le nuove restrizioni per i media, come per le Ong, sono strettamente associate con le sanzioni contro la Russia, è una ovvia reazione alle le tensioni politiche e costituiscono una minaccia per la libertà di espressione e per la società civile in Russia.

Le ombre di una nuova Guerra Fredda stanno diventando sempre più oscure. I media mainstream producono una propaganda contro l’occidente e contro l’America in risposta alla propaganda contro la Russia e alla rappresentazione della Russia come “il nuovo Impero del Diavolo”. Molti giornalisti sono preoccupati di dover combattere per questa propaganda e non vogliono rischiare per il loro lavoro. L’autocensura è allora reale e forte, specialmente durante una crisi economica e con i continui tagli dei posti di lavoro.

Comunque, in Russia molte aziende dei media indipendenti lavorano ancora nel Paese e producono interessanti contenuti con strategie innovative, sia nel management che nelle inchieste, con coraggio e consapevoli della missione dei giornalisti, dei diritti umani e della giustizia. È un peccato che le loro esperienze non siano conosciute all’estero.

I media russi stanno affrontando un crisi economica senza precedenti che non concede molti spazi alle diversità, molte voci indipendenti non potranno sopravvivere, l’utilizzo di Internet ha portato alla chiusura di molte testate. La mancanza di trasparenza e il dominio di fatto di alcuni media, il monopolio della distribuzione, un mercato piccolo e dipendente dal sostegno statale sono alcuni dei problemi.

Ma il problema principale dei media oggi è la mancanza di solidarietà tra gli operatori dell'informazione e tra i giornalisti e il pubblico, che non coglie l’importanza del giornalismo indipendente come bene pubblico da tutelare.

L’audience in Russia è passiva, le recenti elezioni lo hanno dimostrato chiaramente.
Far crescere la consapevolezza del giornalismo come bene pubbico e sviluppare la solidarietà può essere il principale strumento per superare la cultura dell'impunità e far cessare le pressioni sulla libertà dei media.

Il Sindacato dei Giornalisti Russi, (Ruj) ha cercato di sviluppare questa consapevolezza. Il 7 ottobre Ruj ha organizzato un evento per “non dimenticare” in cui una compagnia di giovani attori porterà in scena al Moscow Journalists Club una rappresentazione teatrale dal titolo “Life in Second” basata su testi di Politovskaya e Shchekochikhin.

È importante che giovani attori prestino attenzione a quanti sono morti per le loro parole. Questa è la nostra speranza. La speranza è che i colpevoli dell’uccisione di Anna e di altri omicidi siano processati. Che i giornalisti non debbano più affrontare la violenza e le minacce, e che l’opinione pubblica in Russia sia in grado di sostenere la libertà e la responsabilità dei media.

A distanza di 10 anni dall’assassinio di Anna la Russia e i giornalisti russi vivono un momento molto difficile. È importante essere onesti con noi stessi e capire che il futuro dipende da noi.

La nostra professione è la professione delle scelte quotidiane. Dobbiamo ricordarlo. È importante far arrivare il giornalismo russo e le sue voci indipendenti all'opinione pubblica internazionale. Questo sarà anche un tributo ad Anna.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più