Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Cpo-Fnsi
Cpo-Fnsi | 07 Mar 2018
CONDIVIDI:

8 marzo, appello Cpo Fnsi ai media: «Illuminare le ragioni della protesta e la mobilitazione delle donne»

La Commissione pari opportunità invita giornaliste e giornalisti a unirsi alle numerose iniziative #wetoogether organizzate dal movimento 'Non Una di Meno' e chiede a direttori e direttrici di dedicare spazio e attenzione alle proteste e allo sciopero globale femminista in Italia e nel mondo. Il 14 marzo evento formativo 'Cronache del Dissenso: Media, molestie sessuali, disparità'.
Iniziativa #wetoogether a Roma (Foto: nonunadimeno.wordpress.com)

Illuminare le ragioni della protesta e la mobilitazione delle donne, in Italia e nel mondo: la Commissione pari opportunità della Fnsi invita le giornaliste e i giornalisti a unirsi alle numerose iniziative #wetoogether organizzate dal movimento 'Non Una di Meno' per l'8 marzo e chiede ai direttori e alle direttrici di dedicare spazio e attenzione alle proteste e allo sciopero globale femminista in Italia e nel mondo.

«La denuncia contro molestie e ricatti sessuali sul lavoro è diventata centrale. Ovunque il sindacato internazionale (International Trade Union Confederation) è mobilitato con la campagna #StopGBVatWork, 'Stop Gender Based Violence at Work', per sensibilizzare i governi a sostenere la necessità di una Convenzione/Raccomandazione ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) contro la violenza e le molestie nel luoghi di lavoro, subite secondo i dati ITUC-CSI, da una quota tra il 40 e il 50% delle lavoratrici», spiega la Cpo Fnsi.

In Italia, oltre 450 giornaliste hanno firmato un mese fa un documento contro le molestie sessuali e le disparità, nei salari e nelle carriere, e per chiedere un forte ruolo dell'informazione nella battaglia delle donne contro gli abusi.

A partire da quella denuncia, la Commissione pari opportunità, con l'Ordine dei giornalisti del Lazio, GiULiA Giornaliste e Articolo 21, organizza il 14 marzo, nella sede della Fnsi a Roma, l'evento 'Cronache del Dissenso: Media, molestie sessuali, disparità', chiamando al confronto direttori e direttrici, professioniste e firmatarie del 'Manifesto Dissenso Comune' nel settore dello spettacolo. Per fare crescere la denuncia e la mobilitazione contro molestie e disparità, con l'unità di tutte le lavoratrici.

PER APPROFONDIRE
Qui il link alla campagna dell'ITUC-CSI "Stop Gender-Based Violence at work!"

8 marzo: Cpo Usigrai, Rai racconti giornata senza stereotipi
«Anche quest'anno sono tante le iniziative sui territori per la giornata internazionale della donna: cortei, altre manifestazioni, dibattiti con protagoniste le donne. Al centro il lavoro, le disparità salariali e di carriera che ancora persistono tra i sessi; la violenza di genere in ogni sua forma, da quella economica ai femminicidi; le molestie sessuali, che si consumano soprattutto sui luoghi di lavoro». È quanto si legge in una nota della Cpo Usigrai.
«Auspichiamo che il servizio pubblico racconti questa giornata - prosegue la nota -, come lo scorso anno, uscendo dagli stereotipi di una festività di maniera e dando voce alle donne sui diversi aspetti della quotidianità e della vita del Paese. E che ciò non si fermi all'8 marzo». (Ansa - Roma, 8 marzo 2018)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più