Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Editoria
Editoria | 06 Dic 2018
CONDIVIDI:

Di Maio e Crimi: «Così taglieremo il fondo per l'editoria». Fnsi e Cnog: «Hanno gettato la maschera»

Riduzione del 25 per cento a partire dal 2019 per arrivare all'azzeramento nel 2022. «L'emendamento sarà presentato in Senato», annuncia il vicepremier. «L'unico risultato sarà la chiusura di alcuni giornali e la perdita di numerosi posti di lavoro. Una ragione in più per rispondere alla convocazione del ministro con un'assemblea davanti al Mise», ribattono sindacato e Ordine.
Raffaele Lorusso e Carlo Verna

I fondi per l'editoria saranno gradualmente tagliati a partire dal 2019 per arrivare all'azzeramento nel 2022. Ad annunciarlo sono prima il sottosegretario Crimi, nel salernitano per la consegna di un premio giornalistico, e poi il vicepremier Di Maio, al termine del vertice di governo sulla manovra. «Faremo un taglio graduale all'editoria, nostra grande battaglia. Si farà un primo taglio del 25% nel 2019 di fondi per l'editoria, il 50% nel 2020 e il 75% nel 2021. Fino a che nel 2022 non ci saranno più fondi per l'editoria, in modo tale che tutti i giornali possano stare sul mercato e non godere più di concorrenza sleale da alcuni giornali che prendono invece soldi pubblici», dice il ministro, anticipando che l'emendamento sarà presentato in Senato.

«Il trionfalismo con cui il vicepremier Luigi Di Maio e il sottosegretario con delega all'Editoria, Vito Crimi, annunciano il taglio del fondo per il pluralismo sono l'ennesima conferma della volontà del Movimento 5 Stelle di colpire l'informazione. Di Maio e Crimi hanno gettato la maschera: vogliono ridurre le voci, indebolire il pluralismo, nell'illusione di cancellare le voci critiche e manipolare il consenso dei cittadini», commentano Federazione nazionale della Stampa italiana e Ordine dei giornalisti.

«L'unico risultato di questa operazione - proseguono - sarà la chiusura di alcuni giornali e la perdita di numerosi posti di lavoro. In questo scenario diventa sempre più chiara la portata strumentale e propagandistica del tentativo del vicepremier Di Maio di discutere di lavoro precario con Fnsi e Ordine. Non si può discutere di lotta al precariato con chi, con i suoi provvedimenti, creerà altri precari».

Una ragione in più, concludono i rappresentanti dei giornalisti italiani, «per rispondere alla convocazione del ministro con un'assemblea davanti alla sede del Mise, lunedì prossimo, 10 dicembre, a partire dalle 11».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più