Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Editoria
Editoria | 05 Ago 2010
CONDIVIDI:

I vertici della Fnsi dal Sottosegretario Paolo Bonaiuti: “Necessità di interventi urgenti e una vera riforma” La Fieg e il Sindacato chiedono un incontro al Ministro Tremonti per esaminare la situazione economico-occupazionale del setto

“L’editoria e il lavoro giornalistico sono rami vitali per il sistema culturale, economico e produttivo del Paese che non possono essere lasciati deperire senza un’assunzione di responsabilità dello Stato, insieme con le parti sociali. La riforma delle leggi di settore e dell’intervento pubblico sono ineludibili e non procrastinabili. La Federazione Nazionale della Stampa è disponibile a concorrere ulteriormente, alla luce di una realistica valutazione del quadro economico e occupazionale, con idee e proposte metodologiche e di contenuto, all’elaborazione di un disegno di riforma condiviso, trasparente, utile e innovativo.

“L’editoria e il lavoro giornalistico sono rami vitali per il sistema culturale, economico e produttivo del Paese che non possono essere lasciati deperire senza un’assunzione di responsabilità dello Stato, insieme con le parti sociali. La riforma delle leggi di settore e dell’intervento pubblico sono ineludibili e non procrastinabili. La Federazione Nazionale della Stampa è disponibile a concorrere ulteriormente, alla luce di una realistica valutazione del quadro economico e occupazionale, con idee e proposte metodologiche e di contenuto, all’elaborazione di un disegno di riforma condiviso, trasparente, utile e innovativo.

Ma il tempo non è più una variabile indipendente. L’urgenza si fa drammatica. Editoria e giornalismo sono una priorità nazionale, come lo è stata l’Alitalia e, oggi, l’industria automobilistica.
Questo è quanto, in sintesi, hanno rappresentato, oggi a Palazzo Chigi, il Segretario e il Presidente della Fnsi, Franco Siddi e Roberto Natale al Sottosegretario dell’Editoria, Paolo Bonaiuti, che, assieme al Capo Dipartimento del settore della Presidenza del Consiglio, Elisa Grande, hanno avviato una nuova ricognizione sui problemi e la condizione del comparto con l’obiettivo di rimettere in moto i progetti di riforma.
Per la Fnsi l’iniziativa è certamente lodevole, ma un giudizio di merito è giocoforza sospeso, perché dopo due anni di attesa e diverse ipotesi di lavoro sono urgenti atti sui quali fondare reali ipotesi di prospettiva.
La delegazione del Sindacato dei giornalisti ha manifestato grande preoccupazione per la criticità determinata dalla fase di trasformazione industriale ancora incompiuta e dall’impoverimento delle risorse del mercato e di quelle pubbliche a sostegno di un sistema che deve fondarsi sulla qualità professionale e il lavoro correttamente definito, per assicurare pluralismo e completezza dell’informazione.
Ma l’allarme è altissimo e non è più tempo di sole buone intenzioni. I processi di ristrutturazione, accompagnati parzialmente dall’intervento pubblico, non sono finiti; i fondi vanno, invece, verso l’esaurimento prima della fine dell’estate e regna l’incertezzasu molte testate, soprattutto periodiche, colpite dalla riduzione di valore del mercato pubblicitario e da costi aggiuntivi causati da improvvisi tagli dell’intervento pubblico già programmato, senza previsione di alcuna fase di transizione. I posti di lavoro giornalistico stabili nelle realtà tradizionali scendono di 700 unitàe alla fine dell’anno potrebbero superare il migliaio, non solo per l’effetto dei prepensionamenti indotti dalle ristrutturazioni, ma anche per i programmi di esodo incentivato che, nel tentativo di intervenire sulla leva dei costi, aziende primarie (Rai compresa) stanno incoraggiando; anche a detrimento della forza e della qualità delle proposte editoriali.
Eppure la stessa impresa di settore e l’informazione non possono prescindere da un adeguato e regolare ricorso alla professione giornalistica. L’occupazione dei giornalisti deve, perciò,diventare il primo parametro di valutazione per il calcolo di qualsiasi erogazione pubblica, passando da qui lo snodo principale per una visione di futuro dei media, nel quadro dell’innovazione e dell’integrazione multimediale, coerente con le necessità di promuovere pluralismo e qualità.
Su questo punto analisi e proposta paiono aver incrociato il consenso del Sottosegretario Bonaiuti, secondo il quale “il futuro sistema di contributi – anche per oggettiva necessità di risparmio sui conti pubblici – deve passare per lo snodo fondamentale dell’occupazione dei giornalisti e della tutela del loro lavoro”.
La Fnsi ha fatto inoltre presente con chiarezza che occorre immediatamente riparare i guasti dei tanti tagli disseminati nel corso dell’anno sia sui contributi diretti, sia su quelli indiretti, come le tariffe postali, che stanno mettendo in ginocchio i giornali di idee, i periodici ma anche testate industriali importanti che, a causa dei nuovi costi di distribuzione, vedono vanificati le possibilità di rilancio pianificate con i progetti di riorganizzazione. Per le tariffe postali il “male minore”, non la soluzione, dell’accordo tra le organizzazioni dell’imprese e le Poste italiane deve trovare rapida e coerente attuazione nel necessario decreto ministeriale e il Governo deve garantire un’azione per il recupero dei maggiori oneri sopportati dal 1° aprile all’entrata in vigore dell’accordo. Per i contributi diretti a giornali di idee e cooperative (vere), è indispensabile fissare i tempi di una transizione verso nuove condivise regole, ipotizzando un contributo base oggettivo e uno a scalare rapportato all’occupazione e alle copie.
Per il Sindacato dei giornalisti c’è, sul tavolo, una questione incompresa, quella delle agenzie di stampa che, per loro natura di organi di informazione di base che agisce sui vasi comunicanti di tutte le testate, dipendono non poco dal peso delle convenzioni pubbliche, che devono assicurare il carattere di indipendenza. Ciò presuppone accordi pluriennali e non annuali e adeguata valutazione degli interessi nazionali verso l’informazione da considerare bene pubblico, sia in relazione alle presenze nel territorio interno, sia per le indispensabili antenne nelle sedi internazionali di maggiori interesse per il Paese.
Sul piano del welfare, secondo la Fnsi, occorre un ripensamento di sistema, non solo per l’editoria, che non orienti l’intervento solo “in accompagnamento” all’uscita dal lavoro ma ad un interventomodulare che sostenga una fase graduale di esodo in contemporanea con misure a favore di nuovi ingressi, anche attraverso la formazione finalizzata.
La distribuzione deve essere invece terreno di qualificazione dell’intervento pubblico a sostegno del pluralismo, rivolto però ai media che hanno come scopo l’informazione primaria.
Altro terreno dell’impegno pubblico è quello delle campagne organiche della promozione della lettura nelle scuole (per le quali la Fnsi assicura la sua cooperazione diretta) e per la riforma, “a costo zero” e assai urgente, della legge sull’ordinamento professionale.
“Per la Federazione della Stampa le questioni, le osservazioni e le proposte presentate al Sottosegretario Bonaiuti – spiegano il Segretario Siddi e il Presidente Natale – non sono appunti per i compiti delle vacanze ma istanze e impegni su cui misurare in tempi brevi, già alla ripresa dell’attività pubblica dopo la pausa estiva, le effettive volontà di riforma condivisa e sostenibile. Le intenzioni di oggi paiono lodevoli ma troppe incertezze si profilano all’orizzonte, anche perché ignoto, allo stato, appare il quadro delle disponibilità complessive del Governo, a partire dal rinvio permanente alle scelte dell’Economia e di altri Ministeriper quanto attiene risorse e convenzioni”.
Prossimo appuntamento, “per la prosecuzione di un lavoro organico sui singoli punti” – ha assicurato l’Onorevole Bonaiuti – a metà settembre. FIEG-FNSI CHIEDONO INCONTRO A TREMONTI
ESAME SITUAZIONE ECONOMICO-OCCUPAZIONALE SETTORE; SERVONO RISORSE
ROMA, 6 AGOSTO - La Federazione italiana editori giornali (Fieg) e la Federazione nazionale della stampa (Fnsi) hanno chiesto un incontro al ministro dell'economia e finanze, Giulio Tremonti, subito dopo la pausa estiva, ''per esaminare le diverse questioni dell'industria dell'informazione e del lavoro giornalistico, alla luce dell'aggravarsi della situazione economico-occupazionale del settore''.
In una lettera congiunta inviata al ministro, il Presidente della Fieg, Carlo Malinconico,  e il Segretario Generale della Fnsi, Franco Siddi, hanno sottolineato che ''il mondo dell'informazione con le sue attività rappresenti un ramo vitale per il sistema economico e produttivo del Paese nonché‚ uno strumento indispensabile per conoscere, vagliare e  promuovere soluzioni e fiducia per uscire dalla crisi''. Per questo, Malinconico e Siddi hanno chiesto ''una opportuna considerazione, sul piano delle politiche economiche, delle azioni per lo sviluppo e l'innovazione del settore dell'editoria giornalistica necessarie in una fase di particolare difficoltà''.
Editori e giornalisti ritengono infatti ''essenziale che il Paese garantisca le condizioni necessarie a tutela del pluralismo dell'informazione nonché‚ della crescita culturale della collettività, beni pubblici fondamentali. Considerando la correlazione tra arricchimento della produzione e della diffusione di prodotti editoriali, anche alla luce del progresso tecnologico, e sviluppo delle imprese, vanno assicurate - hanno concluso Fieg e Fnsi - misure e risorse adeguate per affrontare i problemi reali del settore''.   (ANSA) EDITORIA: FIEG,PRIMA CERTEZZA SU TARIFFE POSTALI POI RIFORMA
La riforma dell'editoria subito dopo la pausa estiva, ora si assicuri certezza sulle tariffe postali: è la posizione della Federazione italiana editori giornali (Fieg), che oggi ha partecipato all'incontro a Palazzo Chigi con il sottosegretario Paolo Bonaiuti sullo stato di salute e le iniziative da adottare nel prossimo futuro. ''La situazione delle imprese editrici di giornali è estremamente difficile. Nei primi mesi del 2010 sono almeno cinque i provvedimenti normativi intervenuti in modo disorganico nel settore e tutti con pesanti effetti per le imprese. Da ultimo il decreto del 30 marzo scorso, che ha sospeso, a partire dal 1° aprile, le tariffe postali agevolate per gli abbonamenti ai giornali e che ha rappresentato un ulteriore ed ennesimo colpo ad un settore già duramente colpito da una crisi congiunturale intervenuta su una crisi strutturale mai risolta'', ha affermato il presidente della Fieg Carlo Malinconico uscendo dall'incontro.
''Una riforma organica dell'editoria - ha detto Malinconico - è invece quanto mai necessaria per assicurare, con una stampa vitale e ben equipaggiata per affrontare la sfida delle novità del settore, la presenza equilibrata dei diversi mezzi di comunicazione in un mix che è elemento essenziale di una moderna democrazia. Lo si deve alla funzione fondamentale della stampa, da un lato, ma anche alla straordinaria importanza della filiera della carta stampata, che è una realtà imprenditoriale di tutto rilievo con i suoi 241.860 addetti, con un fatturato molto significativo e un indotto di tutto rispetto. Si tratta di economia reale, localizzata nel nostro Paese''.
''Abbiamo, quindi, apprezzato - ha proseguito il presidente della Fieg - l'iniziativa e l'impegno odierni del S.S. Bonaiuti e del Dipartimento dell'editoria e abbiamo formulato fin d'ora le nostre proposte, che vanno da una maggiore tutela del contenuto editoriale ad interventi a sostegno dell'innovazione e dell'occupazione, da una maggiore trasparenza del mercato pubblicitario al potenziamento della comunicazione istituzionale, dall'ammodernamento della rete delle edicole, alla promozione della lettura, alla razionalizzazione e alla moralizzazione delle provvidenze pubbliche che devono comunque essere salvaguardate e garantite in modo certo e non aleatorio a chi ne ha diritto. Abbiamo insistito perché sia salvaguardata la rete delle nostre agenzie di notizie in Italia e all'Estero come una risorsa, una vera 'antenna' dell'Italia nel mondo. È un primo contributo che in tempi brevissimi, prima dell'autunno, affineremo''.
''Ma abbiamo anche sottolineato che la positiva conclusione dell'iter delle nuove tariffe postali per le spedizioni dei giornali in abbonamento, che comporterà un aggravio imprevisto per gli editori nel 2010 del 75% e del 62% dal 1ø settembre 2011 sulla tariffa vigente all'inizio del 2010, ponendo fine a qualsiasi onere per lo Stato, che è stata possibile per il senso di responsabilità degli editori che hanno voluto impedire danni incalcolabili per le proprie imprese se fosse proseguita la tariffa piena, è condizione per la credibilità di ogni futuro intervento pubblico nell'editoria''.
''È assolutamente necessario - ha concluso Malinconico – che prima della pausa estiva il Governo, con gli strumenti che riterrà più opportuni, garantisca la certezza che a partire dal prossimo 1° settembre troverà applicazione il nuovo assetto tariffario concordato con Poste, assetto che almeno attenua il pesantissimo onere economico (+120%) posto a carico delle imprese editrici per effetto della sospensione delle tariffe postali agevolate''. (ANSA) EDITORIA: BONAIUTI RIPORTA SUL TAVOLO PROBLEMI SETTORE
FNSI, INTERVENTI URGENTI; FIEG, CERTEZZA SU TARIFFE POI RIFORMA
ROMA, 5 AGOSTO - Giornata dedicata all'editoria, e al suo stato di salute, a Palazzo Chigi. Paolo Bonaiuti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega per il settore, insieme con il capo del Dipartimento informazione ed editoria Elisa Grande, ha fatto oggi il punto in un primo round di incontri con le diverse categorie interessate. Convocati i vertici della Federazione nazionale della stampa, dei sindacati dei lavoratori della comunicazione di Cgil, Cisl e Uil, della Federazione italiana degli editori, ma anche le associazioni di stampatori, distributori e giornalai. Prima certezza sulle tariffe postali, poi la riforma dopo l'estate, è stata la posizione sottolineata dalla Fieg.
La Fnsi ha ribadito invece il suo allarme: la riforma delle leggi di settore e dell'intervento pubblico sono ineludibili. Pur apprezzando l'iniziativa di Palazzo Chigi, ''è assolutamente necessario - ha sottolineato il presidente della Fieg, Carlo Malinconico - che prima della pausa estiva il Governo, con gli strumenti che riterrà più opportuni, garantisca la certezza che a partire dal prossimo primo settembre troverà applicazione il nuovo assetto tariffario concordato con Poste, assetto che almeno attenua il pesantissimo onere economico (+120%) posto a carico delle imprese editrici per effetto della sospensione delle tariffe postali agevolate''. In generale, gli editori hanno poi proposto misure ''che vanno da una maggiore tutela del contenuto editoriale ad interventi a sostegno dell'innovazione e dell'occupazione, da una maggiore trasparenza del mercato pubblicitario al potenziamento della comunicazione istituzionale, dall'ammodernamento della rete delle edicole, alla promozione della lettura, alla razionalizzazione e alla moralizzazione delle provvidenze pubbliche che devono comunque essere salvaguardate e garantite in modo certo e non aleatorio chi ne ha diritto''.
La Fnsi ha lanciato invece un Sos riforma e interventi urgenti. Il segretario Franco Siddi e il presidente Roberto Natale hanno ribadito la disponibilità del sindacato a concorrere all'elaborazione ''di un disegno di riforma condiviso, trasparente, utile e innovativo''. Ma ''l'urgenza si fa drammatica. Editoria e giornalismo sono una priorità nazionale, come lo è stata l'Alitalia e, oggi, l'industria automobilistica'', hanno detto. Per questo, per la Fnsi, l'iniziativa di Bonaiuti ''è certamente lodevole, ma un giudizio di merito è giocoforza sospeso'' e ''troppe incertezze si profilano all'orizzonte, anche perché ignoto, allo stato, appare il quadro delle disponibilità complessive del Governo, a partire dal rinvio permanente alle scelte dell'Economia e di altri ministeri per quanto attiene risorse e convenzioni''. Prossimo appuntamento a metà settembre. (ANSA)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più