Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Vertenze
Vertenze | 25 Mar 2016
CONDIVIDI:

“Repubblica” e “Stampa” in sciopero, la Fnsi: «Un atto di responsabilità soprattutto nei confronti dei lettori»

Nel giorno della vertenza nazionale indetta dai lavoratori poligrafici, i giornalisti di Repubblica e Stampa decidono di schierarsi «al fianco delle persone che permettono ogni giorno ai quotidiani di arrivare ai lettori secondo i consueti standard di qualità e accuratezza». Una decisione che «rappresenta un atto di responsabilità soprattutto nei confronti dei lettori», commentano il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti.

Nel giorno della vertenza nazionale indetta dai lavoratori poligrafici, i giornalisti di Repubblica e Stampa decidono di schierarsi «al fianco delle persone che permettono ogni giorno ai quotidiani di arrivare ai lettori secondo i consueti standard di qualità e accuratezza». Una decisione che «rappresenta un atto di responsabilità soprattutto nei confronti dei lettori», commentano il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti.

Giornalisti de “la Repubblica” e “La Stampa” in sciopero a sostegno della vertenza nazionale dei lavoratori poligrafici. Una decisione che «rappresenta un atto di responsabilità soprattutto nei confronti dei lettori», commentano il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti.
«Ferme restando le ragioni dei poligrafici che hanno scioperato, e ai quali va ribadita la solidarietà del sindacato dei giornalisti, e pur nel rispetto di chi ha deciso di non aderire allo sciopero nazionale – proseguono Lorusso e Giulietti - le prese di posizione dei giornalisti di molte testate, alcuni dei quali hanno indetto assemblee protrattesi fino a tarda sera impedendo di fatto l'uscita dei giornali, devono indurre gli editori a ragionare seriamente di futuro, rimettendo al centro la qualità dell'informazione».
In un contesto generale in profondo mutamento e senza più le certezze del passato «occorre – osservano i vertici della Fnsi – una visione generale di sistema. Le criticità del settore non possono essere affrontate né con goffe esibizioni muscolari e controproducenti fughe in avanti e neppure illudendosi di poter cancellare regole, diritti fondamentali e tutele collettive in nome di una non meglio precisata efficienza aziendale».
Del resto il comparto editoriale, non soltanto in Italia, è ancora alla prese con una crisi di natura strutturale, dalla quale si può uscire solo trovando soluzioni condivise da tutti gli operatori del settore. Come rilevano segretario generale e presidente: «I necessari e ineludibili processi di ristrutturazione, dettati anche dalla già mutata organizzazione del lavoro e dalla rivoluzione, richiedono una riflessione comune fra tutti gli attori del sistema, editori, giornalisti, lavoratori poligrafici, alla quale non potrà essere estraneo il governo». Una strada che è stata appena intrapresa con il progetto di legge di riforma dell'editoria e che si dovrà continuare a percorrere con maggiore convinzione se si vuole evitare il tracollo del sistema.

Repubblica in sciopero: il comunicato del Cdr
Ieri il personale poligrafico ha indetto uno sciopero per la difesa del proprio Contratto Nazionale di Lavoro e la difesa degli Editori e degli Stampatori che rispettano le norme e le regole contrattuali. In particolare dopo che il gruppo Caltagirone, contro tutte le regole del settore, ha deciso di utilizzare un diverso contratto nazionale di lavoro.
Una scelta unilaterale che rappresenta una minaccia alle normali relazioni industriali, ma anche l'avvio di un periodo di concorrenza sleale tra gli editori.
La redazione di Repubblica ha deciso di dichiarare lo sciopero per solidarietà con persone che lavorano al loro fianco e permettono al quotidiano di arrivare ai lettori secondo i consueti standard di qualità e accuratezza. Pertanto oggi 25 marzo non troverete il giornale in edicola e i anche i redattori di Repubblica.it sono chiamati allo sciopero fino alle 24.
Repubblica, con la Stampa e il Secolo XIX, si avvia a diventare parte del più importante editore di quotidiani a livello nazionale. Una leadership che a nostro avviso non può essere solo numerica, ma che comporta anche maggior responsabilità nel garantire le regole e nel valorizzare tutte le professionalità coinvolte nella filiera editoriale. Per questo il primo atto del nuovo gruppo non poteva essere, neanche indirettamente, indifferente a una pratica palesemente antisindacale. (Repubblica.it - 25 marzo 2016)

Editoria: sciopero giornalisti, domani La Stampa non esce
Il quotidiano La Stampa domani non sarà in edicola per uno sciopero dei giornalisti. "La redazione - spiega in una nota il Comitato di redazione - ha preso questa decisione sofferta dopo una lunga giornata di discussione partita da una vertenza sindacale dei colleghi poligrafici che hanno indetto uno sciopero nazionale. Siamo dell'idea che non si possa fare il giornale né senza i tipografi né senza i giornalisti. Siamo dell'idea che non si possa cambiare unilateralmente il contratto di lavoro come è accaduto ai colleghi poligrafici del gruppo Caltagirone. Siamo dell'idea, infine, che quando si difendono i diritti di un gruppo di lavoratori il comportamento di altre aziende non possa essere un parametro di riferimento. In vista della fusione con il gruppo editoriale l'Espresso, infine, ci sembra essenziale tenere alta l'attenzione sulla correttezza di tutte le prassi sindacali. Sappiamo che ci aspetta un periodo di grandi cambiamenti, non intendiamo permettere che questa sia l'occasione per ridurre i diritti di tutte le persone che lavorano nella nostra azienda". (Ansa - Torino, 24 marzo 2016)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più