Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 22 Giu 2018
CONDIVIDI:

Puglia, la Regione cerca una web tv senza giornalisti né direttore. L'Assostampa: «Bando da ritirare»

«Non solo non viene considerata alcuna regolarità contrattuale, ma viene affidata in capo all'amministrazione appaltante la selezione di chi dovrà esercitare i poteri dell'art. 6 del Ccnlg, ovvero la tutela del diritto di cronaca e della libertà di espressione», rileva il sindacato regionale.
Il presidente dell'Associazione della Stampa di Puglia, Bepi Martellotta

«Desta stupore la lettera di invito pubblicata il 20 giugno scorso con cui la segreteria della Presidenza della Regione e il Servizio di comunicazione esterna aprono un bando con il quale la Regione Puglia intende inaugurare un servizio di webTv regionale per la comunicazione tramite le società iscritte al portale Empulia». Lo afferma, in una nota, l'Associazione della Stampa di Puglia.

«Tra i requisiti richiesti per aggiudicarsi l'appalto del servizio da 160mila euro (fino a 200mila previa proroga del servizio) non vi è in alcuna parte indicata la regolarità contrattuale dei giornalisti preposti allo svolgimento dei servizi giornalistici da parte dell'agenzia, mentre vi è un significativo passaggio sulle modalità di selezione del personale, contenute nella sezione 3 al punto 2: 'le modalità di organizzazione del lavoro redazionale resterà in capo al fornitore, mentre la direzione sarà di competenza dell'amministrazione regionale'», prosegue il sindacato regionale.

«Alla faccia dell'autonomia del lavoro giornalistico, seppur orientato alla comunicazione delle attività istituzionali della Regione, non solo non viene considerata alcuna regolarità contrattuale – incalza l'Assostampa – ma viene affidata in capo all'amministrazione regionale appaltante la selezione di chi dovrà esercitare i poteri dell'art. 6 del Ccnlg, ovvero la tutela del diritto di cronaca e della libertà di espressione, rispettivamente tutelati da due articoli della Costituzione che, grazie a Dio e non certo alla Regione Puglia, tutelano dal 1947 la democrazia in Puglia come nel resto d'Italia».

Ovviamente, conclude l'Associazione della Stampa di Puglia, «chiediamo al Presidente della Regione, al capo di Gabinetto e al Segretario generale della Presidenza di revocare immediatamente il bando in questione, in modo da revisionare i criteri di accesso alla gara entro la scadenza fissata al 28 giugno prossimo, prevendendo negli stessi quanto meno la correntezza contrattuale e contributiva dei dipendenti giornalisti delle agenzie di comunicazione che vi parteciperanno e l'autonomia delle scelte da parte della direzione giornalistica preposta».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più