Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 13 Mar 2019
CONDIVIDI:

Toscana: ecco il bando per i contributi a radio, tv e online nato dal confronto con l'Assostampa

A disposizione dell'informazione locale 1,5 milioni di euro. Fra i requisiti di ammissibilità: la regolarità previdenziale, la presenza di una redazione in regione, l'iscrizione ai sistemi di certificazione e, per la prima volta, l'adempimento degli obblighi formativi.
Toscana: ecco il bando per i contributi a radio, tv e online nato dal confronto con l'Assostampa

È stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana il bando per i contributi alle imprese di informazione e per il sostegno al lavoro giornalistico. Le imprese avranno tempo dal 12 aprile e fino al prossimo 22 maggio per presentare progetti che, finanziabili fino all'80% delle spese sostenute, avranno anche l'effetto di rafforzare l'offerta informativa nella regione.

«In questo modo – sottolinea l'assessore al Bilancio Vittorio Bugli – il governo regionale ha mantenuto l'impegno preso per accrescere il livello di competitività e innovazione delle imprese editoriali e sostenerle in un momento di particolare difficoltà, nonché per promuovere il diritto dei cittadini all'informazione».

Il bando, frutto anche del confronto con l'Associazione Stampa Toscana e l'Ordine dei giornalisti, mette a disposizione dell'informazione locale 1,5 milioni di euro. Prevede requisiti di ammissibilità in relazione, per esempio, agli organici, alla regolarità previdenziale e alla presenza di una redazione in Toscana. Allo stesso modo individua criteri premianti quali l'iscrizione ai sistemi di certificazione e, per la prima volta, l'adempimento degli obblighi formativi.

Potranno presentare domanda le micro, piccole e medie imprese in possesso di emittenti tv e radio, quotidiani e periodici online, stampa periodica regionale, agenzie di stampa web, associazioni di imprese con testate giornalistiche.

Il bando discende dalle previsioni della legge regionale 34/2013, 'Disciplina del sostegno regionale alle imprese di informazione': è la seconda volta che questa legge viene finanziata e permette di attivare questa opportunità. Già con il primo bando molte testate toscane riuscirono a scollinare una situazione di crisi particolarmente grave, in un periodo tra l'altro di forte contrazione del mercato pubblicitario.

PER APPROFONDIRE
Il bando della Regione Toscana 'per la concessione di contributi alle imprese di informazione ai sensi della legge regionale 34/2013' è disponibile a questo link.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più