Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Minacce
Minacce | 15 Nov 2017
CONDIVIDI:

Bologna e Piacenza, due aggressioni a giornalisti in poche ore. La solidarietà ai colleghi di Fnsi, Aser e Odg

Prima la rapina ai danni della troupe di 'Striscia la notizia' nel capoluogo emiliano. Poi gli strattoni a due cronisti da parte del gestore di un locale a cui gli agenti di polizia stavano ponendo i sigilli. Episodi che «mettono in luce quanto gli operatori dell'informazione siano sempre più sotto tiro», commentano i rappresentanti degli enti di categoria.
Una telecamera rotta, simbolo delle aggressioni ai danni dei cronisti

Prima la violenta rapina ai danni di Vittorio Brumotti e di due operatori della trasmissione "Striscia la notizia", al lavoro per documentare lo spaccio nel parco della Montagnola, a Bologna. Poi l'aggressione a due cronisti da parte del gestore di locale di Piacenza a cui gli agenti di polizia stavano ponendo i sigilli. Due episodi in poche ore, che «mettono in luce quanto gli operatori dell'informazione siano sempre più sotto tiro», commentano i rappresentanti dei giornalisti dell'Emilia Romagna e con loro i vertici di Fnsi e Ordine nazionale dei giornalisti.

L'Associazione stampa dell'Emilia-Romagna, la Federazione della Stampa e i presidenti dell'Ordine nazionale, Carlo Verna, e dell'Ordine regionale dei giornalisti, Giovanni Rossi avevano già condannato la rapina ai danni della troupe di Striscia ed espresso solidarietà a Vittorio Brumotti e ai due cineoperatori, auspicando «la diffusione di una cultura di maggiore rispetto nei confronti dei lavoratori dell'informazione, che garantiscono ai cittadini il diritto di essere informati».

Poi il secondo episodio, con l'aggressione ai due giornalisti del quotidiano online "ilPiacenza.it". «Stavano facendo il loro lavoro: erano in strada, a debita distanza e su pubblica via per raccontare un fatto di cronaca e sono stati aggrediti. Fortunatamente, oltre alle telecamere, questa volta erano presenti anche gli agenti della Questura di Piacenza che hanno subito fermato, identificato e fatto salire su una volante l'aggressore di due giornalisti a cui va la nostra piena solidarietà», spiegano in una nota la presidente Aser, Serena Bersani, il presidente dell'Ordine regionale dei giornalisti, Giovanni Rossi e il compomente della segreteria della Fnsi, Mattia Motta.

«Stando a quanto si è appreso dai colleghi presenti – proseguono – cittadini e giornalisti stavano assistendo ad un'operazione di polizia che, sulla base del Testo unico per la sicurezza, stava ponendo i sigilli ad un locale pubblico frequentato, secondo la Questura, da pregiudicati. In questo frangente, Emanuela Gatti e Andrea Pasquali sono stati aggrediti dal gestore del locale, che ha strattonato in modo violento la giornalista nel tentativo di prendere la fotocamera utilizzata per le riprese e impedire così il lavoro dei cronisti».

A quel punto sono intervenuti gli agenti che hanno bloccato l'uomo e l'hanno quindi accompagnato in Questura per accertamenti. «Illuminare le periferie e documentare proprio ciò che accade nelle zone più "difficili" è una parte fondamentale e irrinunciabile del lavoro di giornalista per garantire il diritto dei cittadini ad essere informati», concludono i rappresentanti dei giornalisti dell'Emilia Romagna.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più