Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Internazionale
Internazionale | 18 Feb 2015
CONDIVIDI:

Il giornalista Peter Oborne  lascia il Telegraph e accusa: ha oscurato lo scandalo della banca Hsbc

Il giornalista britannico Peter Oborne si è dimesso dal The Daily Telegraph accusando il giornale di avere deliberatamente 'oscurato' le notizie riguardanti lo scandalo Swissleaks e il ruolo della banca Hsbc per non perderne gli investimenti pubblicitari.

Il giornalista britannico Peter Oborne si è dimesso dal The Daily Telegraph accusando il giornale di avere deliberatamente 'oscurato' le notizie riguardanti lo scandalo Swissleaks e il ruolo della banca Hsbc per non perderne gli investimenti pubblicitari.

Oborne, ex numero uno dei commentatori politici del quotidiano conservatore britannico, ha lanciato il suo atto di accusa in un articolo sul sito Open Democracy e in alcune interviste a Channel 4 e alla Bbc. Il giornalista chiede che venga aperta un'inchiesta indipendente sulla linea editoriale del Telegraph il cui atteggiamento nella vicenda Hsbc è a suo giudizio una "truffa verso i lettori" e una questione che "va al cuore della nostra democrazia e non può più essere ignorata".
Secondo Oborne, il Telegraph avrebbe scoraggiato fin dall'inizio del 2013 gli articoli critici sull'operato della Hsbc e della sua filiale svizzera, accusata di avere aiutato i clienti facoltosi ad evadere ed eludere tasse per milioni di dollari, dopo che la banca aveva interrotto i rapporti pubblicitari con il quotidiano a seguito di un'inchiesta del giornale sulle attività dell'istituto nel paradiso fiscale di Jersey. Nella vicina isola di Sark, altro paradiso fiscale, sottolinea Oborne, hanno la loro residenza i fratelli David e Frederick Barclay, proprietari del giornale.
La Hsbc è "l'inserzionista che non ti puoi permettere di offendere", fu la spiegazione fornita a Oborne da un dirigente del Telegraph. Per queste ragioni il giornalista annunciò le sue dimissioni lo scorso dicembre al direttore generale Murdoch MacLennan, nel quale, dice, la redazione non ha alcuna fiducia. Oborne spiega che avrebbe voluto andarsene in silenzio, ma dopo la scarsa copertura data dal quotidiano alla vicenda Swissleaks, - "serviva un microscopio" per trovare le notizie - ha sentito il "dovere di rendere tutto pubblico".
Il Telegraph ha definito le accuse del giornalista su Open Democracy "un attacco infondato e sbalorditivo, pieno di inaccuratezze e insinuazioni". Se "il mio articolo è pieno di bugie la replica di Oborne- devono uscire allo scoperto e spiegare la loro linea editoriale. Il Telegraph deve istituire un'indagine indipendente. C'è bisogno di una personalità indipendente ed estera che accerti in pieno il rapporto tra pubblicità e contenuti editoriali" (LONDRA, 18 FEBBRAIO - ADNKRONOS)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più