Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Media
Media | 10 Ott 2019
CONDIVIDI:

'Illuminare le periferie', presentato a Bologna il rapporto 2019

I dati su come i media, e la televisione in particolare, 'coprono' le notizie sugli esteri sono stati illustrati all'Università dai rappresentanti di Osservatorio di Pavia, Fnsi, Usigrai e Cospe. Per il sindacato era presente Mattia Motta, che ha definito lo studio «uno strumento in grado di arricchire la dimensione etica e professionale di ogni giornalista».
Un momento della presentazione del rapporto 'Illuminare le periferie'
Un momento della presentazione del rapporto 'Illuminare le periferie'
Un momento della presentazione del rapporto 'Illuminare le periferie'

Un'occasione di confronto sulla televisione come mezzo di informazione e su come questo media 'copre' le notizie oltreconfine, soprattutto dalle periferie dimenticate del mondo. Studenti, giornalisti, Ong, ricercatori e insegnanti si sono confrontati all'Università di Bologna Alma Mater Studiorum sui dati 2019 del rapporto 'Illuminare le periferie', curato dall'Osservatorio di Pavia e realizzato da Fnsi, Usigrai, Cospe Onlus, con il patrocinio dell'Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo.

L'inusuale lezione del corso di Sociologia della comunicazione ha visto in cattedra Mirella Marchese (Osservatorio Pavia), Anna Meli (Cospe) e, in rappresentanza anche dell'Usigrai, il segretario generale aggiunto della Fnsi, Mattia Motta. Dalla nuova edizione del rapporto emerge come nel 2018 sia 'esplosa' la copertura delle notizie su porti e migrazioni (un servizio su dieci riguardava questo argomento) mentre, allo stesso tempo, appare in caduta libera la trattazione delle motivazioni profonde alla base delle migrazioni, ossia guerre, conflitti, epidemie che hanno riguardato solo il 4% dei servizi sugli esteri.

Le notizie di politica (33%), cronaca (29%) e tutte le 'soft news' (17%) occupano, insieme, otto notizie su dieci della 'pagina' degli esteri. Guerre, tensioni e conflitti costituiscono la penultima voce (4%), dato più basso in sette anni di rilevamenti. Ed è l'Africa, nel 2018, il continente con la minor visibilità sui media italiani. Nel 2018 solo 440 servizi hanno riguardato il continente africano, contro i 1.152 servizi di due anni fa. Su dieci notizie di esteri, 7 riguardano i paesi Europei (5) e nordamericani (2), segue l'Asia (12% notizie) il Medio Oriente (11%) e i 'marginali': Africa e Centro-Sud America con 5 notizie a testa su 100.

«Per capire quanto ci riguardino gli esteri, provate a guardare l'etichetta dei vestiti che indossate oggi – ha chiesto agli studenti Anna Meli, giornalista e responsabile comunicazione Cospe -. Pakistan, Vietnam, Bangladesh, Tunisia. Ecco, per esempio sulle condizioni di vita e di lavoro delle persone che fabbricano i nostri vestiti, guardando i dati dell'Osservatorio, non sappiamo quasi nulla. Vorreste saperne di più?». Affermativa e convinta la risposta degli universitari.

Motta ha sottolineato l'importanza dell'Osservatorio, «è uno strumento – ha detto – che offre la possibilità di arricchire la dimensione etica e professionale di ogni giornalista» ed evidenziato l'importante presenza dei professionisti freelance sui teatri di guerre e conflitti delle periferie del mondo. «Soprattutto nei programmi di approfondimento presi in esame dall'Osservatorio – ha osservato – la copertura delle notizie dai fronti esteri viene coperta sempre di più da giornalisti freelance. Da un lato, giornalisti, videomaker e fotografi non dipendenti italiani si stanno specializzando nella copertura di queste notizie perché sono pagate degnamente rispetto alle cronache italiane, d'altro canto la crisi del settore ha portato sia l'industria 'pesante' delle tv sia i grandi editori a chiudere uffici di corrispondenza all'estero. Oggi le periferie territoriali e sociali ce le troviamo anche in Italia, e il loro racconto è fondamentale per dare piena attuazione al diritto dei cittadini ad essere informati. Conoscere per deliberare è l'essenza della cittadinanza. E finché non riusciremo a raccontare meglio le periferie attraverso lo sguardo di chi, costituzionalmente, è deputato a farlo saremo cittadini, tutti, un po' meno liberi».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più