Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Internazionale
Internazionale | 24 Set 2015
CONDIVIDI:

La voglia di leggi bavaglio si aggira per l'Europa "Così i governi vogliono cancellare l'informazione"

Dalla "ley mordaza" spagnola alla legge delega sulle intercettazioni in Italia, il diritto di cronaca è sempre più a rischio. Serve una mobilitazione europea. Lorusso: "Bene il ministro Orlando, ma se passeranno le limitazioni i giornalisti italiani scenderanno in piazza".

Dalla "ley mordaza" spagnola alla legge delega sulle intercettazioni in Italia, il diritto di cronaca è sempre più a rischio. Serve una mobilitazione europea. Lorusso: "Bene il ministro Orlando, ma se passeranno le limitazioni i giornalisti italiani scenderanno in piazza".

Lo spettro delle leggi bavaglio si aggira per l'Europa. In tutto il Continente cresce la voglia di limitare la libertà di espressione e il diritto di cronaca. I giornalisti e i loro organismi di rappresentanza devono fare fronte comune per scongiurare il rischio che venga progressivamente smantellato quel patrimonio di diritti e libertà che si è affermato a partire dalla fine dell'800. È l'allarme lanciato nel corso del convegno su "Rights & Jobs in journalism: labour rights for journalists", in corso ad Albacete, in Spagna, organizzato dalla European federation of journalists (Efj). I rappresentanti dei sindacati dei giornalisti dei Paesi europei hanno espresso preoccupazione per i tentativi in atto in tutti i Paesi di imporre limitazioni alla libertà di stampa, manifestando simbolicamente davanti al Palazzo di Giustizia di Albacete contro la legge spagnola che limita la libertà di stampa e contro i tagli all'occupazione nel settore editoriale.
La Spagna è l'emblema di una situazione che sta peggiorando. La legge recentemente approvata dal Parlamento, la cosiddetta "ley mordaza", ha imposto serie limitazioni alla libertà dei mezzi di comunicazione e ai giornalisti, ai quali viene impedito perfino di riprendere e fotografare le forze dell'ordine durante le manifestazioni pubbliche. La manifestazione ha richiamato l'attenzione anche sulla situazione delle TV pubblica spagnola. Numerose autonomie regionali hanno chiuso i propri canali televisivi, operando licenziamenti di massa. Cresce il precariato e il livello delle retribuzioni si è abbassato: nella provincia di Albacete, il novanta per cento dei giornalisti guadagna meno di 600 euro al mese.
"Serve una mobilitazione a livello europeo per scongiurare il rischio di un bavaglio continentale", ha detto Raffaele Lorusso, segretario generale della FNSI. Lorusso ha parlato della delega al governo per regolare la materia delle intercettazioni, recentemente approvata dal Parlamento italiano. "Lo strumento della delega in tema di libertà di stampa è di per sé pericoloso - ha sottolineato Lorusso - I giornalisti non invocano l'impunità, anzi sono convinti che gli eccessi vadano puniti, ma va garantito il diritto di diffondere le notizie rilevanti per l'opinione pubblica, anche quando non hanno alcuna rilevanza penale". Il segretario della FNSI ha definito "positiva" la disponibilità manifestata dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ad accogliere la proposta del sindacato dei giornalisti italiani di istituire un'udienza filtro e ad avviare un confronto per evitare che il decreto attuativo del governo si trasformi in un bavaglio alla stampa. "È auspicabile che ai buoni propositi seguano i fatti - ha concluso Lorusso - In caso contrario, la categoria reagirà anche con manifestazioni pubbliche di protesta, come già avvenuto in passato".

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più