Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Minacce
Minacce | 12 Nov 2016
CONDIVIDI:

Michele Albanese e Amalia De Simone Cavalieri della Repubblica, la Fnsi: «Riconoscimento a tutti i giornalisti minacciati»

Il presidente della Repubblica ha conferito l'onorificenza al Merito della Repubblica Italiana ai giornalisti Michele Albanese e Amalia De Simone per il loro impegno contro la criminalità. La Fnsi ringrazia Sergio Mattarella: «Ora - chiedono segretario e presidente - le leggi a tutela dei cronisti minacciati».
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella (Foto: quirinale.it)

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito quaranta onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a donne e uomini che si sono distinti per atti di eroismo, per l'impegno nella solidarietà, nell'integrazione, nel soccorso, per l'attività in favore dell'inclusione sociale, nella promozione della cultura, della legalità e per il contrasto alla violenza.

Tra i tanti esempi presenti nella società civile e nelle istituzioni, il presidente ha individuato alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani e tra questi sono stati insigniti anche i giornalisti Michele Albanese e Amalia De Simone per il loro impegno contro la criminalità.

«Con la nomina di Michele Albanese, responsabile Fnsi per la legalità, e di Amalia De Simone a Cavalieri della Repubblica – commentano il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti – il presidente Sergio Mattarella riconosce il coraggio civile di due giornalisti con la schiena dritta e, come già avvenuto con il riconoscimento della stessa o onorificenza a Paolo Borrometi e Federica Angeli, richiama l'attenzione sul fenomeno preoccupante dei cronisti minacciati, costretti a vivere sotto scorta e che lavorano in zone ad alta densità criminale».

Secondo i vertici del sindacato dei giornalisti, inoltre, «il presidente della Repubblica va ringraziato per aver riproposto, con due nomine che hanno anche un alto significato simbolico nella battaglia per la libertà dell'informazione e dei cronisti, un tema sul quale la Fnsi chiede da tempo un intervento deciso del Parlamento, dove, purtroppo, sono finite su un binario morto le proposte di legge di riforma della diffamazione e il contrasto alle cosiddette querele temerarie. Anche per questa ragione, il sindacato dei giornalisti ha avviato una mobilitazione per i cronisti minacciati».

Ecco le motivazioni che hanno portato il capo dello Stato ad insignire del riconoscimento i due colleghi (sul sito internet del Quirinale i quaranta "esempi civili" insigniti da Mattarella).

Michele Albanese, 56 anni (Catanzaro), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per aver affermato il valore della legalità e della libera informazione in un contesto con forte presenza criminale”. Giornalista del Quotidiano del Sud, collaboratore dell’agenzia Ansa e consigliere nazionale della Fnsi. È costretto a vivere sotto scorta dal 2014 per aver indagato e raccontato le realtà criminali di una delle zone a più alta densità mafiosa d’Italia, la Piana di Gioia Tauro: dal potere delle cosche, all’omicidio di Cocò Campolongo, al ruolo della ’ndrangheta nelle attività del porto.

Amalia De Simone, 43 anni (Napoli), Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il suo coraggioso impegno di denuncia di attività criminali attraverso complesse indagini giornalistiche”. Giornalista del Corriere.it e direttrice di Radio Siani, l’emittente anticamorra di Ercolano. I suoi reportage fanno luce sulla Terra dei fuochi e sul clan dei Casalesi nonché sugli immigrati irregolari del litorale Domizio, tra i quali ha messo le sue basi la mafia nigeriana. Ha vinto riconoscimenti nell'ambito del premio Cronista dell'Anno. Ha ricevuto inoltre vari premi tra cui il Premio Cutuli per la sezione Stampa Nazionale.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più