Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 27 Feb 2020
CONDIVIDI:

Caserta, tolta la scorta ad Antonello Velardi. Fnsi, Sugc e Unci: «Decisione grave, non va lasciato solo»

Il giornalista, caporedattore del Mattino, da sindaco di Marcianise ha denunciato la corruzione e il malaffare sfidando la criminalità organizzata e ricevendo, per questo, ripetute minacce, anche di recente. Appello del sindacato al ministero dell'Interno per ripristinare la protezione.
Antonello Velardi (Foto: sindacatogiornalisti.it)

«Riteniamo grave e inaccettabile la decisione della Prefettura di Caserta di revocare la scorta al collega Antonello Velardi». È quanto affermano la Federazione nazionale della Stampa italiana, il Sindacato dei giornalisti della Campania e l'Unione cronisti.

«Velardi, caporedattore del Mattino, da sindaco di Marcianise ha denunciato la corruzione e il malaffare sfidando apertamente la criminalità organizzata e ricevendo, per questo, ripetute minacce, anche di recente, quando non ricopriva più la carica di sindaco. Non c'è dunque nessuna ragione che possa giustificare la scelta della Prefettura di Caserta di lasciarlo senza tutela», spiega il sindacato.

«Denunciare il malaffare – concludono Fnsi, Sugc e Unci – è sempre un gesto coraggioso, indipendentemente dal fatto che tale gesto sia compiuto nella funzione di sindaco o di giornalista. Esprimiamo pertanto pieno sostegno a Velardi e chiediamo al ministero dell'Interno di intervenire tempestivamente per confermargli la scorta. Antonello non è solo, siamo con lui».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più