CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Cronisti minacciati, i nuovi dati del Viminale (Foto: interno.gov.it)
Osservatorio Cronisti Minacciati 20 Lug 2021

Giornalisti minacciati, 110 episodi nel 2021. I nuovi dati del Viminale

Trend ancora in crescita nel primo semestre di quest'anno (+11% rispetto ai primi sei mesi del 2020), con un balzo in avanti della matrice socio-politica rispetto alle intimidazioni di stampo criminale. La metà delle minacce arriva via web. Le donne sempre più nel mirino.

Sono 110 gli episodi di intimidazione nei confronti dei giornalisti censiti al 30 giugno 2021 dall'Osservatorio cronisti minacciati del Viminale: l'11 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2020. Di questi 18 sono riconducibili a contesti di criminalità organizzata, 36 a contesti politico/sociali, 56 riferibili ad altre fattispecie. È solo uno dei dati riportati nell'aggiornamento del report redatto dall'Organismo di supporto al "Centro di coordinamento per le attività di monitoraggio, analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti" del ministero dell'Interno.

Le intimidazioni avvenute tramite web sono state 55, pari al 50 per cento del totale; 19 le aggressioni fisiche; 18 gli episodi di minacce verbali; 9 le lettere minatorie; 6 i casi di danneggiamento e 3 gli episodi di scritte minacciose/ingiuriose registrati dalle forze dell'Ordine. Facebook si conferma il mezzo web più usato per minacciare i giornalisti.

Trenta, il 27 per cento del totale, gli episodi ai danni di giornaliste.

Le regioni che nel primo semestre del 2021 hanno fatto registrare il maggior numero di casi sono Lazio, Lombardia, Sicilia, Toscana ed Emilia Romagna: è qui che si sono verificati 72 episodi (il 65 per cento del totale degli atti intimidatori consumati nel periodo in riferimento). Sparsi in altre 11 regioni i rimanenti 38 eventi censiti. Roma la provincia in vetta alla classifica dei territori più "pericolosi" per i giornalisti, seguita da Milano, Napoli, Livorno e Palermo.

«Nell'arco dell'ultimo triennio – annota infine il Servizio Analisi Criminale del Dipartimento della pubblica sicurezza della Direzione centrale della polizia criminale – gli atti intimidatori riconducibili alla matrice della criminalità organizzata si sono attestati al di sotto del 20% del totale dei casi, mentre i contesti socio/politici e gli altri contesti appaiono esser alla base della gran parte delle minacce rivolte ai giornalisti».

PER APPROFONDIRE
Il report del Viminale con i dati aggiornati al 30 giugno 2021 è disponibile qui.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più