Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 21 Lug 2020
CONDIVIDI:

Toscana, modificata la legge sul contratto dei giornalisti. Ast: «La Regione mantenga gli impegni»

Entro 120 giorni il passaggio al comparto del pubblico impiego. «Assieme al Cdr dell'Agenzia della Giunta e alla fiduciaria del Consiglio, con l'assistenza tecnica della Fnsi, vigileremo affinché le rassicurazioni ricevute si traducano in atti concreti e tutti i trattamenti vengano mantenuti», rileva l'Assostampa.
L'aula del Consiglio regionale della Toscana (Foto: opimassacarrara.it)

Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato la legge che toglie il contratto Fieg-Fnsi ai giornalisti dell'Agenzia di informazione della Giunta regionale e dell'Ufficio stampa del Consiglio. Il presidente Sandro Bennucci e tutti gli organismi dirigenti dell'Associazione Stampa Toscana, insieme al Cdr dell'Agenzia della Giunta e alla fiduciaria dell'Ufficio stampa del Consiglio, «vigileranno affinché vengano mantenuti tutti i trattamenti in godimento da parte dei colleghi, secondo l'impegno assunto dall'Amministrazione», spiega una nota dell'Assostampa. «Ast – prosegue il sindacato regionale –, che volle fortemente nel 2006 la legge che introduceva il contratto Fieg-Fnsi, e che l'ha difesa fino in fondo, è stata informata solo la scorsa settimana dei passi che la Regione Toscana e la maggioranza politica che la governa intendevano percorrere. Insieme al Cdr dell'Agenzia della Giunta e alla fiduciaria del Consiglio, Ast ha ricevuto un'informativa, chiedendo precise garanzie sull'applicazione delle norme di salvaguardia nazionale che tutelano, appunto, il trattamento in godimento. Ma la partita non finisce qui».

La legge regionale stabilisce infatti il termine di centoventi giorni per definire in modo compiuto il passaggio al comparto del pubblico impiego con le dovute salvaguardie per chi fino ad oggi era inquadrato con il contratto giornalistico. «E in questi 120 giorni – incalza l'Assostampa – Ast, assieme al Cdr dell'Agenzia della Giunta e alla fiduciaria del Consiglio, con l'assistenza tecnica della Fnsi, controllerà affinché le rassicurazioni ricevute si traducano in atti concreti e s'impegnerà a difendere tutti gli istituti e le previsioni contrattuali del Cnlg fino ad oggi garantiti, che devono intendersi pienamente in essere nelle more del passaggio al nuovo contratto».

Ast, inoltre, «auspica che possano essere trovate soluzioni, anche nazionali, per mitigare il rischio di sterilizzazione degli stipendi futuri dei giornalisti già assunti e, in sede di rinnovo di contratto, la definizione di specifiche indennità legate al lavoro dei giornalisti. La nuova legge, in ogni caso, ribadisce che nell'Agenzia della Giunta regionale e nell'Ufficio stampa del Consiglio potrà lavorare solo chi è iscritto all'albo dei giornalisti, così come giornalista (un professionista, ma laureato) dovrà essere il direttore. Non basta: come in occasione delle elezioni regionali di 5 anni fa, Ast chiederà ai candidati presidenti di firmare un protocollo sulla comunicazione e l'informazione in Toscana, dove siano ben descritte – conclude l'Assostampa – anche le garanzie per i colleghi che lavorano per la Giunta e il Consiglio».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più