Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Diffamazione
Diffamazione | 17 Lug 2019
CONDIVIDI:

Calabria, insultano sui social la giornalista Enza Dell'Acqua: in 4 a processo per diffamazione

La cronista del Quotidiano del Sud definita 'giornalaia', 'pennaiola', 'bugiarda', 'faccia storta', 'faccia senza scornu'. Parisi: «Il Sindacato giornalisti della Calabria al fianco di Enza e di tutti i colleghi 'colpevoli' di fare informazione 'scomoda'». La prima udienza è fissata per il 23 ottobre a Vibo Valentia.
La giornalista Enza Dell'Acqua (Foto: giornalistitalia.it)

La definiscono 'pennaiola' sui social network e finiscono in citazione diretta a processo. Succede in Calabria. La giornalista insultata è Enza Dell'Acqua, del Quotidiano del Sud, che con i suoi articoli racconta ciò che succede nel vibonese. A ingiuriarla via Facebook – spiega il quotidiano online giornalistitalia.it – sono state quattro persone fra cui il collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso, figlio di Pantaleone, considerato il boss dell'omonima cosca. 'Giornalaia', 'pennaiola', 'bugiarda', 'faccia storta' e 'faccia senza scornu' sono i termini usati da Mancuso e da altre tre persone, tutte residenti a Nicotera, per le quali è stata disposta la citazione diretta a giudizio con l'accusa di diffamazione. La prima udienza è fissata per il 23 ottobre davanti al giudice del tribunale monocratico di Vibo Valentia.

«Con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso offendevano la reputazione della parte offesa Vincenza Dell'Acqua, in sua assenza, comunicando con più persone, ed in particolare sul social network con diversi post», scrivono il procuratore capo Callea e il sostituto Alberti.

«Non cerco giustizia solo per me, ma spero che la mia vicenda sia utile per tutti i colleghi. È bene che chi offende i giornalisti attraverso i social network sappia che rischia di finire in tribunale», spiega a giornalistitalia.it Enza Dell'Acqua.

«Il Sindacato Giornalisti della Calabria – sottolinea Carlo Parisi, segretario regionale e segretario generale aggiunto della Fnsi – è al fianco di Enza Dell'Acqua e di tutti i colleghi 'colpevoli' di fare informazione 'scomoda'. Ancora una volta, poi, i social network hanno fatto da cassa di risonanza ad insulti pesanti e inaccettabili, travalicando la loro valenza, che è quella di fare rete, non di prestarsi al linguaggio dell'odio o dell'intimidazione».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più