Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Internazionale
Internazionale | 04 Dic 2017
CONDIVIDI:

Malta, dieci arresti per l'omicidio di Daphne Caruana Galizia

L’annuncio nel corso di una conferenza stampa del primo ministro Joseph Muscat: «Sono tutti cittadini maltesi, alcuni di loro già noti alla polizia. Secondo gli investigatori sarebbero gli esecutori dell'omicidio con l'autobomba, non i mandanti», ha spiegato.
Daphne Caruana Galizia

La polizia maltese ha arrestato dieci persone nell'ambito dell'indagine sull'omicidio della giornalista e blogger Daphne Caruana Galizia, avvenuto il 16 ottobre scorso con un'autobomba. Lo ha comunicato il primo ministro Joseph Muscat nel corso di una conferenza stampa a La Valletta.

Gli arresti sono stati eseguiti in diverse aree, tra cui Marsa e Bugibba. I sospetti sono tutti cittadini maltesi, alcuni già noti alla polizia. Il premier Muscat - che in un primo momento aveva dato notizia di otto arresti, salvo poi correggere il computo con un tweet - ha spiegato che, secondo gli investigatori, si tratta degli esecutori materiali e non dei mandanti dell'omicidio. Gli inquirenti hanno ora 48 ore di tempo per l'interrogatorio e per l'eventuale incriminazione.

Prima di morire, Daphne Caruana Galizia, 53 anni, uccisa aveva rivolto ripetute e dettagliate accuse di corruzione sia contro politici nelle 'grazie' di Muscat che contro esponenti dell'opposizione. Il suo assassinio ha suscitato un'ondata di sdegno a Malta e all'estero.

Il governo dell'isola, contro il quale si è scagliato il figlio della giornalista, Matthew, aveva offerto una ricompensa di un milione di euro a chi fosse in grado di fornire informazioni utili che potessero portare all'arresto dei responsabili dell'assassinio.

Nei giorni seguenti all'omicidio, la Fnsi ha organizzato – insieme con Articolo21, Amnesty International Italia e altre associazioni – un presidio nei pressi dell'ambasciata maltese a Roma, a cui ha partecipato anche l'ambasciatrice Vanessa Frazier. «Sono qui – aveva detto – per testimoniare che anche il governo maltese vuole che venga fatta giustizia sulla morte di Daphne Caruana Galizia. Garantisco l'impegno diplomatico affinché si conosca tutta la verità sulla sua morte. Non ci sarà impunità per nessuno».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più