Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 21 Feb 2020
CONDIVIDI:

Bologna, l'Aser al fianco degli ex dipendenti del Centro Stampa

I lavoratori, tra cui un giornalista, licenziati da Confcooperative senza soluzioni alternative. «Crediamo si possa trovare una ricollocazione in tempi brevi e auspichiamo che il mondo delle coop faccia il possibile per difendere e garantire il lavoro», osserva il presidente dell'Assostampa Matteo Naccari.
Matteo Naccari al Congresso Fnsi di Levico Terme

L'Associazione Stampa dell'Emilia Romagna al fianco degli ex dipendenti del Centro Stampa di Bologna, tra i quali un giornalista, licenziati da Confcooperative senza soluzioni alternative. «Crediamo – spiega il presidente Aser, Matteo Naccari – che si possa trovare una ricollocazione per loro, in tempi brevi, e auspichiamo che il mondo delle coop faccia il possibile per difendere e garantire il lavoro così come spesso viene dichiarato dai suoi vertici».

PER APPROFONDIRE
Di seguito la lettera inviata all'Assostampa dagli ex dipendenti del Centro Stampa di Bologna.

Si resta veramente stupiti di come sia facile trasmettere all'esterno una "realtà aumentata" che non corrisponde al vero. Leggendo l'intervista a Francesco Milza, presidente di Confcooperative Emilia Romagna, pubblicata sabato 8 febbraio su Il Resto del Carlino, viene da pensare che questa organizzazione di cooperative sia la migliore possibile e in assoluto, anche in grado di dettare l'agenda al neo responsabile del lavoro della nuova Giunta Bonaccini. Corre l'obbligo, da addetti ai lavori (giornalisti), fare un po' di chiarezza per amore di verità, così poco di moda in tempi di fake news. Il Sig. Milza ha già dimenticato di non aver alzato un dito quando i dipendenti di una piccola cooperativa di giornalisti, che svolgeva da 40 anni attività di ufficio stampa per Confcooperative Emilia Romagna, sono stati licenziati con effetto immediato lo scorso luglio per "giustificato motivo oggettivo". Ovvero? La cooperativa si è vista spogliata di tutte le sue funzioni, commesse e lavori, che oggi in realtà vengono svolti da altri. Senza più lavoro sufficiente, i dipendenti del Centro Stampa dalla mattina al pomeriggio si sono trovati in mezzo ad una strada. Questo per dire che prima di dettare l'agenda ad un ex sindacalista stimato nel mondo del lavoro e dell'imprenditoria emiliano romagnola, forse bisognerebbe farsi un esame di coscienza e smetterla di proclamarsi i primi della classe, Sig. Milza, dopo aver buttato fuori 3 onesti lavoratori con oltre 30 anni di servizio e tutti ultracinquantenni. E nessuno all'interno di quel mondo si è impegnato per trovare alternative. Lei che è così esperto di lavoro, lo sa cosa vuol dire essere disoccupati a questa età? Se la sente di far seguire i fatti al suo proclama preferito "non lasciamo indietro nessuno"? Perché non inizia Confcooperative Emilia Romagna a tutelare davvero il lavoro con un minimo atto di giustizia?  Questa sì che sarebbe una notizia.
Gli ex dipendenti del Centro Stampa

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più