Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 11 Gen 2021
CONDIVIDI:

Ferrara, insulti a Stefano Lolli sulla pagina Facebook del vicesindaco. L'Aser: «Rimuova quel post»

Il cronista del Resto del Carlino ritenuto colpevole «perché ha scritto una dichiarazione del Comandante della Municipale nei confronti delle donne che lavorano con lui», rileva Matteo Naccari, che riporta il commento di un follower visibile sul profilo di Nicola Lodi: 'A quel giornalista darei anche una manganellata sulle gengive'.
Il palazzo comunale di Ferrara (Foto: wikimedia.org)

«Caro vicesindaco, mi rivolgo a lei ancora una volta a difesa di un giornalista della nostra regione e della sua città, Stefano Lolli del Resto del Carlino, che viene insultato e minacciato sul suo profilo Facebook istituzionale da vicesindaco, collega ritenuto colpevole solo perché ha scritto e riportato correttamente una dichiarazione del Comandante della Municipale di Ferrara nei confronti delle donne che lavorano con lui». Lo scrive Matteo Naccari, presidente dell'Associazione Stampa Emilia-Romagna, in una lettera inviata a Nicola Lodi e al primo cittadino estense, Alan Fabbri.

«Lei vicesindaco – rileva Naccari – etichetta questa notizia come falsa (e invece mai ufficialmente è stata smentita), ma tollera anche che si usino espressioni verso il collega del tipo: 'A quel giornalista darei anche una manganellata sulle gengive'. Le chiedo quindi non solo di rimuovere questo post, ma anche di prendere posizione contro chi, nella sua città, ancora una volta, attacca la libertà di stampa, e quindi la nostra Costituzione e quindi la nostra democrazia».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più